Home Attualità Come fare il passaporto elettronico on line: modulo, documenti e altro

Come fare il passaporto elettronico on line: modulo, documenti e altro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:33
CONDIVIDI

Scopri tutto ciò che c’è da sapere per fare e rinnovare il passaporto. Documenti da portare, tempi, procedura on line e molto altro ancora.

ottenere il passaporto
Come ottenere il passaporto (Polizia di Stato)

Lo fai una volta e poi te ne dimentichi per dieci anni. Il passaporto è così, un documento longevo, spesso indispensabile ma che il più delle volte si lega a una falsa credenza di difficoltà che ci rende un alquanto diffidenti e restii nell’intraprendere l’iter per ottenerlo.

Il documento che identifica per eccellenza il viaggiatore può esser descritto, ancor di più, come quel tassello indispensabile che, qualora non fosse a portata di mano, rischia di rovinare il viaggio di una vita. Ecco perché sarebbe bene muoversi per tempo, richiedere il passaporto prima di avere l’incombenza di essere prossimi alla partenza e tenerlo poi lì nel cassetto, pronto per il nostro prossimo decollo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Oggetti indispensabili da mettere in valigia | Ecco la lista

Del resto la trafila per ottenere il passaporto è in fin dei conti assai più semplice di quanto si possa comunemente credere, almeno quanto in realtà sia poi comune averne bisogno. Spesso si crede erroneamente che siano ben poche le occasioni in cui il passaporto potrà tornare utile. Le cose però non stanno propriamente così.

Innanzi tutto il passaporto è necessario in quasi tutti i Paesi al di fuori dell’Unione Europea ma chi ne possiede uno scoprirà ben presto come esso torni utile anche entro i confini dell’UE: passaporto alla mano i controlli in aeroporto si snelliscono di gran lunga e ciò vi permetterà di evitare lunghe e tediose file una volta sbarcati in terra straniera.

Affrontare dunque l’iter per richiedere il passaporto può esser veramente una tappa che farà la differenza nella vostra vita di viaggiatori. Scopriamo dunque, step by step, come ottenere il nostro documento di viaggio per eccellenza.

Come fare il passaporto elettronico

come fare passaporto
Foto da Pixabay

A partire dal 26 ottobre 2006 il passaporto è divenuto passaporto elettronico, dotandosi di un microchip capace di registrare i dati relativi al titolare del documento.

Ben più efficienti dei passaporti a lettura ottica, che erano riconoscibili grazie alle due bande di caratteri nella parte inferiore della pagina con la fotografia del titolare, i passaporti elettronici si presentano come un libretto cartaceo di 48 pagine con microchip inserito nella copertina e con la firma digitalizzata del titolare sulla seconda pagina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Come ottenere il passaporto: costi, tempi e documenti necessari

Il documento in Italia può essere rilasciato a tutti i cittadini italiani, residenti in Italia o all’estero, con la sola differenza che ai primi viene rilasciato dalle questure mentre ai secondi dalle rappresentanze diplomatiche e consolari. In base al luogo di residenza, dimora o domicilio, in Italia la domanda potrà esser presentata presso uno dei seguenti uffici:

  • Questura
  • Ufficio passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza
  • Stazione dei Carabinieri

Ma dove trovare la domanda da compilare e, soprattutto, come scegliere tra i tre uffici di cui sopra? La procedura può oggi esser svolta interamente on line e vi spieghiamo subito come.

Come fare il passaporto on line

passaporto on line
Foto da Pixabay

A snellire e facilitare notevolmente l’iter di richiesta per il passaporto è giunto fortunatamente il mondo del web.

Cliccando sul giusto sito si potrà non solo trovare il modulo da compilare ma anche un dettagliato elenco dei documenti che sarà necessario allegare e, soprattutto, i chiari riferimenti dell’ufficio presso cui recarsi per presentare il tutto.

Il sito a cui fare riferimento è Passaporti on line della Polizia di Stato dove  si può prenotare la data, l’ora e il luogo per consegnare la domanda, evitando quindi di trascorrere ore in coda negli uffici di polizia.

Qui si potrà anche scegliere la modalità di ritiro del passaporto: a partire dal  27 ottobre 2014, oltre alla classica opzione del tornare nell’ufficio preposto per ritirare il passaporto una volta pronto, una convenzione con le Poste Italiane ha reso possibile la consegna a domicilio del documento per un costo aggiuntivo di 8.20 euro.

Solitamente i tempi di attesa per ricevere il proprio passaporto ammontano a una manciata di giorni, che possono però aumentare qualora ci si trovi in un periodo di dense partenze come la fine dell’anno o i mesi estivi. La situazione può naturalmente variare poi in base alla città e all’ufficio scelti.

Per non allungare ulteriormente i tempi, sarà allora bene presentare la domanda correttamente e in modo completo. Preso allora appuntamento e scoperto dove recarsi per consegnare la documentazione richiesta non resta che produrre quest’ultima. Quali documenti servono allora per fare il passaporto?

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Modulo richiesta passaporto

richiesta passaporto
Foto da Pixabay

La documentazione necessaria per fare il passaporto non è poi così estesa e complessa da reperire. Nell’ordine serviranno:

  • Modulo stampato e compilato della richiesta passaporto (che vi ricordiamo potete reperire sul sito Passaporti on line della Polizia di Stato);
  • Documento di riconoscimento valido (portate con voi anche una fotocopia!);
  • 2 foto formato tessera identiche e recenti;
  • La ricevuta del pagamento via conto corrente postale di 42.50 euro. Il versamento va effettuato mediante bollettino di c.c. n. 67422808 intestato al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del tesoro, con causale “Importo per il rilascio del passaporto elettronico”;
  • Una marca da bollo da 73,50 euro che potrete acquistare dal tabaccaio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Organizzare un viaggio | 18 Consigli utili per non trovarsi impreparati

Cogliamo inoltre l’occasione per ricordare che dal 24 giugno 2014 è stata abolita la tassa annuale del passaporto ordinario da 40.29 euro, quella che fino alla suddetta data si pagava obbligatoriamente applicando una nuova marca da bollo ogni anno sul proprio passaporto. Adesso tutti i passaporti, compresi quelli emessi in passato, sono validi fino alla data di scadenza riportata nel documento per tutti i viaggi, senza che sia necessario pagare la tassa.

Passaporto urgente: come fare?

passaporto urgente
Foto da Pixabay

Qualora non vi siate mosse per tempo o, più semplicemente, abbiate optato per una partenza dell’ultimo minuto ma vi troviate sprovviste di passaporto niente panico. C’è una soluzione a tutto!

Innanzi tutto se siete maggiorenni, senza figli minori e risiedete a Milano sappiate che si potrà ottenere il passaporto in giornata grazie al progetto “Passaporto Subito”, attivo da poco più di un anno, e per il quale basterà recarsi presso la sede della Questura in Via Cordusio 4.

E per il resto d’Italia? Rivolgersi direttamente alla Questura è solitamente un modo sicuro per accorciare i tempi che ammonteranno così di media a due giorni.

In generale però, qualora la partenza fosse veramente imminente, vi consigliamo portare con voi, assieme alla consueta documentazione, anche copia del biglietto aereo così da attestare la vostra necessità di tempi estremamente rapidi. Le autorità ne terranno senza dubbio conto.

Rinnovo passaporto: come fare?

rinnovare passaporto
Foto da Pixabay

Partiamo innanzi tutto da un dettaglio decisamente poco marginale: per partire il passaporto non deve solo non essere scaduto ma occorre anche che abbia un ben determinato margine di mesi di validità ancora in atto.

La validità residua solitamente richiesta è di sei mesi ma sarà bene informarsi per tempo poiché ogni Paese ha le sue regole. A tal proposito si potrà visitare il sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dove, selezionando la destinazione del viaggio prescelta, avrete tutte le informazioni di cui avete bisogno.

Ma qualora fosse necessario, come rinnovare il passaporto?

Sarà bene chiarire subito che il termine “rinnovare” appare in realtà inappropriato: a fronte di un passaporto scaduto viene infatti emesso un vero e proprio nuovo documento che sostituisce il precedente rendendo così le procedure di rinnovo essenzialmente identiche a quelle per il primo rilascio, con la sola differenza che potrebbe esservi chiesto di consegnare il vecchio passaporto al momento della domanda.

In caso di furto o smarrimento invece sarà necessario affiancare alla consueta documentazione la relativa denuncia mentre, qualora il documento fosse eccessivamente deteriorato, occorrerà riconsegnare il passaporto precedente affinché venga annullato e prodotto uno nuovo.