Carne di pollo: gli errori da non commettere per un risultato al top

Delicata e leggera la carne di pollo è una delle più utilizzate ma quali sono gli errori da non commettere? Ecco cosa non fare per un risultato al top.

La carne di pollo è delicata e leggera, spesso consigliata anche nelle diete dimagranti e perfetta per preparare numerosi piatti grazie alla sua versatilità e facilità di preparazione. Incappare in un errore è però molto semplice.

carne pollo errori
Fonte: Canva

Che sia un pollo intero, le cosce o il petto a fettine, cucinarlo non è poi difficile ma occorre conoscere quali sono gli accorgimenti utili. Anche perché essendo una carne magra è facile farla diventare secca. 

Scopriamo allora quali sono gli errori da non commettere con il pollo: dalla conservazione, alla cottura, passando per il condimento. Ecco cosa è meglio evitare per un risultato al top.

Ecco gli errori da non fare con la carne di pollo

Tra le carni bianche quella di pollo è una delle più utilizzate in cucina. Facile e veloce da preparare, essa è per questo una delle più consumate sia dagli adulti che dai bambini. Si cucina facilmente e non necessita di chissà quali ingredienti per esaltarla.

carne pollo errori
Fonte: Canva

Molti però commettono errori a partire da quando l’acquistano al supermercato, alla conservazione fino ad arrivare ai metodi di cottura. Scopriamo cosa non fare con a carne di pollo per un risultato al top.

1) Scelta errata della carne. Molti supermercati vendono carne di pollo prossima alla scadenza. Un errore è non controllare l’aspetto in questi casi. Se si nota che il colore della carne tende al grigio è bene non acquistarla o gettarla se già l’abbiamo dentro al nostro frigorifero.

2) Conservarla male. Molti hanno l’abitudine di acquistare il pollo e poi conservarlo per troppi giorni in frigorifero. Una scelta che può compromettere la salute visto che il pollo un volta acquistato deve stare al massimo uno o due giorni in frigorifero e poi essere cotto. Se non riusciamo a cucinarlo meglio congelarlo. Discorso diverso se invece il pollo è già cotto, in questo caso possiamo conservarlo anche per 3 giorni nel frigo senza che si deteriori.

3) Lavare il pollo. Uno degli errori che in tanti commettono è lavare il pollo sul lavandino della cucina. Una pratica che molti pensano sia utile per eliminare impurità dalla carne di pollo è quella di lavarlo prima di cuocerlo. Questo gesto però può essere dannoso per la salute in quanto rischia di contaminare oltre che il lavabo anche gli utensili e tutto quello che si trova nei dintorni.

4) Non marinarlo. Premesso che non è un errore imperdonabile, e se siamo di fretta è probabile che non riusciremo a farlo, marinare il pollo è sicuramente un’operazione che ci permette di ottenere un piatto più prelibato, oltre che un sapore più aromatico e gustoso, anche la carne sarà più tenera e succosa.

5) Cuocerlo a temperature eccessivamente alte. Se optiamo per cucinare delle fettine di petto di pollo dovremo porre attenzione a non cuocerle a temperature eccessivamente alte altrimenti rischiamo di renderle stoppacciose. La temperatura interna del pollo deve essere intorno ai 74°C.

6) Non conoscere i trucchi per non seccarlo. Qui puoi trovare i trucchi per non cucinare carne di pollo secca e stoppacciosa. 

7) Cuocerlo troppo poco. Al contrario di una cottura prolungata o a temperature troppo elevate cuocere il pollo troppo poco può essere rischioso per la salute. A differenza della carne rossa che si mangia anche al sangue, la carne di pollo deve essere ben cotta per scongiurare il rischio di batteri.