Pelle Matura: tutti i segreti per un trucco perfetto e naturale

La Pelle Matura ha bisogno di un’ottima base trucco per risplendere e conservare un aspetto fresco e sano: ecco come procedere.

Pelle matura 5 trattamenti fai da te
Fonte foto: AdobeStock

Una delle maggiori difficoltà che si incontrano truccando la pelle matura è costituita dalle piccole rughe di espressione e dai pori allargati che costellano gran parte della superficie del viso.

Nei pori e nei piccoli solchi della pelle tendono ad accumularsi i prodotti cosmetici che, se non vengono applicati con tutte le dovute accortezze, finiscono inevitabilmente per marcare le rughe e gli altri segni dell’età piuttosto che camuffarli e nasconderli.

Il modo migliore per truccare la pelle matura consiste quindi nel curare la qualità e la salute dell’epidermide con una skin care mirata a soddisfare le necessità delle pelli mature.

Inoltre è necessario scegliere accuratamente i prodotti da applicare sul viso e prestare massima attenzione alla quantità di prodotto che si applica. Meglio abbandonare polveri perlacee o troppo luminose e optare per colori neutri e opachi. Un altro consiglio da seguire sempre è di utilizzare la minor quantità di prodotto possibile.

I segreti del trucco perfetto per la pelle matura

pelle matura
(Instagram)

Con lo scorrere degli anni la pelle del viso vede attenuarsi i contrasti e, pertanto, il viso perde di definizione. Per questo motivo il trucco deve essere utilizzato in maniera sapiente, per donare di nuovo all’incarnato i colori caldi e piacevoli della gioventù.

Il rischio di scegliere colori troppo scuri però è concreto, soprattutto per quanto riguarda il fondotinta e il blush. In questo caso però il risultato sarà opposto all’obiettivo originario, e il viso apparirà inevitabilmente invecchiato e affaticato.

La creazione della base trucco per pelle matura

La base trucco dev’essere realizzata letteralmente a regola d’arte, al fine di minimizzare le discromie cutanee e dare all’incarnato un colore omogeneo e luminoso che faciliterà enormemente tutte le operazioni successive.

Tutti i prodotti che andranno utilizzati per creare la base trucco dovranno essere idratanti e fluidi, in grado di donare morbidezza e idratazione alla cute.

L’utilizzo del primer è assolutamente consigliato dai 50 anni in poi, poiché aiuta a restringere i pori delle gote e facilità l’applicazione del fondotinta.

Come truccare gli occhi dopo i 50 anni?

La pelle intorno agli occhi è quella che più risente dell’avanzare dell’età: comincia inevitabilmente a raggrinzirsi e a perdere elasticità. Per questo motivo è fondamentale idratarla con una crema contorno occhi apposita e applicare pochissimo fondotinta affinché non si depositi nelle molte pieghe della pelle.

Per quanto riguarda l’ombretto, intorno ai 50 anni andrebbero assolutamente lasciati da parte gli ombretti glitter, perlati o molto lucidi, che metterebbero inevitabilmente in evidenza i piccoli e grandi solchi della pelle intorno agli occhi.

Meglio scegliere colori naturali, optando per ombretti opachi da sfumare con grande attenzione. Non è detto che non si possano scegliere toni molto scuri, al contrario sono perfetti per ricreare i contrasti di cui si è già parlato.

Ciglia e sopracciglia: la parola d’ordine è “definizione”

Le ciglia e le sopracciglia perdono la loro pigmentazione con lo scorrere del tempo e tendono a diventare meno visibili. Per questo motivo è necessario definire e ridisegnare la forma delle sopracciglia con matite e gel appositi.

Le ciglia andranno invece modellate con il piegaciglia e definite attraverso un uso abbondante di mascara. Con questi due semplicissimi accorgimenti lo sguardo recupererà luce e carisma.

L’eterno dilemma del blush dopo i 50 anni

Il blush è uno dei migliori amici delle donne over 50, a patto di utilizzare un colore adeguato, non troppo scuro rispetto all’incarnato e assolutamente non lucido. Da evitare quindi blush cremosi illuminanti, che finiranno necessariamente per far risaltare i pori dilatati caratteristici di una pelle matura.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lina Piccolo (@lina_makeup)

Per un viso più giovane e fresco si può optare per blush rosati ben sfumati in corrispondenza delle gote, oppure appena più scuri. L’importante è che l’effetto finale sia molto naturale e non “posticcio” come capita spesso di vedere su donne di una certa età.

Giocare con la seduzione: le labbra

Invecchiando le labbra diventano più sottili e meno definite: in una parola “si svuotano” della loro polpa e sulla loro superficie compaiono inevitabilmente piccoli solchi verticali che danno alle labbra un aspetto raggrinzito.

La parola d’ordine in questo caso è “idratazione”, da curare con molta attenzione soprattutto nelle ore appena precedenti il trucco. Anche un leggero scrub sarà un ottimo alleato per lisciare la pelle delle labbra permettendo di stendere il rossetto in maniera omogenea, senza che il prodotto si accumuli nei solchi delle labbra.

Per quanto riguarda la forma delle labbra molto spesso sarà necessario ridisegnarla attraverso l’utilizzo della matita prima di procedere all’applicazione del rossetto. In questo caso un consiglio fondamentale è quello di mantenere una forma naturale, senza disegnare un nuovo contorno delle labbra molto distante da quello originale. In quel caso l’effetto “pagliaccio” è spiacevolmente assicurato.

Per Approfondire l’Argomento => Pelle Matura: come si presenta e come si cura la pelle “da adulti”?