Home Curiosità Pasta | 5 falsi miti che dovresti conoscere

Pasta | 5 falsi miti che dovresti conoscere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:06
CONDIVIDI

La pasta è uno degli alimenti più preziosi della cucina italiana. Eppure, a riguardo, esistono diversi falsi miti che tutti dovremmo conoscere.

pasta in cottura
controllo pasta in cottura – Fonte: Adobe Stock

Quando si parla di pasta, le notizie a riguardo sono così tante e varie da creare più confusione che altro. Alimento amatissimo da tutti, rappresenta per alcuni un sogno proibito. Altri, invece, sono soliti cucinarla secondo regole che non sempre hanno un senso. E tutto per via di errate informazioni che nel tempo sono diventate così note da trasformarsi in veri e propri miti.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Scopri perché non devi buttare l’acqua di cottura della pasta nel lavandino

Miti che oggi, noi di chedonna.it. Vedremo di sfatare insieme a voi. Perché se è vero che la pasta è ricca di carboidrati e che andrebbe mangiata integrale, non è affatto vero che sia un alimento vietato a chi è a dieta. Una notizia che di certo farà felici gli amanti della pasta. Scopriamo insieme tutto quel che c’è da sapere su questo cibo tanto amato e al contempo ancora scarsamente conosciuto.

Pasta: i cinque falsi miti che tutti noi dovremmo conoscere

risparmio
Donna che sta per mettere la pasta in cottura – Fonte: Pixabay

Chi ama la pasta sa bene come a riguardo ci siano tante credenze, spesso in opposizione tra loro. Tra chi sostiene che non si possa mangiare a cena e chi giura il contrario, e chi si dibatte sul suo livello di cottura, le cose da sapere a riguardo sono più di quante si pensi.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Aggiungere olio all’acqua di cottura della pasta. Cosa ne pensano gli chef?

In particolar modo è importante imparare a riconoscere i falsi miti che spesso creano disinformazione, facendo della pasta un alimento da considerare un nemico quando invece, è un semplice cibo che, in quanto tale, può essere mangiato in modo più o meno sano. Scopriamo quindi alcuni falsi miti che non tutti conoscono e che riguardano la pasta.

La pasta fa ingrassare. Questo è sicuramente uno dei primi falsi miti che riguardano la pasta o che, per meglio dire, è vero solo a metà. Se si pensa alla classica pasta bianca, mangiata in bianco o con il pomodoro, il fatto che faccia ingrassare è vero. La pasta, però, non è solo bianca. Anzi, quella che mangiamo comunemente è un prodotto ultra raffinato e di sicuro più moderno. Basta infatti scegliere della pasta di tipo integrale per poterla inserire (non tutti i giorni, si intende) nella propria alimentazione e tutto mantenendo la linea.

Ciò che conta, oltre al tipo di pasta che si sceglie è il modo in cui la si mangia. Un piatto di pasta al volo, seguito da della frutta è ad esempio molto sbagliato in quanto, per via dell’indice glicemico molto alto, tende ad innalzare la glicemia, portando l’organismo a mettere in circolo più insulina, con conseguente aumento del peso. Mangiare la pasta senza ingrassare, quindi, si può.

Quel che conta è sceglierla quella giusta, non esagerare con le quantità e abbinarla sempre ad un fonte proteica e a dei grassi buoni. Un piatto di pasta con pomodoro e con aggiunta di olio extra vergine d’oliva e parmigiano, seguita da un secondo proteico rappresenta infatti un pasto ben bilanciato. Cosa che si può dire anche per una fresca insalata di pasta con tonno al naturale, uova e formaggio magro. Basta fare le scelte giuste e la pasta diventerà un valido alleato della dieta e non più un nemico.

La pasta deve essere molto cotta per essere digerita. Un altro falso mito sulla pasta è quello secondo cui per essere digerita vada mangiata scotta. Il fatto che la pasta semi cruda risulta ovviamente indigesta, non significa che questa vada cotta per un tempo prolungato. Recenti studi hanno infatti dimostrato che la cottura migliore per la pasta sia al dente. In questo modo, oltre a risultare maggiormente digeribile si abbassa anche il suo indice glicemico. Contrariamente a quanto accade per la pasta scotta che, secondo alcuni, farebbe addirittura ingrassare.

Cosa che, ricollegandoci al falso mito di prima, la rende anche più idonea se si desidera perdere peso. Per ottenere una pasta al dente basta seguire le indicazioni riportate sulla confezione. In questo modo, specie se la pasta è di buon qualità, si avrà la certezza di aver preparato un piatto più sano e, ovviamente, digeribile.

acqua della pasta riutilizzare
Acqua di cottura – Foto: Adobe Stock

La pasta non va mangiata di sera. Tornando a parlare di linea, un altro falso mito sulla pasta che si estende in realtà a tutti i carboidrati è quello che indica che consumare la pasta (o riso e pane) di sera, rallenti il metabolismo. In realtà, le cose non stanno così e, ancora una volta, tutto dipende da come si sceglie di mangiare. Se non sia abusa dei carboidrati e si sceglie di mangiare quelli integrali, la pasta (ammesso di essere ben bilanciata) va bene anche di sera.

SULLO STESSO ARGOMENTO: Pasta o riso? Scopri quali sono le differenze nutrizionali

Ciò che conta è che nel corso della giornata si assuma un tot di carboidrati e che questo non aumenti per averli anche la sera. Mangiando la pasta nel giusto modo e nelle quantità corrette, il momento della giornata prescelto non cambia le cose.

La pasta senza glutine fa dimagrire. Sempre in tema di diete, un altro falso mito legato alla pasta è quello secondo cui la qualità senza glutine farebbe dimagrire. Non esiste alcuno studio a riguardo anche se secondo diversi medici il glutine è un potente infiammante del quale sarebbe meglio non eccedere. Optare per la pasta senza glutine attendendosi miracoli è però inutile. Resta ovviamente consigliato farlo se si è allergici o intolleranti al glutine o se ciò viene indicato per altri motivi dal proprio medico curante.

Aggiungere l’olio nell’acqua non fa attaccare la pasta. Altro falso mito, questa volta legato alla cottura, riguarda l’usanza di versare dell’olio nell’acqua calda al fine di non farla attaccare. Sembra si tratti solo di un pensiero errato perché l’olio in acqua non riesce a sciogliersi del tutto e, restando in superficie, non ha alcuna influenza sulla pasta. Motivo per cui si può benissimo evitare di sprecarlo in cottura.

Pasta – Fonte: pixabay

Ora che conosciamo questi falsi miti, la pasta sarà una presenza più conosciuta. E, probabilmente, farà meno paura mangiarla, soprattuto se si è a dieta. Dopotutto è solo conoscendo a fondo qualcosa che se ne può usufruire al meglio.