Capodanno | Ecco come si festeggia nel resto del mondo

0
26

Capodanno: scopriamo insieme come viene festeggiato nel resto del mondo.

Capodanno 2020
2020 happy new year – Fonte: Pixabay

La fine dell’anno in corso e l’inizio del nuovo anno sono da sempre un momento di incontro che spinge chiunque si trovi nel mezzo a celebrarli. Che si tratti di un augurio fatto a se stessi o di feste in grande e destinate a durare fino a tarda notte, il momento in cui l’anno vecchio cede il passo a quello nuovo rappresenta un nuovo inizio che tutti hanno voglia di celebrare, seppur in modo diverso.

In Italia siamo abituati a cenoni lunghi fino alla mezzanotte, momento in cui si brinda tutti insieme al nuovo anno, mangiando lenticchie e ballando fino a tarda notte. Ma nel resto del mondo? I modi di festeggiare questo momento dell’anno sono tanti e tutti molto interessanti. Proviamo quindi a girare il mondo virtualmente, scoprendo le tradizioni più note e particolari.

Capodanno: Come si festeggia nel resto del mondo

Capodanno 2020

Quello del Capodanno è un momento altamente simbolico in quanto da il via ad un nuovo ciclo della propria esistenza. Sempre più persone tendono a legare a questo giorno di passaggio, speranze e buoni propositi, augurandosi che le cose vadano meglio ed esprimendo desideri relativi al lavoro, l’amore e la vita in generale. Ciò avviene perché ogni momento di passaggio porta con se delle novità che si spera sempre possano essere positive e ricche di doni.

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

A tal proposito, chi più e chi meno, tutti quanti hanno un modo personale per celebrare l’arrivo del nuovo anno e questi modi tendono a variare in base a come si vive il momento e alla propria cultura. Andando in giro per il mondo, ad esempio, i modi in cui celebra il nuovo anno sono molto diversi tra loro.

Il Capodanno in Spagna. Se usare un indumento di colore rosso è considerato anche qui di buon auspicio, in Spagna è usanza quella di mangiare 12 acini d’uva allo scoccare dell’anno nuovo. Ogni acino, infatti, simboleggia la fortuna per uno dei 12 mesi dell’anno. Molti spagnoli si riuniscono ogni anno a Puerta del Sol a Madrid dove dopo i classici rintocchi e il consumo simbolico dei 12 acini di uva si da via ai festeggiamenti, brindando e ballando con tutti. Per chi è a casa i rintocchi vengono trasmessi in tv in modo da scandire l’esatto arrivo del nuovo anno.

Il Capodanno in Inghilterra. Una delle usanze più particolari che si mescolano ai classici festeggiamenti è quella di saltare all’interno di cerchi con candele accese. L’obiettivo è quello di spegnerne il meno possibile. Si pensa infatti che più ne restano accese e più fortuna avrà chi ha compiuto il salto.

Il Capodanno in Germania. Qui, i festeggiamenti si uniscono a tradizioni diverse come quella di andare in giro mascherati e di bere una bevanda aromatica a base di vino rosso e aromi (simile al vin brulè). Piatti tipici sono la frutta secca e l’aringa affumicata, usata spesso per tamponare gli effetti del troppo bere.

Il Capodanno in Russia. In Russia i festeggiamenti si dividono in due parti. La prima è il 31 Dicembre dove ci si scambia dei doni. Il 13 Gennaio, invece si usa aprire l’uscio di casa al dodicesimo rintocco che segue la mezzanotte. In questo modo si vuole aprire simbolicamente la porta al nuovo anno.

Il Capodanno in Grecia. Qui i festeggiamenti sono molto particolari. I bambini ricevono dei doni mentre gli adulti usano rompere un melograno per terra quando entrano in casa di qualcuno. Più chicchi si versano e più fortuna avranno i padroni di casa. Protagonista della serata è una torta al cui interno viene nascosta una monetina che si dice porti fortuna e prosperità a chiunque la trovi.

Il Capodanno in Brasile. Qui, è usanza vestirsi di bianco e trascorrere la notte in spiaggia, dando feste e trascorrendo l’arrivo del nuovo anno in allegria.

Il Capodanno in Giappone. Nel paese del Sol levante, il capodanno è come da noi l’inizio di un nuovo anno e in quanto tale viene celebrato in modo più introspettivo.
Per prima cosa, qualche giorno prima si iniziano le grandi pulizie per accogliere il nuovo anno in una casa linda e accogliente. Si prepara inoltre il cibo per i giorni a venire perché i primi tre giorni dell’anno non si cucina e non si lavora ma ci si rilassa, mangiando cibi specifici per portare fortuna al nuovo anno.

Daifuku mochiAndando alla sera del 31 Dicembre, è usanza quella di mangiare un piatto tipico chiamato Toshikoshi soba che consiste in un piatto a base di soba (noodles di grano saraceno) lunghi che rappresentano l’augurio per una vita lunga. I soba vengono solitamente serviti in un brodo dashi caldo con aggiunta di mirin e salsa di soia e altri ingredienti a scelta. Uno dei tanti altri piatti tipici è quello dei mochi, dolcetti di riso con all’interno una crema di fagioli atzuki.

Durante la sera molti usano recarsi al tempio per attendere l’anno nuovo al suono dei 108 rintocchi che servono ad allontanare i desideri terreni e a cancellare i peccati commessi nell’anno precedente.
Anche il giorno dopo si può fare visita al tempio e molti usano farlo in kimono, trattandosi di un giorno di festa.
Per i Giapponesi quasi ogni cosa rappresenta un rituale.
Così al primo giorno dell’anno sono legate tante altre piccole tradizioni come quella di porre all’esterno della casa dei rami di pino, di bambù o di susino per accogliere gli spiriti benevoli.
È inoltre usanza comune far caso a tutte le prime volte legate all’anno nuovo. Così, cose come il primo sorriso che si riceve, il primo sole che si vede o il primo acquisto dell’anno, vengono vissuti in modo speciale.
Si pensa inoltre che il primo sogno dell’anno possa essere profetico.

anno del topo
Topo decorativo – Fonte: iStock photo

Il Capodanno Cinese. Qui, il Capodanno non ha una data precisa variando di anno in anno in base al calendario lunare. In genere cade tra Gennaio e Febbraio e quest’anno sarà il 25 Gennaio, giorno in cui si celebrerà l’inizio dell’anno del topo.
I festeggiamenti durano una settimana e sono fatti di feste in piazza, sfilate di dragoni, festival delle lanterne e scorpacciate di piatti tipici tra i quali c’è anche un budino di riso chiamato dolce degli otto tesori.

Leggi anche -> Capodanno: come le grandi città italiane accoglieranno il 2020

Anche altri paesi come la Korea o la Thailandia usano festeggiare il nuovo anno in date diverse e nelle quali si mangiano sempre piatti tipici del luogo.

Al di là dei paesi, delle religioni e delle usanze, il Capodanno è dunque una festa più che sentita. Pertanto viene celebrata in modi diversi e tutti con qualcosa in grado di arricchirci e dalla quale si può persino prendere spunto al fine di aggiungere qualche tradizione che si sente più vicina a quelle già conosciute.

Scritto da Danila Franzone

anno nuovo
cenone capodanno 2020 . il menù finger food iStock photo