Gli scienziati hanno scoperto che un noto farmaco rigenera i denti

Una vera rivoluzione nella sfera medica. Un farmaco, usato nel trattamento della malattia di Alzheimer, potrebbe essere utile per il trattamento della carie dentale

collutorio
(istock photos)

La carie è un problema estremamente comune che danneggia i denti e richiede la consultazione del dentista. E se i denti si rigenerassero naturalmente? Secondo un articolo pubblicato su Ouest France, alcuni ricercatori hanno scoperto un nuovo metodo di cura dentale che potrebbe riparare i denti danneggiati.

 I ricercatori del King’s College di Londra, hanno condotto uno studio su questo metodo di cura innovativo. Secondo i direttori di questa ricerca, l’uso di un farmaco noto come Tideglusib, un rimedio contro i sintomi del morbo di Alzheimer, accompagnato da glicogeno sintasi, rigenera naturalmente i denti.

In effetti, iniettando la sostanza nella cavità orale dei roditori, i ricercatori hanno scoperto che le crepe dentali erano inaspettatamente scomparse poche settimane dopo. Inoltre, i denti danneggiati dalla carie si ricostruivano naturalmente. Hanno quindi concordato che la molecola di questo trattamento sarebbe in grado di stimolare le cellule staminali presenti nella polpa centrale del dente, riparando i tessuti dentali danneggiati.

Pertanto, le persone che soffrono di carie dentale non dovrebbero più utilizzare un sigillo per riempire i fori causati dalla carie. Almeno in teoria, perché questo metodo funziona per il momento solo sui topi.

Per quanto riguarda il Tideglusib, l’autore principale di questo studio, Paul Sharpe ha dichiarato: “Il suo uso che è già stato testato negli studi clinici per il morbo di Alzheimer offre una reale opportunità di ottenere un farmaco per il trattamento dentale un giorno ” .

Tuttavia, un secondo studio scientifico indica che questo farmaco che cura le cosiddette malattie degenerative potrebbe presentare rischi per la salute. Soprattutto perché gli effetti collaterali rimangono da autenticare. L’introduzione di un nuovo strumento per l’elaborazione della carie dentale dovrebbe condurre a studi più approfonditi. Inoltre, i dentisti sarebbero scettici al riguardo. Il dentista francese Jean-François Sérét ha invitato i pazienti ad essere cauti e a non sottovalutare i potenziali rischi di questo trattamento. Senza negare l’efficacia di questo farmaco per rigenerare le cellule staminali della dentina, il medico si dice di non essere sicuro che possa riempire l’intero foro indotto dalla carie.

“Prevenire è meglio che curare”: come limitare la carie?

 Istock-Photos

La carie dentale è una condizione comune che porta alla formazione di una cavità. Provoca una demineralizzazione dello smalto prima di attaccare la dentina.

La malattia può rimanere in silenzio e non causare dolore per un periodo di tempo, ma i tessuti dentali si deteriorano gradualmente e se la carie non viene trattata, può causare infiammazione che porterà ad un inevitabile mal di denti.

Per prevenire efficacemente problemi orali e preservare una buona salute del cavo orale, ecco alcuni consigli suggeriti da Santè+ da mettere in atto:

– Bevi acqua del rubinetto: contiene fluoro che previene efficacemente la carie

– Lava i denti dopo ogni pasto: preferibilmente usare il dentifricio al fluoro

– Evita gli alimenti che possono attaccarsi ai denti: torte, biscotti, patatine o zucchero.

– Utilizza un filo interdentale per rimuovere le particelle di cibo depositate tra i denti.

– Utilizza collutori al fluoro

– Vai regolarmente dal dentista per valutare la salute dei tuoi denti

– Evitare spuntini indesiderati e il consumo di bevande analcoliche che promuovono la produzione di acidi in bocca

– Consuma più acqua, frutta e verdura: aumentano la secrezione di saliva favorevole all’eliminazione dei batteri

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI