Home Maternità

Gravidanza: pubalgia in gravidanza cosa è e come curarla

CONDIVIDI
(IStock)

E’ uno dei disturbi che può comparire verso al fine del periodo gestazionale e colpisce una donna su dieci. La pubalgia è un dolore nella parte bassa del ventre che può diffondersi anche alle cosce e alla schiena.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Voglie in gravidanza cosa sono e perchè vemngono?

La pubalgia in gravidanza: cause e rimedi

Questo dolore  intenso che colpisce la parte bassa del ventre è in parte determinato da una infiammazione dei muscoli che ricoprono il bacino e che nella donna incinta si propaga anche all’interno della coscia fino ad arrivare alla schiena. Il dolore si percepisce in modo maggiore quando si cammina o si sta sedute per un tempo troppo lungo. L’infiammazione è determinata principalmente da due fattori: i cambiamenti ormonali, a cui la futura mamma è soggetta, determinano un maggiore rilassamento dei muscoli , tendini e legamenti; l’aumento delle dimensioni dell’utero determina un sollecitazione dei muscoli dell’addome, il peso della pancia produce una inibizione dei legamenti presenti nella parete addominale.

Esistono alcuni semplici accorgimenti che permettono di alleviare il dolore prodotto dalla pubalgia, vedaimoli insieme.

Importante tenere il peso corporeo sotto controllo evitiamo di superare gli 8-11 chili che si assumono normalmente durante la gravidanza.

Indossare la panciera perchè aiuta a sostenere sia la pancia che la schiena, ma attenzione a non sceglierla troppo rigida o troppo stretta perchè può bloccare la circolazione.

Assumere una corretta postura quando si sta sedute, appoggiamo tutta la schiena allo schienale della sedia in modo da non comprimere la pancia.

Evitare di sollevare pesi per non caricare troppo la schiena o evitare di stare a lungo nella stessa posizione: se si è costretti a stare in piedi è bene appoggiare entrambi i piedi così da bilanciare il peso in modo corretto.

Applicare del ghiaccio sulla zona dolorante, il ghiaccio infatti è un ottimo antiinfiammatorio e vasocostrittiore.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: I cibi da evitare durante i nove mesi