Home Maternità Perchè è importante restare accanto ai figli finchè non si addormentano

Perchè è importante restare accanto ai figli finchè non si addormentano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:58
CONDIVIDI

Stare con i bambini fino a quando non si addormentano non è una cattiva abitudine, è una benedizione

I genitori cercano di offrire la migliore educazione possibile ai loro figli sin dalla tenera età. Pertanto, seguono i consigli di alcuni esperti e cercano di infondere buoni comportamenti nei più piccoli. Tuttavia, la maggior parte dei genitori pensa che sia meglio lasciar dormire il bambino da solo in modo che possa diventare indipendente. Ma secondo gli scienziati, e come citato da The Sun, sdraiarsi accanto ai nostri piccoli e restare li fino a quando non si addormentano è una buona abitudine.

Molti adulti sono influenzati da alcune idee sbagliate sulla buona educazione dei loro bambini. Di conseguenza, finiscono per agire, contro la loro volontà, per garantire una crescita ottimale per i loro figli. Tra queste false credenze troviamo quella di lasciare il bambino solo a letto la notte, fino a quando non si addormenta. Secondo questa credenza anche se i bambini sono agitati o impauriti, i genitori non dovrebbero intervenire e lasciarli calmare da soli. Ma gli esperti sembrano convinti che il bambino abbia un grande bisogno e trovi grande giovamento da questa presenza dei genitori per dormire.

Un contesto sociale che interrompe il rapporto dei genitori con il bambino

Molti genitori oggi lavorano e non trascorrono abbastanza tempo con i loro figli. Inoltre, vengono iscritti molto presto all’asilo nido e trascorrono la maggior parte delle loro giornate lì. Altri genitori optano per le tate per garantire ai loro figli una presenza costante, eppure molto probabilmente l’unica presenza reale della quale hanno bisogno è quella della mamma

Il legame parentale: un percorso importante per il bambino

vita di coppia con bebè
 (iStock Photos)

Secondo Susan Krauss Whitbourne, professoressa di scienze psicologiche e cerebrali, l’attaccamento dei genitori promuove lo sviluppo psichico e sociale del bambino. Ad esempio, afferma che il comportamento di un genitore nei confronti del figlio avrà un impatto significativo sulla loro vita futura. Alcuni genitori decidono di non rispondere ai segnali dei bambini. Ma per la professoressa, la cura dei bambini deve essere basata su 4 principi chiave:

Il dormire insieme

Dormire nella stessa stanza dei bambini o anche sullo stesso letto può rafforzare il legame genitore-figlio e offrire molti benefici. Per fare ciò, è consigliabile allineare gli orari dei genitori a quelli dei bambini.

Cibo su richiesta

Quando il bambino ha fame, è necessario rispondere alla sua richiesta. In effetti, ciò consentirà al bambino di ascoltare i suoi sentimenti di fame e sazietà. Pertanto, regolando l’orologio alimentare, il bambino sarà in grado di svezzarsi automaticamente dall’allattamento al seno.

Contatto fisico e porting

Il bambino richiede molto affetto e amore durante tutto il suo sviluppo. Di conseguenza, i genitori devono stabilire un contatto fisico regolare, prendendolo tra le braccia e prendendolo in braccio a volte.

La reattività tra lacrime e pianti

Alcuni genitori decidono di non reagire alle grida del bambino per insegnargli a calmarsi da solo. Sfortunatamente, questo comportamento può rendere il bambino ansioso e spingerlo a piangere sempre più forte. Pertanto, i genitori sono invitati a intervenire non appena il bambino inizia a piangere per rassicurarlo e mitigare la sua “crisi”.

Accompagna il bambino durante il sonno per garantire un benessere ottimale

In generale, i genitori fanno ciò che ritengono migliore per garantire il benessere dei propri figli. Tuttavia, l’essere umano è soggetto a emozioni che a volte possono essere devastanti. In uno studio di Patrice Marie Miller e Michel Lamport Communes, professori alla Harvard Medical School, scopriamo che alcune emozioni che i bambini possono provare possono avere gravi conseguenze. In effetti, alcuni bambini provano paura, stress o rabbia se non avvertono l’ attaccamento dei loro genitori. Questi stati emotivi, sentiti cronicamente, possono influenzare le facoltà cognitive del bambino al punto da causare disturbi mentali in determinate situazioni. Ad esempio, l’approccio di attaccamento dei genitori di stare vicino al bambino o nella stessa stanza allevia queste emozioni negative.

Opinioni controverse

Sebbene alcuni consigliano di condividere questo momento speciale con il bambino, altri mettono in guardia contro la pratica del dormire insieme. Ecco gli svantaggi segnalati dagli esperti:

– Rischio di soffocamento: l’adulto può, in un sonno profondo, appoggiarsi al bambino e soffocarlo. Inoltre, lenzuola, trapunte e cuscini sono tutti elementi che comportano il rischio di soffocamento per il bambino. È quindi consigliabile lasciarlo dormire in un letto adattato alla sua età

– Sonno scarso: per genitori o figli, il fatto di dormire insieme può portare a disturbi del sonno a causa del pianto del bambino o del russare degli adulti

– Una mancanza di autonomia nel bambino: se il bambino si abitua alla presenza dei suoi genitori, avrà difficoltà a staccarsene in seguito

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI