Cotechino avanzato a Natale? Il miglior modo per riciclarlo è questo

La cucina italiana è piena di idee per il riciclo intelligente, anche per i piatti di Natale, con il cotechino possiamo fare un ottimo polpettone in crosta

A corto di idee su come riciclare il cotechino avanzato a Natale o Capodanno? Ve ne diamo una noi, semplicissima e iper buona: il polpettone in crosta.

polpettone
foto Chedonna

Il ripieno interno del polpettone può cambiare in base ai gusti: altre verdure, altri affettati, altro formaggio.

Polpettone in crosta, buono caldo ma anche tiepido

Il polpettone in crosta può essere mangiato caldo, una decina di minuti dopo averlo tirato fuori dal forno oppure anche tiepido con una insalatina mista.

cotechino
foto Chedonna

Ingredienti:
2 rotoli di pasta sfoglia
500 g di carne di vitello macinata
300 g di cotechino tritato finemente
250 g di pane raffermo
1 carota
1 cipolla bianca
2 rametti di prezzemolo
1 spicchio d’aglio
2 ramettidi timo
4 cucchiai di pecorino
1 bicchiere di vino rosso
3 uova medie
300 g di spinaci
4 fette di prosciutto cotto
4 fette di scamorza affumicata
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
sale fino q.b
pepe nero q.b.
Per la decorazione
1 uovo medio
q.b. semi di sesamo

 

Preparazione: Polpettone in crosta

Puliamo bene gli spinaci (sempre che non usiamo quelli surgelati) e mettiamoli a lessare in una pentola con acqua calda leggermente salate. Calcoliamo 15 minuti, poi scoliamoli e teniamo da parte.
Poi versiamo nel boccale di un robot da cucina la carota pelata e tagliata a pezzi, lo spicchio di aglio e la cipolla spellati, quindi anche le foglioline di timo. Cominciamo a frullare tutto bene e versiamo in una ciotola.
Quindi aggiungiamo le due carni macinate (quella del cotechino cotta la tritiamo a mano con un coltello), le uova intere, un pizzico di sale, qualche macinata di pepe e amalgamiamo con il resto degli ingredienti usando direttamente le mani. Alla fine dobbiamo ottenere un impasto morbido e omogeneo.
Versiamo l’impasto del polpettone su un foglio di carta da forno e stendiamolo formando un rettangolo. Al centro piazziamo gli spinaci formando uno strato compatto. Facciamo un secondo strato con il prosciutto cotto e un ultimo con la scamorza affumicata.
Ora aiutandosi con la carta forno cominciamo ad arrotolare il polpettone chiudendo bene per non far scappare il ripieno. Non c’è bisogno di spago da cucina, basta essere precisi e quando abbiamo finito teniamo da parte.

Prendiamo un tegame abbastanza grande da contenere il polpettone, versiamo l’olio extravergine e quando ha preso calore mettiamo a rosolare il polpettone girandolo su ogni lato per sigillare bene tutti i succhi all’interno.
Una decina di minuti e poi possiamo sfumare con un bicchiere di vino rosso. Quando l’alcol è evaporato aggiungiamo un mestolino di acqua e mettiamo il coperchio. Lasciamo cuocere per circa 45 minuti e il polpettone è pronto.
Spegniamo e allontaniamo dal fuoco per lasciarlo raffreddare completamente. Solo a quel punto tiriamo fuori i due rotoli di pasta sfoglia dal frigorifero e appoggiamo al centro il polpettone. Richiudiamo la pasta sfoglia per sigillare il polpettone e poi con l’altro rotolo facciano le decorazioni per la superficie.
Piazziamo il polpettone in crosta al centro di una leccarda rivestita con carta forno, spennelliamo la superficie con l’uovo sbattuto e decoriamola con i semi di sesamo. Infine infiliamo in forno a 180°, nel ripiano centrale, per altri 25 minuti o comunque fino a doratura.