I Pericoli e i Rischi della Crescita Personale: evolversi o perdersi?

La Crescita Personale è un percorso che può portare molti benefici ma può anche escludere le persone dal mondo reale: si tratta di pericoli concreti e non bisogna assolutamente pensare “a me non capiterà”.

crescita personale illusioni
(Pixabay)

La Crescita Personale può essere definita, in maniera molto generale, come un percorso alla scoperta di sé, dei propri bisogno e delle proprie potenzialità. 

Al termine di un percorso condotto in maniera responsabile si dovrebbe riuscire a toccare con mano la felicità, o almeno il tipo di felicità di cui abbiamo bisogno in un determinato momento della nostra vita.

Tutte le discipline legate alla crescita personale hanno conosciuto un’enorme diffusione nel corso degli ultimi anni, durante i quali le persone hanno sentito sempre più spesso la necessità di costruire basi solide sulle quali sviluppare la propria vita.

Purtroppo, insieme alla diffusione di indicazioni sensate per il benessere psicologico dell’individuo, sono state diffuse spesso molte credenze e pratiche piuttosto pericolose. 

Ecco quali sono i pericoli maggiori a cui va necessariamente incontro chi comincia un percorso di crescita personale.

La Crescita Personale e i suoi inaspettati pericoli

crescita personale illusioni
(Pixabay)

La crescita personale veicola di solito molti concetti e pensieri positivi in merito all’individuo e soprattutto alla percezione che l’individuo ha di se stesso.

Molti manuali e pratiche di crescita personale si focalizzano infatti sull’aumentare la propria autoconsapevolezza, insegnando a mettere un forte accento positivo sugli aspetti che ci piacciono della nostra personalità mentre i difetti vengono letteralmente messi da parte o rigettati come “non appartenenti” alla vera personalità di una persona.

Non si può affermare che questo sia un approccio sbagliato in tutto e per tutto. Si tratta infatti di un approccio molto funzionale per fornire a chi comincia il percorso una “direzione” molto precisa lungo la quale convogliare i propri sforzi di miglioramento.

Purtroppo però in determinati casi si arriva a utilizzare vere e proprie tecniche di condizionamento mentale, con la ripetizione di frasi o veri e propri “mantra” che servono a galvanizzare una persona donandole grande fiducia nei confronti dei propri mezzi emotivi.

Purtroppo, soprattutto sul lungo periodo, questo genere di pratiche provoca moltissimi danni, molto più numerosi rispetto ai problemi che è in grado di risolvere.

Può accadere infatti che una persona piuttosto ingenua, sprovveduta o semplicemente molto influenzabile dal punto di vista psicologico finisca per costruire una percezione di sé e delle proprie azioni molto lontana dalla realtà.

“Sono in grado di superare qualsiasi ostacolo” oppure “non ho più questo difetto” sono pensieri ricorrenti che indicano un chiarissimo condizionamento o auto – condizionamento mentale di cui potrebbe essere molto difficile liberarsi.

Molte persone finiscono inoltre per costruirsi una bolla di relazioni sicure proprio all’interno del circuito della crescita personale. Frequentano corsi, lezioni, convention, eventi legati all’argomento e finiscono per conoscere molte persone che condividono gli stessi interessi e soprattutto le stesse prospettive.

Non ci sarebbe assolutamente nulla di male, se non fosse che nella maggior parte dei casi queste frequentazioni finiscono con il diventare le uniche frequentazioni all’interno delle quali la persona in questione si sente a suo agio e, quindi, le uniche con cui vorrà condividere la propria vita.

Com’è semplice immaginare, l’estraniamento dal mondo reale a questo punto diventa un pericolo sempre più concreto affrancarsi da quell’ambiente potrebbe diventare addirittura doloroso.

Un altro dei pericoli più concreti relativi alla crescita personale è trasformare se stessi in allievi diligenti ed entusiasti in evangelizzatori di crescita personale. Se tutti i propri discorsi finiscono con il ruotare intorno all’argomento o affrontare aspetti molto specifici dell’argomento, anche con persone non interessate, allora il distacco dalla realtà è totale.

La crescita personale dovrebbe infatti riuscire a mettere in collegamento se stessi con il sé più profondo ma di certo non dovrebbe rendere gli altri invisibili o insignificanti se non si interessano di psicologia o di spiritualità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ALLENAMENTO | NUTRIZIONE (@alessiocereda) in data:

Al fine di evitare questo genere di atteggiamenti, profondamente tossici non solo per noi stessi ma anche per le persone che ci stanno intorno, è necessario rimanere a più stretto contatto possibile con il mondo a cui la crescita personale intende prepararci.

Inoltre bisogna sempre rimanere focalizzati sui risultati oggettivi della crescita personale e non soltanto sulla passione e sulla sensazione di esaltazione che genera in noi e nelle persone che seguono percorsi simili. Solo in questo modo rimarremo al sicuro dai pericoli della crescita personale, confusi in un mare di buone intenzioni.

Potrebbe interessarti anche => Crescita Personale: sai davvero di cosa hai bisogno per essere felice?

 

Da leggere