Come trasformare un pensiero negativo in pensiero positivo

Impara a trasformare i pensieri negativi in ​​pensieri positivi

Uno stato emotivo negativo finisce per generare pensieri negativi e nutrirli. Questo è qualcosa che molti di noi comprendono ma non percepiscono. Perché non dedichiamo il tempo e le strategie adeguate per gestire meglio questi mondi emotivi che possono causare così tanti danni.

Ad esempio, pensate alla sensazione che a volte proviamo quando torniamo a casa dal lavoro, dove la fatica, il disagio e la preoccupazione ci circondano, come un satellite gigante. Non vorremmo prestare attenzione ad esso, preferiremmo disconnetterci e non andare alla radice dei problemi, in questi buchi neri che crescono sempre di più, e guardiamo altrove.

Giorno dopo giorno, queste emozioni negative finiscono per cambiare la qualità dei nostri pensieri. La miseria e la frustrazione fanno germogliare questi schemi mentali dove cresce solo il dialogo negativo e ossessivo. Pertanto, e nel caso di questi stati di lunga durata, alla fine lasceremo la porta socchiusa all’ombra della depressione o dei disturbi d’ansia.

1. Identifica i pensieri negativi e accettali senza resistenza

Nel 2012, l’Università del Rhode Island ha pubblicato un interessante studio sulla rivista Psychology and Aging per scoprire come i pensieri negativi ci influenzano a qualsiasi età. I risultati sono stati molto chiari; che siamo giovani o vecchi, queste realtà psicologiche generano ansia e sono spesso il fattore scatenante di molte malattie.

Esiste una strategia chiave per trasformare i pensieri negativi in ​​pensieri positivi ed è sapere come identificare il dialogo negativo. Ciò che inizialmente può sorprenderci è infatti ovvio: non ci rendiamo conto del punto in cui siamo sottoposti a pensieri ossessivi, negativi e limitanti.

Dobbiamo rilevare questi ragionamenti negativi. Per questo, niente di meglio che tenere un diario e scrivere in un momento della giornata ciò che pensiamo.
I pensieri negativi non devono essere nascosti o bloccati. Si tratta solo di accettarli come sono, come vengono. Una volta rilevato, il secondo passo sarà senza dubbio quello di “trasformarli”.

2. Contrasto, confutazione e domanda

Questo pensiero negativo è giustificato? Quali prove devo dire che ciò che penso possa accadere al 100%? Dobbiamo capire che il solo pensare a qualcosa non rende questa cosa una verità. La mente è ingannevole, ci gioca trucchi sbagliati. Si lascia trasportare il vento della paura, l’ombra della paura e la necessità di rimanere sempre nella nostra zona di comfort.

Guarda i tuoi pensieri più da vicino, uno per uno, e trova quella prova che dimostra o contraddice ciascuna di queste idee.

3. Riformulare adeguatamente il pensiero

Riformulare i nostri pensieri in un modo più adeguato avrà sempre il suo peso negativo. Ma deve essere fatto con abilità e discernimento e non essere portato da una positività ingenua e irrealistica. Facciamo alcuni esempi:

Sarò trasferito di nuovo ⇔ finora, non ci sono prove concrete per prevedere che ciò accadrà. Soprattutto da quando lavoro bene. D’altra parte, se ciò accade, so che devo essere preparato. Quindi, ciò che devo fare è pianificare altri problemi nel caso in cui il mio rinvio sia reale. Mentre mi sforzo di dare il meglio di me in questo lavoro.
Penso che il mio partner non mi piaccia più come prima ⇔ come posso dimostrare che ho ragione a pensarlo? Se ci credo davvero, devo parlare con il mio partner. Devo capire che le relazioni devono essere mantenute su base giornaliera. E se il mio atteggiamento è negativo, non farà che peggiorare la situazione.
Ho paura, sento che succederà qualcosa di brutto ⇔ Cosa mi fa pensare così? C’è qualcosa nella mia vita che va storto? Devo capire che ad oggi va tutto bene. Che sto bene e che anche i miei cari. La cosa migliore da fare è distrarre la mia mente pensando ad altre cose, avviando altri progetti. E nutrire nuove passioni per trovare motivazione.

4. Drenare le emozioni negative e iniettare emozioni positive

Ricordiamo innanzitutto che le emozioni condizionano la qualità dei nostri pensieri. In questo modo, una strategia per fermare il corso di questo vagare, negativo e ossessionato da idee fatalistiche e negative è avvicinarsi alle emozioni positive.

Spesso, un piccolo cambiamento nella nostra routine genera un cambiamento produttivo. Trascorrere tempo libero e qualità porta a sollievo e benessere. Pertanto, pratiche utili, come la consapevolezza, le terapie artistiche o l’incontro con nuove persone, ci porteranno sempre benefici gratificanti.

La mente può spesso diventare di nuovo negativa ed essere perseguitata da cattivi pensieri. Quando ciò accade, non c’è niente di meglio che aprire una finestra per rinfrescarsi e vedere nuove prospettive e altre possibilità. Mettiamo in pratica tutte queste strategie, impariamo a controllare i nostri pensieri.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI