Hai una cattiva abitudine da cui non riesci a liberarti? Impara a gestire i vizi così

Gestire le cattive abitudini è un aspetto molto importante dell’autocontrollo, ma spesso si incontrano moltissime difficoltà nel farlo: ecco i consigli giusti per iniziare a controllare i propri vizi in maniera sana.

gestire cattive abitudini
(Pexels)

Quando si pensa alle cattive abitudini si pensa principalmente a quelle più dannose, come il consumare quantità eccessive di cibo, avere una dipendenza da alcool o una dipendenza da droghe. La dipendenza da caffeina e tabacco è vista come un “problema minore” della nostra società, quindi molto più tollerato di tutti gli altri.

Si tratta però di cattive abitudini che hanno un costo molto alto dal punto di vista del benessere fisico e del benessere psicologico.

Oltre a queste cattive abitudini considerate “comuni”, ci sono molte altre cattive abitudini che vengono spesso trascurate e gestire in maniera inefficiente, peggiorando moltissimo la qualità della vita delle persone.

È possibile imparare a controllare le cattive abitudini? Assolutamente sì, a patto di farlo nella maniera giusta.

Gestire vizi e cattive abitudini non significa interromperli del tutto

gestire cattive abitudini
(Pexels)

Un errore molto comune che viene commesso dalle persone che si impegnano a gestire i propri vizi e a controllare le cattive abitudini è quello di adottare un approccio totalizzante.

Per fare un esempio concreto, una persona che ha sviluppato una dipendenza da social potrebbe decidere, da un giorno all’altro, di non aprire più il proprio profilo Instagram.

Anche se la persona in questione fosse così coerente e decisa da rinunciare effettivamente ai social per 10 giorni di seguito, di certo nel momento in cui dovesse “cedere” alla tentazione di riaprire l’applicazione sul proprio telefono ricadrà nel vizio.

Alla stessa maniera, decidere di eliminare il junk food dalla propria vita per condurre uno stile di vita più salutare e attivo è un’ottima idea: l’importante è non farlo all’improvviso.

LEGGI ANCHE=> Stop al cibo spazzatura? Attenta alle crisi di astinenza

In pratica, quindi, gestire i vizi significa semplicemente imparare a convivere con essi facendo sì che non abbiano un impatto drammaticamente negativo sulla nostra vita.

L’importanza della gradualità

Netflix account
(Pexels)

Come già accennato, la scelta che molte persone operano per gestire vizi e cattive abitudini è quella di interrompere completamente determinate attività.

Dal momento che questa scelta così drastica provoca crisi di dipendenza, è necessario trovare un approccio diverso e più funzionale per “addomesticare” i nostri vizi piuttosto che cancellarli con un colpo di spugna.

Una delle dipendenze più comuni degli ultimi mesi è il binge watchingè la perfetta cattiva abitudine per capire come gestire i vizi nella maniera corretta.

Smettere di guardare la propria serie TV è follia, dal momento che si tratta di un passatempo innocuo e piacevole se praticato nella giusta maniera. Continuare a seguire i propri programmi preferiti ma fissando un limite di tempo e concentrandosi su di esso è invece l’approccio vincente.

L’idea di base è quindi quella di guardare serie televisive per un certo tempo, ad esempio un’ora: se le puntate della serie televisiva che stiamo seguendo durano 20 minuti se ne potranno vedere cinque, mentre se una serie propone puntate di 40 minuti se ne potranno vedere una o al massimo due di seguito.

Fondamentalmente è importante riflettere sui benefici che una determinata passione porta nella nostra vita e fare in modo che prenda il controllo della nostra vita. 

equilibrio
(Pexels)

Ecco alcuni aspetti da tenere assolutamente in considerazione:

  1. Per aiutarsi a superare lo scoglio del “limite” bisognerà pensare che non si sta rinunciando a qualcosa, lo si sta solamente gestendo
  2. Procurarsi un piccolo piacere ogni tanto, in maniera controllata, permetterà di assaporare meglio e godere più profondamente delle cose che amiamo
  3. Godere di qualcosa a piccole dosi permette di far durare il piacere più a lungo, senza doversi affannare ogni pochi giorni per andare alla ricerca di un nuovo piacere (una nuova serie TV, un nuovo tipo di vino, un nuovo tipo di dolce)
  4. Gestire i vizi controllandoli eviterà di entrare nella fase del rigetto. Dopo aver mangiato o bevuto per mesi e mesi grandi quantità di una certa cosa che ci piaceva, si potrebbe finire con l’odiare ciò che prima si amava.

Da leggere