Natale ai tempi del Covid, la battuta di Giuseppe Conte: cosa ha detto

Conte e il Natale durante la pandemia COVID-19 (Getty Images)
Conte e il Natale durante la pandemia COVID-19 (Getty Images)

Il Premier Conte a colloquio con i sindacati. Durante il meeting con le diverse sigle sindacali, il Presidente del Consiglio torna a parlare del Natale e predica prudenza. Le parole del primo ministro.

Natale, il Premier Conte fa il punto della situazione (Getty Images)
Natale, il Premier Conte fa il punto della situazione (Getty Images)

Mentre si cerca di trovare una quadra sul piano dei contagi, il Premier Conte convoca i sindacati per parlare di lavoro: nell’incontro con le diverse sigle si è affrontato il problema della crisi economica e soprattutto del blocco dei licenziamenti. Il tetto massimo, come limite da imporre, resta marzo 2021. Nel frattempo, però, occorre pensare agli ammortizzatori sociali.

In tal senso si vanno a collocare i vari Decreti Ristori e Ristori bis, ma i sindacati (CIGIL e Landini in primis) chiedono maggiori tutele. Conte risponde che sarà fatto il massimo possibile, altra stoccata a chi tacciava il Governo nei mesi scorsi di aver dormito sugli allori.

Conte a colloquio con i sindacati: blocco dei licenziamenti e ammortizzatori sociali le priorità

Conte, la battuta sul Natale con il COVID-19 (Getty Images)
Conte, la battuta sul Natale con il COVID-19 (Facebook)

Dagli allori agli addobbi, infatti il Premier trova anche il tempo – malgrado i molteplici temi sul tavolo – di parlare anche delle festività natalizie: sarà un Natale diverso, questo si poteva intuire, la chiusura totale per il momento è da escludere. Tuttavia, una stretta alle misure restrittive potrebbe essere data a ridosso dei giorni di festa. Anche se è una decisione da prendere con le dovute cautele.

Tutto dipenderà dalla curva dei contagi, ma intanto il Premier fa di tutto per invitare alla prudenza e alla responsabilità collettiva: molti i richiami ai pranzi e alle cene natalizie che dovranno esser fatti in maniera diversa rispetto al passato. Parenti ridotti al minimo e massima accortezza. Concetti che stridono con la voglia collettiva di un popolo di poter tornare alla normalità: l’obiettivo è in avvicinamento, ma c’è ancora un pezzo di strada da fare.

Natale, stoccata del Premier Conte: la battuta suona come un monito

Allora il Presidente del Consiglio rincara la dose, sperando di rendere meglio il concetto: “Il Natale è spiritualità, non viene bene in tanti”. Una battuta, che avrà fatto ridere in pochi visto il periodo in cui siamo, in grado di scandire il segno dei tempi. Laddove non arrivano (ancora) i decreti, possono fare qualcosa in più le raccomandazioni: almeno questo è quello che si augura – restando in tema di feste – l’Esecutivo.