Polpo perfetto? Forse anche tu stai commettendo questi errori

La cottura del polpo è un bell’esercizio per tutti, ma con i nostri consigli sarà molto più facile evitare errori e avere un polpo perfetto

Tutti lo amano, non tutti lo cucinano o lo sanno cucinare bene. Perché il polpo è grande protagonista nella nostra cucina in tantissime ricette golose ed è anche facile da preparare,se sappiamo come muoverci. E allora vediamo cosa dobbiamo fare e gli errori da non commettere.

->> LEGGI ANCHE: Tortelloni ripieni di ricotta con ‘nduja e polpo: la ricetta dello chef Simone Buzzi

LA SCELTA DEL POLPO
Il primo passo fondamentale è quello di scegliere la materia prima. Se avete un pescivendolo amico, il gioco è fatto perché lui saprà consigliarvi come fare e su quale prodotto puntare. Ma in ogni caso ci sono segreti facili da scoprire per scegliere bene.
Il primo è quello di scegliere un polpo… polpo. Non è un gioco di parole, ma la realtà perché dovete cominciare a riconoscere il polpo vero: è solo quello con due file di ventose sui tentacoli. Quindi contatele e se non le vedete, significa che quello che avete in mano è un moscardino più grande ma comunque non un polpo verace. Partire bene è sempre il pirmopl passo per ujna buona ricetta, vale anche in questo caso.

Polpo da urlo, come e dove cuocerlo

polpo errori
canva

Ora che avete scelto il polpo e lo avete fatto bene arriva la fase della cottura, l’esame di laurea per una brava cuoca. Ma studiare per passarlo è anche facile

QUANTO TEMPO SERVE
Un polpo di dimensioni normali, diciamo attorno al chilo, cuoce in pentola per circa 40-45 minuti perché deve essere bello morbido. Esiste però un’alternativa altrettanto valida e che fa risparmiare tempo, si chiama pentola a pressione.
Mettete il polpo sul fondo, aggiungete gli aromi che servono, poi un filo d’olio e chiudete accendendo il fuoco medio-alto. Quando la pentola a pressione fischia, abbassate la fiamma al minimo e in 20 minuti il polpo è pronto. Il nostro consiglio è quello di lasciare comunque chiusa la pentola fino a quando la pressione cala, senza farla sfiatare. Così terminerà di cuocere in modo naturale prima di toglierlo.

->> LEGGI ANCHE: Non buttare l’acqua di cottura del polpo. Scopri subito a cosa serve e come riutilizzarla

IN PENTOLA IL POLPO NON GALLEGGIA
La saggezza popolare dove che il polpo si cuoce nella sua acqua. Quindi diffidate delle ricette che vi dicono di mettere pentoloni grandi pieni di acqua. In realtà è sufficiente mettere il polpo in una pentola con un filo d’olio, uno spiccio d’aglio e aromi come foglia di alloro oppure un mazzetto di prezzemolo.
Prima di accendere, mezzo bicchierino d’acqua e basta. Mettete il coperchio, accendete la fiamma bassa e poi lasciate che arrivi lentamente a cottura. L’acqua che libera in quei minuti,ouò essere usate per arricchire una zuppa di pesce.

E LA GRIGLIA?

Polpo
Canva

Come i calamari, i moscardini e altro, pure il polpo è perfetto per la griglia, ad un solo patto però: prima deve essere comunque bollito. Ma se avete deciso di cuocerlo sulla brace, ricordatevi di non metterlo direttamente sulla griglia. Rischiate di bruciare i tentacoli che passano di sotto. Per queste scegliete una piastra con fondo piatto, in modo da avere una base su cio appoggiare e cuocere il vostro polpo.