Coronavirus | Tutta l’Italia zona rossa | il vademecum per la quarantena

0
53

A partire da lunedì 9 marzo tutta l’Italia è considerata zona rossa e il governo ha diramato un pratico vademecum su come ci si debba comportare durante la quarantena forzata. Ecco quali comportamenti bisogna adottare. 

Coronavirus | tutta l'Italia è zona rossa | il vademecum della quarantena
Fonte foto: Pixabay

Nella serata di ieri, lunedì 9 marzo, il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte,  ha comunicato durante una conferenza stampa straordinaria, che non esisteranno più zone rosse, perché tutta l’Italia sarà considerata zona rossa e la quarantena interessa ormai tutto il nostro paese da nord a sud.

La notizia ha suscitato molto scalpore, soprattutto tra coloro che si ostinano ad adottare comportamenti che continuano a mettere in pericolo tutti, in particolare le persone più fragili come gli anziani ed i malati. Adesso, anche queste persone saranno costrette a ‘restare a casa’ il monito che da giorni molti stanno diramando, convinti che, se tutti quanti si osservasse un tipo di vita più morigerata, il virus sarebbe sconfitto in poche settimane.

Il Governo dunque, dopo aver preso una decisione così drastica e sofferta, ha diramato un vedemecum che indica perfettamente cosa si può fare e cosa no durante i giorni di restrizione che per ora sono previsti fino al prossimo 3 aprile. 

->>>POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Coronavirus Italia | Come affrontare gli spostamenti durante l’emergenza

Coronavirus | Italia zona rossa | ecco cosa si può fare e cosa no durante la quarantena

Coronavirus Italia ecco cosa si può fare e cosa no durante la quarantena
Fonte foto: Pixabay

L’Italia da ieri, lunedì 9 marzo, è considerata tutta zona rossa e dunque tutti i cittadini dovranno considerarsi in ‘quarantena’ e dovranno limitare gli spostamenti allo stretto necessario, quindi per comprovate ragioni lavorative, per approvigGionamento di cibo e per motivi di salute.

Tutti gli assembramenti di persone, per qualsiasi motivo, sono proibiti, il provvedimento straordinario firmato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte si chiama infatti ‘Io resto a casa’.

Il Vademecum diramato già dalla serata di ieri sembra essere molto chiaro ed elenca uno ad uno, tutti i comportamenti permessi e quelli proibiti in questi giorni di forti restrizioni alla vita di tutti. Ecco tutte le domande e le risposte elencate nel vademecum:

Quale distanza devo tenere dalle altre persone? Almeno un metro.

Se ho la febbre? Sopra i 37.5C° chiamare il medico di base, stando in casa e NON andare al pronto soccorso.

Posso andare in altri comuni? Assolutamente NO, salvo situazioni di necessità.

Posso muovermi per motivi salutari? Sì sempre.

Posso spostarmi per lavoro anche in un altro comune? Sì, gli spostamenti per motivi lavorativi sono consentiti. Negli spostamenti per lavoro, in zona Provinciale rossa, tra Comuni diversi, è bene avere con se l’autocertificazione.

Sono fuori dalle zone rosse/arancioni, posso rientrare? Sì, sono consentiti i rientri al proprio domicilio.

Chi deve assolutamente stare in casa? Anziani e persone immunodepresse o con patologie.

Messe o altre funzioni religiose si svolgeranno? No.

Bar, gelaterie, ristoranti possono rimanere aperti? Sì dalle ore 6.00 alle ore 18.00 nel rispetto della distanza di un metro fra i clienti.

Medie e grandi superfici di vendita? Chiuse nei giorni festivi e prefestivi, tranne gli alimentari.

Farmacie e Parafarmacie? Aperte normalmente.

Asili, scuole e Università? Chiuse fino al 3 Aprile.

Riunioni, convegni, eventi, manifestazioni? Vietati.

Pub, cinema, palestre, piscine, discoteche, musei, biblioteca? Chiusi.

Uffici Comunali? Quasi tutti i servizi sono fruibili on line. Sono garantiti i servizi essenziali e urgenti. 

Posso fare la spesa? Sì, una persona a famiglia.

Posso andare a mangiare da parenti? Non è uno spostamento necessario. La logica del decreto è quella di stare il più possibile nella propria abitazione per evitare che il contagio si diffonda.

Posso uscire a fare una passeggiata con i bambini? Sì, in posti dove non c’è assembramento e mantenendo sempre le distanze. Non è vietato uscire, ma occorre evitare sempre la creazione di assembramenti (non familiari, cioè non di persone che vivono già nella stessa abitazione).

Posso andare ad assistere i miei cari anziani e non autosufficienti? Questa è una condizione di necessità. Ricordate però che gli anziani sono le persone più a rischio, quindi cercate di proteggerle dal contagio il più possibile.

Vademecum per quarantena coronavirus italia
Fonte foto: vademecum governo

Posso andare a fare la spesa in paese? Sì, è possibile , ma i commercianti sono tenuti a stabilire un numero massimo di persone che frequenti l’esercizio garantendo la distanza di un metro gli uni dagli altri. In ogni caso i supermercati e centri commerciali restano chiusi il sabato e la domenica.

I corrieri merci possono circolare? Si, essi possono circolare.

->>>POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Coronavirus | Studio cinese rivaluta la distanza di sicurezza