Piedi secchi e screpolati in inverno: forse commetti questi errori!

L’estate è decisamente passata e purtroppo anche tutte le cure di bellezza che dedichiamo ai nostri piedi durante la bella stagione. Se avete piedi secchi e screpolati in inverno, forse la colpa è di alcuni errori nella beauty routine e in alcune abitudini.

I piedi sostengono il peso del nostro corpo per questo andrebbero sempre coccolati non soltanto con dei trattamenti di bellezza ma anche con le calzature giuste. Troppe volte infatti ci ritroviamo con delle problematiche ai piedi per aver scelto delle scarpe troppo strette o fatte di materiali poco traspiranti.

Piedi secchi e screpolati in inverno pantofole
Chedonna.it

Come abbiamo premesso, è l’estate la stagione in cui coccoliamo di più i nostri piedi perché sempre in primo piano, ma con l’arrivo dei primi freddi eccoli chiusi negli stivali e dimenticati. Avere piedi secchi e screpolati in inverno non è raro, anzi molto comune e le cause potrebbero risiedere in trattamenti di bellezza mancati e cattive abitudini, scopriamo alcuni errori che andrebbero assolutamente evitati.

Piedi secchi e screpolati in inverno: ecco gli errori da evitare per averli sempre perfetti

I piedi dovrebbero essere sempre vellutati, morbidi, idratati e corredati di unghie perfette naturali o colorate. Se toccandoli avvertite la presenza di talloni e pianta secchi e screpolati e l’epidermide appare abbastanza rugosa anche nella zona delle unghie e delle cuticole, forse state davvero trascurandoli. Scopriamo gli errori che possono compromettere la salute e la bellezza dei nostri piedi in inverno:

1- Non esfoliare la pelle

La pelle dei nostri piedi come quella delle mani andrebbe esfoliata regolarmente anche in inverno. Per questo sarà un’ottima abitudine massaggiare uno scrub a base di sale e oli vegetali appena dopo la doccia. Con questo semplice trattamento che si potrà preparare anche in casa, si elimineranno le cellule morte e la pelle sarà liscia, vellutata e più ricettiva nei confronti dei trattamenti nutrienti ed idratanti.

2- Non idratarli abbastanza

Non basta mai applicare una semplice crema corpo anche sui piedi, ma questa parte del nostro corpo necessita di prodotti specifici dalla texture particolarmente ricca e nutriente. Esistono in commercio dei buonissimi prodotti idratanti per i piedi anche a buon mercato.

->>LEGGI ANCHE: Pelle liscia e vellutata? Vi innamorerete di questo scrub solido!

3- Non applicare i trattamenti d’urto

I trattamenti d’urto, in particolare quelli notturni o le maschere sono fondamentali per la bellezza dei nostri piedi tutto l’anno. Applicare un burro vegetale sui piedi alla sera prima del riposo notturno e proteggere i piedi con dei calzini in cotone, sarà un trattamento economico e strepitoso per avere al mattino piedi perfetti.
Anche le maschere da indossare sono un prodotto all’avanguardia che regalano ai nostri piedi idratazione e nutrimento.

4- Non utilizzare la raspa

La raspa è uno strumento fondamentale della pedicure. Utilizzarla sui talloni e sulle zone della pianta in cui la pelle tende ad indurirsi sarà il segreto per avere piedi morbidi e vellutati tutto l’anno.

5- Non utilizzare tessuti naturali

Le calze e i collant sintetici non rappresentano un indumento molto salutare per i nostri piedi. Questi tessuti tendono a sfregare la pelle e a seccarla profondamente, come anche a far sudare il piede creando a volte anche un terreno fertile per la proliferazione micotica e batterica.
Quando possibile bisognerebbe cercare di indossare sempre calze di fibre naturali come cotone e lana.

->>LEGGI ANCHE: Pelle sempre più giovane? 5 segreti di bellezza che dovresti conoscere!

6- Non indossare calzature ergonomiche

Le calzature sono ad oggi le nemiche numero uno dei nostri piedi, questo perché in nome dello stile e della bellezza si scelgono calzature strette e forse troppo alte. Come nel caso delle calze, quando è possibile la miglior scelta sarebbe quella di indossare calzature con una pianta larga e con una suola ergonomica di cui beneficeranno i piedi ma anche la schiena.