Minestrone di verdure perfetto? Ecco i trucchi per un risultato impeccabile

Il minestrone di verdure è uno dei piatti più consumati in inverno: ecco i trucchi per un risultato impeccabile.

minestrone
Adobe Stock

Il minestrone è uno di quei piatti che si consumano con piacere in inverno e volendo anche tiepido o freddo in estate. In ogni caso rappresenta un comfort food tipico della stagione fredda e che apporta all’organismo numerosi benefici.

Da che mondo è mondo quale mamma o nonna non l’ha proposto ai propri bambini, con risultati più o meno positivi. Infatti i bimbi generalmente non lo amano particolarmente, un peccato però, visto che il minestrone è un’ottima fonte di vitamine, sali minerali e proteine vegetali.

Scopriamo allora quali sono i trucchi per preparare un minestrone a regola d’arte seguendo alcuni piccoli trucchi che ci permetteranno di ottenere un risultato impeccabile.

Ecco i trucchi per un minestrone impeccabile

Fonte: Istock

Il minestrone è notoriamente un piatto della tradizione contadina definito povero. Poi negli anni si è evoluto fino a diventare nei giorni nostri un piatto benefico per la salute. Non tutti i minestroni però sono gustosi e preparati a dovere.

A volte si presenta come una poco gustosa brodaglia insipida con qualche pezzo di verdura qua e là di verdura, altre invece sa troppo di dado ed è quindi salato. Sono tanti gli errori che si possono commettere quando si prepara un minestrone fino a comprometterne il gusto finale.

Scopriamo allora quali sono i trucchi per ottenere un minestrone impeccabile e che forse rivaluteranno anche i nostri bambini, in genere ostili di fronte ad un piatto di verdure.

1) Utilizzare i prodotti di stagione. Quante volte vi abbiamo ribadito l’importanza di consumare verdure di stagione? Bene, anche in questo caso lo diciamo ancora una volta. Il minestrone dovrà contenere principalmente verdure di stagione. Uno dei motivi principali è che le verdure sono più ricche di sapore rispetto a quelle coltivate in serra.

2) Tagliare i pezzi piccoli e tutti delle stesse dimensioni. Oltre che per un aspetto estetico fare i pezzi piccoli stimolerà maggiormente l’appetito, anziché vedere quei pezzettoni galleggianti. Inoltre permetterà alle verdure di cuocersi in maniera più omogenea.

3) Mettere la giusta quantità d’acqua. Se esagerate otterrete il tanto odiato effetto brodaglia che poco attrae i palati in generale, figuriamoci quelli dei più piccoli. L’acqua dovrà ricoprire le verdure ma non essere troppo abbondante altrimenti l’effetto acqua sporca è assicurato. Con la giusta quantità d’acqua invece otterrete un risultato bello denso e cremoso.

4) Cottura lenta. Il segreto per un minestrone buono e saporito è farlo andare lento. A fiamma bassa per almeno un’oretta. Altrimenti potrete usare la pentola a pressione, in tal caso i tempi di cottura si dimezzano.

5) Riposo. Il minestrone è uno di quei piatti che sono più buoni e saporiti il giorno successivo. Questo perché le varie verdure hanno modo di amalgamarsi tra di loro e sprigionare i loro aromi.

6) Evitare il dado. Meglio sostituirlo con le erbe aromatiche e volendo con qualche spezia. Via libera allora a rosmarino, salvia, alloro, timo, prezzemolo, e se gradite potrete aggiungere della curcuma, ad esempio. Qui trovi come sostituire il dado nelle ricette.

7) Passato o no? C’è chi lo preferisce passato, e chi invece lo odia. Possiamo optare per una via di mezzo, ovvero passarne una parte e l’altra lasciarla intera così da conferire al minestrone una piacevole cremosità.

8) Aggiungere pasta o riso. Il bello del minestrone è che possiamo utilizzarlo da solo o con la pastina dentro. Ottimo anche con cereali come riso, orzo farro. Insomma le opzioni sono tante, a voi la scelta.

pixabay

9) Legumi a parte. Infine, ricordiamoci di usare legumi secchi o freschi ma di cuocerli a parte visto che hanno tempi di cottura ben diversi dalle altre verdure.

Da leggere