Pesca Melba: ecco la ricetta del dolce classico in stile anni ’80 con frutta e gelato

La pesca Melba è un dolce tipico degli anni ’80 ma sempre buono da riproporre composto da frutta e gelato: ecco la ricetta.

La Pesca Melba è un dessert inventato a Londra alla fine dell’ ‘800 dallo chef francese Georges Auguste Escoffier per rendere omaggio alla cantante d’opera australiana Nellie Melba che lo stesso ammirava molto.

Nella ricetta tradizionale la pesca viene fatta macerare nello zucchero altrimenti c’è anche chi utilizza la pesca sciroppata. Per il gelato in genere si opta per il gusto alla vaniglia e poi si completa il tutto con un delizioso topping ai lamponi.

Scopriamo subito la ricetta della pesca Melba, un dolce tipico degli anni ’80 ma sempre buono da riproporre con il suo fascino un po’ retrò che riesce sempre a stupire i nostri commensali. Ecco la ricetta.

Scopri la ricetta della pesca Melba

pesca gelato e lamponi
Fonte: Canva

Una ricetta vintage inventata alla fine dell’800 ma ancora attuale e servita soprattutto d’estate con le pesche di stagione. Altrimenti si può preparare tutto l’anno utilizzando però le pesche sciroppate, qui trovi gli errori da non fare se le prepari in casa, e dei lamponi anziché freschi, surgelati.

Scopriamo subito come si prepara questo dessert tipicamente estivo a base di pesche, lamponi e gelato alla vaniglia.

Ingredienti per 4 persone

  • 2 pesche mature
  • 400 g gelato alla vaniglia
  • 200 g di zucchero semolato
  • 600 ml di acqua

Per decorare

  • 100 g di lamponi per la salsa + una manciata per decorare
  • 20 g di mandorla a scaglie
  • 1 limone

Preparazione

Iniziamo dalle pesche: laviamole e poi dividiamole a metà incidendole dal fondo e seguendo la linea centrale in modo da applicare un taglio preciso e netto. Sbollentiamole per un minuto in acqua bollente, quindi le scoliamo e le raffreddiamo in una boule di acqua fredda e ghiaccio. Ora possiamo rimuovere facilmente la buccia quindi togliamo i noccioli.

A questo punto in una pentola facciamo bollire l’acqua e lo zucchero. Quando giunge all’ebollizione introduciamo le pesche e lasciamo cuocere per circa 3 minuti. Quindi spegniamo la fiamma e lasciamo in ammollo per 10 minuti.

Intanto se abbiamo acquistato il gelato già pronto per renderlo un po’ più morbido possiamo prelevarlo dal freezer e lasciarlo fuori così da renderlo più cremoso al momento di gustarlo.
Occupiamoci dei lamponi. Laviamoli e asciughiamoli quindi li schiacciamo con un cucchiaio e poi li filtriamo con il colino in maniera da ottenere il succo. Aggiungiamo il succo del limone e una puntina di zucchero. Mescoliamo bene il tutto.
A questo punto non ci resta che impiattare il nostro dessert. In una ciotolina o una coppa per gelato mettiamo mezza pesca dal lato del nocciolo. Adagiamo sopra una pallina di gelato alla vaniglia. Versiamo lo sciroppo di lamponi ottenuto, aggiungiamo le scaglie di mandorle e decoriamo con qualche lampone intero. Serviamo subito.

Se vogliamo rendere il nostro dessert ancora più aromatico possiamo decorare anche con una fogliolina di menta. Inoltre, potremo ancora tostare le mandorle per qualche istante in una padella in questo modo diventeranno più croccanti. Se infine, non abbiamo le pesche fresche possiamo optare anche per quelle sciroppate.