Ministro Speranza: “I dati Coronavirus ci lanciano una sfida enorme”

0
128

Sono giorni concitati per il Ministro della Salute Roberto Speranza, che ha sottolineato la rinnovata gravità della situazione Coronavirus in Italia.

Ministro Roberto Speranza
Ministro Roberto Speranza (Instagram)

casi di Coronavirus in Italia continuano a crescere a ritmi allarmanti. In particolare la Campania è la regione italiana in cui il contagio si sta diffondendo a macchia d’olio, addirittura più velocemente che in Lombardia.

Considerando la situazione attuale, e le difficoltà a cui il nostro sistema nazionale sarà presto nuovamente chiamato a far fronte, il Ministro Roberto Speranza ha rilasciato dichiarazioni estremamente serie che gettano un’ombra sul futuro dell’Italia e richiama i cittadini a esercitare la più attenta disciplina di cui sono capaci.

“Una situazione seria, una nuova sfida”: l’appello del Ministro Speranza

ministro speranza
Ministro Roberto Speranza (Instagram)

“I numeri che arrivano anche in queste ore ci dicono che siamo dentro una sfida enorme e che dobbiamo ragionare assieme su come affrontarla e vincerla: vengo da un Cdm in cui abbiamo prorogato lo stato di emergenza fino al 31 gennaio. Con le scelte di oggi segniamo un cambio: non più ordinanze per allargare, ma ordinanze che mettono in guardia nei confronti di una situazione seria e delicata” ha dichiarato il Ministro Speranza intervenendo a Villasimius, dove si stava svolgendo il Congresso della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale.

Le affermazioni di Speranza si inseriscono pienamente nel progetto governativo italiano di applicare misure di controllo più severe oggi, al fine di fermare i contagi prima che tornino a pesare eccessivamente sul sistema sanitario nazionale imponendo all’economia e alla società italiane il peso di un nuovo lockdown che, se i contagi continuassero a salire, diverrebbe inevitabile.

Oltre a prorogare lo stato di emergenza, il Governo Italiano ha anche approvato una misura più stringente di quella finora in vigore in merito all’utilizzo delle mascherine. 

Le nuove misure recentemente entrate in vigore prevedono infatti la necessità di avere la mascherina sempre con sé e sono cambiate a anche le disposizioni in merito alle ore del giorno durante le quali è in vigore l’obbligo di indossare le protezioni individuali.

Mentre l’Italia si fa di nuovo portavoce di una strategia più rigorosa in merito alle disposizioni per la prevenzione dei contagi, altri paesi del mondo come Israele e la Francia hanno deciso per adottare nuove misure di confinamento. Israele è stato il primo stato del mondo a dichiarare ufficialmente il secondo lockdown, mentre la Francia sta tentando una nuova strategia per tentare di non pesare troppo sull’economia dello stato.

Secondo le più recenti disposizioni del governo francese, infatti, alcuni esercizi commerciali rimarranno chiusi per 15 giorni al fine di rallentare la curva dei contagi che sta pericolosamente risalendo. Nel frattempo le altre attività commerciali non toccate dal provvedimento continueranno a rimanere aperte, ma il Governo si riserva il diritto di procedere ad altre chiusure in futuro.