Home Coppia

Coppia: tollerare un’infedeltà può salvare un rapporto?

CONDIVIDI

L‘infedeltà è qualcosa che si può tollerare in una coppia? Per secoli, le donne hanno mandato giù bocconi amari, costrette a tollerare le scappatelle dei mariti e a proseguire come se nulla fosse per mantenere saldo il nucleo familiare, soprattutto in presenza dei figli.

Oggi però le cose sono cambiate e l’infedeltà rappresenta la causa maggiore di divorzi, ma anche qualcosa di molto praticato nelle coppie e da ambedue i partner.

Non riguarda più soltanto gli uomini ma anche le donne si concedono qualche distrazione all’interno della relazione e alcune persone raccontano che questo modo di fare, manda avanti la storia in modo più stabile. Sarà vero? Per molte persone forse si, ma per la maggior parte delle altre, l’infedeltà rappresenta il punto alla fine della frase, c’eravamo tanto amati.

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Problemi di coppia: Ritorno di fiamma….. ne vale proprio la pena? 

L’infedeltà si può tollerare?

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Coppia: tutti i requisiti che servono per adottare un bambino 

Dove c’è una persona infedele, ce ne è un’altra che ne subisce le conseguenze che interiormente sono devastanti.

Una persona tradita, sia essa donna o uomo, viene spaccata in due nel cuore e nell’anima, si sente rifiutata, tradita e cosa ben più grave sente di non valere abbastanza da essere amata in modo esclusivo.

La domanda da porsi quindi, non è se si possa o no tollerare un tradimento, ma perché lo si debba tollerare. Dietro ogni donna o uomo capace di chiudere un occhio di fronte ad una infedeltà conclamata esiste una storia di vuoti, molto probabilmente con radici molto profonde e radicate nell’infanzia e nel rapporto con la figura genitoriale di riferimento.

Dentro se stessi, si pensa di meritare il tradimento, si pensa di dover chiudere un occhio o tutte e due perché non si merita l’amore esclusivo del partner? Se la risposta è si, allora il problema primario da affrontare è quello con se stessi.

L’altro che tradisce resta marginale al tradimento che si perpetra contro se stessi. Bisogna prendersi cura del rapporto d’amore che si ha con la propria persona, sanare le ferite, analizzare tutte le volte che ci hanno insegnato a far tacere la voce dell’insoddisfazione in nome della volontà altrui e tutto questo lo si può fare attraverso un’analisi approfondita con un professionista del settore.

Solo dopo aver recuperato se stessi e la propria autostima si potrà decidere in verità cosa fare di una persona che ci ha tradito.

Se lo si tiene accanto sarà consapevolmente, se lo si allontana lo si farà senza nessun rimpianto ma alla luce del grande amore per la propria dignità e per la propria anima.