Sfogliatella riccia, tutti i segreti e gli errori da non commettere

Se amate la pasticceria napoletana, adorerete la sfogliatella riccia. Potete provare a prepararla anche a casa, ma occhio a questi errori

In mezzo ai dolci della pasticceria napoletana, la sfogliatella riccia occupa un posto speciale un po’ come la sua forma, tipica e assolutamente unica. Nella sua preparazione ci sono diversi passaggi da seguire anche se quello più lungo è la preparazione della pasta sfoglia.
Ed è proprio questa in fondo la sua caratteristica, ma anche il passaggio più delicato. Perché la sfogliatella può dare grandi gioie ma anche enormi dolori se sbagliamo qualche fase rovinando tutto il lavoro che abbiamo realizzato. E allora vediamo quelli più comuni da non commettere.

->> LEGGI ANCHE: Sfogliatelle rustiche alla pizza: una pausa sfiziosa e light dal gusto napoletano!

L’elemento fondamentale della sfogliatella riccia, come potete ben immaginare, è la pasta sfoglia. Se avete acquisito sufficiente manualità, non cercate scorciatoie comprandolo già pronta. Preparatela a casa, con la ricetta classica, e tenetela in frigorifero fino a quando la dovete lavorare per la sfogliatella.
Uno degli errori più comuni è quello di non arricchire abbastanza l’impasto con i grassi. La pasta sfoglia per sua natura deve essere equilibrata e quella della sfogliatella napoletana prevede lo strutto al posto del burro. Quindi non abbiate paura ad usarlo, durante tutte le fasi della sfogliatura, altrimenti sarà tutto inutile.

Quando la pasta sfoglia è pronta, la dovete stendere con lo spessore giusto. Non troppo sottile, perché comunque deve contenere un ripieno e quindi rischierebbe di rompersi in cottura. Ma nemmeno troppo spessa, perché in quel caso il ripieno andrebbe a perdersi.
Fondamentale in tutte le ricette che prevedono la pasta sfoglia, ma ancora di più in questa, è il tempo di riposo. Quando è pronta, deve riposare almeno un giorno e poi altre 24 ore dopo averla arrotolata e divisa in pezzi.

Sfogliatella riccia, ripieno e cottura da non sbagliare

 sfogliatelle riccia
foto da adostock

Se la pasta sfoglia è l’elemento cardine della sfogliatella riccia napoletana, non è comunque l’unico errore che dovete evitare. Anche il ripieno ha il suo perché e per questo dovete equilibrare bene gli altri ingredienti. Se mettete troppa semola, una dose eccessiva rispetto alla ricotta, il risultato sarà uno solo: dopo la cottura e il raffreddamento, la sfogliatella sarà immangiabile perché il ripieno diventerà appiccicoso e massiccio. Insomma, un lavoro inutile. Per questo, rispettate sempre le dosi previste dalla ricetta.

->> LEGGI ANCHE: Sfogliatelle di patate con speck e formaggio | un contorno facile e gustoso

Dovete sempre avere cura degli ingredienti, senza barare. Se nella farcitura della sfogliatella sono presenti canditi e aromi naturali come vaniglia, cannella e scorza di agrumi, usate quelli senza cercare sostituti (tipo aromi artificiali).
L’ultimo passaggio è la cottura e anche quella merita attenzione. L’ideale per questa ricetta è cuocere le sfogliatelle ricce un giorno prima di servirle, perché così si compattano bene.

sfogliatelle ricce
foto: Adobe Stock

Ma in gni caso dovete farle raffreddare con attenzione. Il prodotto finale è croccante, ma nopmn duro, ricordatevelo.