Coronavirus | Appello Burioni | “Sacrifici per tutti o catastrofe”

0
27

Coronavirus, il virologo Roberto Burioni, ai microfoni de La Stampa, approva le misure del Governo e avverte: “sacrifici per tutti o sarà catastrofe”.

coronavirus-roberto-burioni
Roberto Burioni – Screenshot da video

Il virologo Roberto Burioni, ai microfoni de La Stampa, approva le misure adottate dal Governo con il decreto “Io resto a casa” e lancia l’allarme: “sacrifici per tutti o sarà catastrofe”.

coronavirus
pixbay

Il decreto “Io Resto a casa” con cui il Governo ha reso tutta l’Italia una zona protetta, è la misura necessaria per frenare il numero dei contagi da coronavirus. E’ questo il pensiero del virologo Roberto Burioni che, ai microfoni de La Stampa ricorda come “il comportamento virtuoso dev’essere assunto da tutti nei confronti di se stesso e della comunità”.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.

Il professore di microbiologia e virologia all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano aggiunge che “anche a me piace l’apericena, la cena fuori e la serata alla Scala. Ma dobbiamo essere tutti disposti a fare dei sacrifici. Di fronte abbiamo un nemico pericoloso”.

Burioni, inoltre, spiega che il “virus non è un meteorite, ma una minaccia che impegna ciascuno di noi. E ognuno di noi fa la differenza […]. Il virus ci ha cambiato la vita e, adesso, ognuno di noi deve stare a casa“.

Leggi anche—>Coronavirus | Appello ai giovani | “Non siete immortali”

Burioni, prima ancora del decreto con cui il Governo ha disposto una serie di misure necessarie da seguire rigorosamente per aiutare la riduzione del numero di contagi, più volte, attraverso la sua pagina Facebook, aveva lanciato l’allarme a ridimensionare la vita sociale di tutti.

“Siamo tutti insieme e nella stessa barca. Per piacere, state a casa più che potete. Uscite solo per motivi indispensabili e con la massima precauzione. Lo scrivo mentre accanto a casa mia si sta giocando una partitella di calcio, prova che non tutti hanno capito”, aveva scritto lo scorso 8 marzo.