Home Fitness

Fitness: brucia grassi con l’hula hoop tra esercizi e divertimento

CONDIVIDI
(IStock)

Fino a qualche anno fa era un semplice accessorio di gioco tra i bambini da qualche tempo è tornato in auge ma con un utilizzo tutto diverso. Stiamo parlando dell’hula hoop e del suo utilizzo in palestra. Il suo utilizzo sembra facile, ma richiede in realtà un’ottima capacità di coordinazione.

Ti potrebbe interessare anche: corpo perfetto con l’elastibend

Corpo perfetto con l’hula hoop

Nato per gioco in realtà se ben utilizzato ci consente di effettuare un allenamento completo unendo  lavoro cardio ed esercizio di tonificazione muscolare. Grazie alla sua versatilità è possibile alternare fasi di dinamiche con evoluzioni coreografiche e fasi più statiche. La cosa più importante da fare senza dubbio è di imparare a far roteare correttamente il cerchio, se si è dei principianti possiamo procurarci un cerchi di dimensioni ridotte, in questo modo sarà più facile gestirlo. Quello che dobbiamo riuscire a fare è cercare di gestire il cerchio con il nostro corpo in modo da muoverci a tempo di musica.

Ti potrebbe interessare anche: corpo perfetto con l’elastibend

Gli esercizi da compiere sono molteplici e di difficoltà crescente così da permettere un migliore  e maggiore sviluppo della coordinazione, la flessibilità e l’equilibrio. Inoltre oltre a far girare il nostro hula hoop intorno alla vita con l’esercizio e la tenacia potremmo farlo girare intorno alle braccia o alle gambe. Come fare? Bisogna far “appendere” il cerchio fra gomito e braccio e disegnare dei cerchi veloci con la mano oppure rimanendo in equilibrio su una gamba creare delle piccole circonduzioni intorno alla caviglia. Per quanto riguarda i benefici far roteare il cerchio intorno alla vita fa lavorare addominali, muscoli lombari e non solo, permette anche di rassodare le gambe le braccia ed il sedere.  Si tratta prevalentemente di un allenamento cardio che ci permette di arrivare a perdere circa 500 calorie.

Ti potrebbe interessare anche: corpo perfetto con l’elastibend