Nuovo DPCM entro stasera: dichiarazioni sottosegretaria Sandra Zampa

La notizia di un nuovo DPCM entro stasera cala sul popolo italiano che è sempre più preoccupato per la crisi sanitaria ed economica.

Nuovo DPCM, le parole di Giuseppe Conte alla Camera (Facebook)
Nuovo DPCM, le parole di Giuseppe Conte alla Camera (Facebook)

Il premier Giuseppe Conte già nella giornata di ieri aveva chiesto di intervenire alla Camera per poter parlare della situazione che si sta sviluppando a seguito del precedente DPCM e delle conseguenze tutt’ora “pesanti” sulle spalle del popolo italiano.

Tutta la popolazione italiana era certa che ci sarebbe stato un nuovo DPCM nel corso di questa settimana, viste le molteplici dichiarazioni a riguardo.

Di recente l’opinione pubblica italiana, così come il governo, si era diviso fra chi era per il loockdown totale e chi invece non era assolutamente d’accordo con questo.

Quest’ultima posizione è stata ampliamente dimostrata a seguito di tutte le proteste che hanno interessato sia il Nord che il Sud.

Era quindi inevitabile che il nuovo DPCM dovesse essere una mistura di misure morbide e più restrittive.

Oggi scopriamo alcune dichiarazioni della sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa.

Vediamo in dettaglio.

Nuovo dpcm entro stasera secondo Zampa

Spostamento fra regioni, via libera dai primi di giugno (Getty Images)
Spostamento fra regioni tramite emzzi privati e pubblici (Getty Images)

Il nuovo Dpcm di misure contro il coronavirus arriverà entro stasera, più precisamente, secondo quanto dichiarato, “nelle prossime ore”.

Il tentativo che si sta facendo è quello di evitare misure che siano troppo rigide e che possano mettere in ginocchio il paese.

Secondo quanto dichiarato dalla sottosegretaria il tentativo sarà quello di non paralizzare il Paese.

Sembra infatti che il nuovo DPCM, che ripetiamo dovrebbe essere diffuso stasera, non sarà un lockdown rigido, ma simile al modello tedesco, “un lockdown light”.

La sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa, su Rai Radio1 a Radio anch’io, ha rilasciato quindi importanti dichiarazioni in merito.

Più precisamente ha dichiarato: “È abbastanza complicato cercare di fare una misura sartoriale basata su zone, è uno sforzo grandissimo che stiamo facendo. Il tentativo è non paralizzare il paese, voglio che sia chiaro. Non sarà un lockdown rigido, ma simile al modello tedesco, light”.

Le dichiarazioni della sottosegretaria alla Salute fanno seguito alle dichiarazioni alla Camera, dove abbiamo scoperto qualcos ain più sul nuovo DPCM, di Giuseppe Conte, nostro presidente del Consiglio dei Ministri, che anche ai social aveva affidato le sue rassicurazioni circa la distribuzione del vaccino.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

ll Ministero della Salute, su mia richiesta, sta già lavorando a un piano operativo per la distribuzione dei vaccini, così che quando inizieranno ad arrivare le prime dosi potremo procedere in modo organizzato, secondo un piano prestabilito, ordinato. Ragionevolmente prevedo che favoriremo le fasce della popolazione più fragili e vulnerabili e gli operatori più esposti al pericolo. Tra le fasce più vulnerabili il Governo considera anche le persone più anziane: sono i nostri cari, che hanno realizzato la ricostruzione del Paese dalle rovine del secondo conflitto mondiale; sono i nostri genitori, i nostri nonni, che con laboriosità e spirito di iniziativa hanno consentito al nostro Paese di vivere il miracolo economico che ci ha proiettato fra le potenze più avanzate del Pianeta, membri del G7.

Un post condiviso da Giuseppe Conte (@giuseppeconte_ufficiale) in data:

Seguiranno aggiornamenti.