Home Salute e Benessere Dieta e Alimentazione Dieta dele fegato, come sopravvivere alle feste

Dieta dele fegato, come sopravvivere alle feste

CONDIVIDI

La dieta del fegato che regolarizza il nostro metabolismo e va sempre accompagnata sa una buona attività fisica.

Una dieta disintossicante in assoluto non esiste. Come non esistono regimi alimentari tanto efficaci risolvere i problemi di peso oppure ancora smaltire in fretta pranzi e cene importanti. Però esistono invece diete equilibrate e salutari per il fegato, uno dei più sottoposti a grande sforzi dopo le feste natalizie.

La dieta che salva il fegato è fatta di regole essenziali lungo i cinque pasti quotidiani, ossia i tre principali e i due spuntini. Questo regime prevede il consumo di alimenti facilmente digeribili, soprattutto allo scopo di rendere meno impegnativo il lavoro del fegato che potrà così procedere all’eliminazione dei metaboliti precedentemente accumulati.
Non una vera dieta disintossicante quindi, ma piuttosto una cura dimagrante che si può ripetere più volte nel tempo. Aiuta a regolarizzare il nostro metabolismo e ci farà stare meglio. Ricca come al solito di verdura e frutta ma allo stesso tempo aiuta a mantenere giovane il nostro fisico, sia esternamente che al suo interno.

Si tratta di una dieta relativamente ipocalorica, da seguire per i tre giorni precedenti e successivi ai periodi in cui è previsto esagerare oltre il lecito a tavola. Ovviamente sarebbe sempre meglio accompagnarla con una regolare attività fisica, come una camminata di almeno mezz’ora al giorno o anche una semplice passeggiata in bicicletta. Se non fosse possibile, visto anche il freddo di questi giorni e le condizioni delle strade, andranno bene anche 30’ di ginnastica in casa.

Dieta per il fegato, come impostare la giornata

Ecco come dovrebbe essere quindi una giornata-tipo nella diea per il fegato. A colazione un bicchiere di latte parzialmente scremato, 40 grammi di pane tostato oppure tre fette biscottate integrali, due cucchiaini di miele o di marmellata.

Per spuntino una mela o una pera e a mezzogiorno 150 grammi di pesce bollito o al vapore accompagnato da verdure come broccoli, finocchi, carote, bieta, cicoria, ma anche insalata mista per un peso massimo di 250 grammi, condite con due cucchiaini di olio extravergine di oliva.

A merenda uno yogurt anche alla frutta, con latte parzialmente scremato e infine per cena 150 grammi di carne a scelta fra vitello, pollo, tacchino o coniglio accompagnati da 2350 grammi di spinaci, broccoletti, funghi o insalata mista e come condimento due cucchiaini di olio extravergine di oliva. In più 40 grammi di pane tostato, un’arancia o un kiwi.

Che donna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI