Home Matrimonio Matrimonio: come organizzare le nozze se sei in dolce attesa

Matrimonio: come organizzare le nozze se sei in dolce attesa

CONDIVIDI

Matrimonio e gravidanza: come organizzare le nozze quando si è in attesa di un bebè. Tutto quello che devi sapere sulla scelta dell’abito, la scelta del comune o della chiesa, ecc.

Matrimonio e gravidanza, come organizzarlo al meglio (Istock Photos)

Spesso accade, ed oggi è molto comune, che i due eventi più importanti nella vita di una donna vengono in tempi diversi: non più matrimonio e gravidanza ma gravidanza e matrimonio. E’ cosa comune oggi che prima si dia la lieta notizia dell’arrivo di un bambino e poi, secondariamente, si decide di annunciare il matrimonio. Due eventi che, con gli anni, si sono capovolti. Prima era impensabile che una coppia non ancora sposata potesse avere una figlio al di fuori del matrimonio. Era ritenuto poco degno e poco rispettoso per la famiglia di origine e per la futura madre. Ora – per fortuna – questi preconcetti sono ormai caduti in disuso nella quasi totalità delle persone, eccezion fatta per le anziane prozie e bis bis nonne che ancora hanno una visione novecentesca del matrimonio e della famiglia. Se anche tu hai scoperto di essere in dolce attesa e devi comunque organizzare il tuo matrimonio non temere, segui i nostri consigli per organizzare le tue nozze a tre in modo eccellente.

Potrebbe interessarti anche: Matrimonio: scegli il rito matrimoniale più adatto alla tua coppia

Matrimonio: come organizzarlo se sei in dolce attesa 

matrimonio e gravidanza (Istock)

Come organizzare le nozze per rendere speciale e indimenticabile il giorno del sì senza spendere un capitale?  Perché, si sa, con l’arrivo del bebè ci saranno tante spese da affrontare. In più, cosa importante, come organizzare il matrimonio? Ci sono tanti aspetti da rivalutare e rivedere perché una sposa in dolce attesa avrà certamente dei cambiamenti fisici, dunque, di conseguenza la scelta dell’abito deve essere pensata appositamente per il giorno del matrimonio e non prima, quando si va a sceglierlo e ancora la pancia non è ingombrante. Questo è solo uno dei tanti aspetti da tenere in considerazione e che valuteremo di seguito. Un altro aspetto importante è la scelta del menù. Perché la sposa in gravidanza non può mangiare tutto quello che normalmente mangerebbe una sposa tradizionale. Vi sono limitazioni specifiche a riguardo, dunque, anche in questo secondo caso, la scelta del menù di nozze deve essere fatta secondo alcuni criteri ben stabiliti. Iniziamo subito però, dalla cosa più importante che sicuramene la futura mamma sposa starà pensando: quale data scegliere per sposarsi?

Potrebbe interessarti anche: Abito da sposa perfetto? Sceglilo in base alla forma del tuo corpo

La data del matrimonio: come sceglierla in base alla data presunta del parto

Matrimonio, come scegliere la data giusta se sei in dolce attesa (Istock)

Un parametro da valutare è la salute della sposa. Se state vivendo una gravidanza difficile è meglio posticipare il matrimonio. Sareste impacciate e non nelle condizioni ideali per godervi la gioia di quel giorno. Per conciliare matrimonio e data presunta del parto è necessario quindi valutare anche lo stato di salute della futura sposa. In linea di massima il consiglio è quello di escludere l’ultimo trimestre, o almeno gli ultimi 60 giorni, perché a ridosso della nascita il peso del pancione e una serie di fastidi fisici possono compromettere la bellezza della giornata. Il primo trimestre vede spesso la presenza di nausee, oltre al fatto che molte coppie preferiscono avere la certezza che le cose stiano andando veramente bene. Credo che il periodo migliore sia pertanto il secondo trimestre. Quindi dalla fine del terzo mese sino all’inizio del settimo al massimo.

In questo periodo la futura sposa non avrà quei fastidiosi sintomi legati al primo trimestre, quali nausee, capogiri, svenimenti e sonnolenza e potrà godersi a pieno il suo secondo giorno più bello della sua vita. Per quanto riguarda, invece, l’ultimo trimestre, come già accennato, potrebbe portare la donna in dolce attesa a sentirsi appesantita dal pancione, ad avere pesantezza nelle gambe e gonfiamento degli arti inferiori e addio alle scarpe con il tacco alto! Insomma, il periodo migliore è decisamente il secondo trimestre! In più in questo periodo la donna risulta avere la pelle e i capelli molto più belli, causa degli ormoni.

Sposarsi prima o dopo l’arrivo del bebè?

Matrimonio e gravidanza (Istock Photos)

Sicuramente se una coppia progetta di sposarsi e scopre che aspetta anche un bambino si accelerano i preparativi così da fare tutto e subito, matrimonio e magari qualche mese dopo il parto. E se si invertissero le cose? Una volta scoperta la lieta novella, perché accelerare il tutto rischiando di stressarsi? Perché sposarsi prima? Tanto vale godersi con calma la gravidanza, andare a vivere insieme, come una coppia realmente sposata e solo dopo qualche anno convogliare a nozze. Magari il tempo di aspettare di ritornare in forma (la sposa), di essere meno stressati (lo sposo) e soprattutto aspettare che il piccolo muova i primi passi per portarvi gli anelli all’altare, oppure aspettare che abbia almeno 5 o 6 anni da ricordarsi di un giorno importante per i suoi genitori.
Sposarsi dopo ha sicuramente questi aspetti positivi, si vive tutto con maggiore tranquillità, ma si dovrà fare i conti poi con il doppio dei pregiudizi. Per molti infatti la famiglia si crea solo dopo il matrimonio e non prima. Se i pregiudizi delle persone non vi toccano, questa può essere una giusta alternativa.
L’aspetto decisamente positivo di sposarsi prima è approfittare della festa, così come ho detto prima, per avere regali per il bebè. Ma c’è anche chi si sposa prima perché si sente comunque in obbligo di avere un legame istituzionale, stabilitosi al comune o in chiesa, per sentirsi apposto insomma. Di certo chi si sposa prima sa che deve considerare tanti accorgimenti per il matrimonio. Magari non arrivare a sposarsi quando mancano pochi mesi al parto per evitare di avere un matrimonio stressantissimo con un pancione enorme. Sposarsi a cinque, sei mesi, il tempo di organizzare il tutto. Può anche capitare che avete già deciso data e prenotato il tutto e restate poi incinta. In quel caso si è già tutto concordato vi toccherà sposarvi al mese che vi capita o provare a spostare chiesa e ristorante.
Una cosa da tenere sicuramente in considerazione è la durata del matrimonio quando la sposa è incinta. Mai farlo durare tanto, specie il ricevimento, deve essere tutto molto più agevole per impedire che la sposa possa soffrire di troppo stress durante questa dura giornata.

Se vuoi essere informato su tutte le novità sulla coppia, la psicologia di coppia, il matrimonio, come organizzarlo e la maternità  CLICCA QUI

L’annuncio e le partecipazioni: meglio prima quello del matrimonio o dell’arrivo del bebè?

matrimonio e gravidanza, le partecipazioni (Istock)

Secondo il galateo il matrimonio si annuncia sempre ed esclusivamente tramite partecipazioni su carta, spedite due mesi prima della cerimonia. Tutti gli altri mezzi tecnologici (mail, sms, videoclip) che oggi vanno così di moda, non dovrebbero essere presi in considerazione. Da non fare assolutamente: annunciare la data delle proprie nozze tramite i social network, un gesto non solo di cattivo gusto, ma anche sconveniente nei confronti di chi non è stato invitato e che lo apprenderà via web. E il bebè? Visto che ormai non è più uno scandalo convolare a nozze col pancione, si può anche riservare questa sorpresa agli invitati.

La sposa col pancione deve essere annunciata, almeno così dovrebbe essere la regola. Dovete quindi pensare alle partecipazioni. Meglio sobrie e semplici, ciò che conta è il testo contenuto, a seconda dell’effetto che volete dare.

  • Effetto sorpresa: gli invitati sanno del vostro stato di attesa? Potete annunciare matrimonio e gravidanza insieme. Qualcuno si stupirà, qualcun altro forse potrà avere un mancamento, ma almeno vi siete tolti il pensiero. La classica formula in cui voi, il vostro marito e chi arriverà, annunciate il vostro matrimonio è sicuramente di effetto. In questo caso meglio preferire colori pastello per l’invito e la partecipazione.
  • Senza effetto sorpresa: se l’effetto wow è già stato giocato in precedenza, è preferibile propendere per la classica partecipazione scritta.
  • Senza annuncio di gravidanza: se gradite infrangere le regole del  si può lasciare scoprire agli invitati che il giorno delle nozze ci sarà una presenza in più.

Potrebbe interessarti anche: Matrimonio acattolico: i documenti che servono agli sposi – VIDEO

La scelta dell’abito da sposa: quale stile e colore scegliere?

Matrimonio: scegliere l’abito da sposa quando si è in dolce attesa (Istock Photos)

In Italia, specie in quella del sud, vi è un forte pregiudizio su chi si sposa incinta, infatti la sposa incinta è ritenuta blasfema, perde la connotazione di vergine all’altare ed è vista in maniera negativa dall’opinione pubblica, specie poi se si vive in piccole realtà. Se la gravidanza non è ben visibile potrete tralasciare di cambiare i piani per le vostre nozze o di cambiare il vestito. Già perché è costume che la sposa in dolce attesa non si sposi in bianco, almeno non in bianco candido, deve avere un vestito un po’ di colore più spento, tipo avorio o che vada verso il beige o il rosa antico. È usanza infatti che la sposa incinta abbia un abito diverso dalla sposa tradizionale, meno sfarzoso, meno elegante, più dimesso e soprattutto non candido, proprio perché ritenuta più blasfema. Se tenete a quest’usanza potete scegliere un vestito di questi colori, altrimenti perché rinunciare al bianco solo se si è in dolce attesa? Non è di certo una regola scritta ma solo una consuetudine la si può rispettare o meno a seconda di come ci si sente di fare. Se si vive in maniera molto sofferta l’opinione altrui allora vada per l’abito non bianco, se non vi importa di quello che pensa la gente sposatevi del colore che volete. Per quanto riguarda lo stile da scegliere dovete sapere che un abito da sposa premaman deve essere realizzato su misura con tessuti morbidi e comodi. Per chi non vuole rinunciare al classico abito lungo, il miglior modello è lo stile impero con vita alta appena sotto al seno e gonna morbida, in tessuto leggero come lo chiffon o il raso di seta. Questo modello allunga la figura, sottolinea con grazia la figura e permette perfino di celare la prima pancia. Ti suggeriamo di non scegliere calzature con un tacco troppo alto, per evitare un fastidio maggiore, dolore e possibili cadute, molto pericolose nella tua situazione. Non è vietato però osare con un tacco più basso, specialmente durante la cerimonia, l’aperitivo e il pranzo (se la sposa si sente comoda ), però al momento del ballo, bisognerebbe cambiare la scarpa e sceglierne una più comoda, che permetta di muoversi senza nessun tipo di restrizione. Per gli Accessori: non dimenticatevi che avete in grembo una creatura. Meglio evitare accessori ingombranti e ”pericolosi” come stole o strascichi lunghi a rischio inciampo.

Per quanto riguarda i costi, esistono degli atelier che vendono le collezioni delle stagioni precedenti a prezzi scontati. Se si ritiene che la spesa sia comunque eccessiva, si può puntare su un vestito premaman da cerimonia. Qualcuno ritiene che il colore bianco sia poco adatto alla donna in dolce attesa, per cui oggi è possibile optare per un colore pastello e perfino per un abito corto o un pantalone.

La scelta della chiesa…o del municipio?

matrimonio e gravidanza, scelta della chiesa (Istock Photos)

La donna che si sposa con il pancione non è tanto accettata dalla chiesa, di fatti il prete sull’altare sicuramente disapproverebbe un matrimonio dove la sposa è visibilmente in dolce attesa, anche se negli ultimi anni, anche i preti più restii si sono “convertiti” a questo cambio di usanze prematrimoniali. Se decidete di scegliere la chiesa, il prete non può comunque impedirvi di sposarvi. Anzi è suo dovere celebrare il matrimonio ma non vi risparmierà lunghe prediche specie durante i corsi pre-matrimoniali che molte chiese organizzano per le future coppie.

La chiesa si sa tollera i rapporti sessuali solo con scopo di procreazione. Il sesso quindi solo per fare bambini, di conseguenza la procreazione deve avvenire soltanto dopo il fatidico giorno del si. Ma chi è che aspetta ancora il giorno dopo le nozze per avere una vita sessuale? Ormai più nessuno e lo dimostrano le tante coppie che hanno prima figli e poi si sposano. Se la posizione della chiesa vi tocca e vi sentite a disagio potrete sempre optare solo per il matrimonio civile, ma poi addio alla tradizione che avevate in mente. Si rischia che per ascoltare il giudizio degli altri trasformate il giorno perfetto in un giorno da far passare al più presto, così vi togliete il pensiero. Meglio ponderare le scelte e stabilire cosa davvero vi interessa: sposarvi anche se con il pancione o ascoltare i giudizi altrui? Io vi consiglio, comunque, di scegliere cosa vi rende più felici come coppia e se anche il vostro futuro marito la pensa come voi, ben venga la scelta che più desiderate. Se sei incinta, evita le complicazioni. Non solo durante l’organizzazione si accumulano stress e stanchezza, ma anche nel grande giorno l’ansia sarà onnipresente per il timore di un imprevisto dietro l’angolo. Per questo, un consiglio da prendere in considerazione è una cerimonia intima, con  le persone che realmente ami e che desideri avere accanto in un momento così importante, in questa maniera ti sentirai protetta e coccolata e non dovrai temere nulla.

Potrebbe interessarti anche: Matrimonio civile: come si svolge? tutto quello che devi sapere

Il ricevimento nuziale con il pancione e la scelta del menù

temi matrimonio matrimonio e gravidanza, la scelta del ricevimento (Istock Photos)

Come abbiamo già detto, la cosa più importante in questa situazione è la salute della futura mamma e del suo bambino, per questo il cibo e le bevande sono molto importanti. In questo tipo di matrimonio, come in realtà in tutte le cerimonie, bisognerebbe avere un occhio di riguardo per le donne in gravidanza; non potendo mangiare pesce o carne crudi e bere bevande alcoliche, si dovrebbe prevedere un menù pensato appositamente per loro. Ad esempio, potresti prendere spunto dalle combinazioni di cocktail senza alcol che già conosci e modernizzarle, così che possano aggiungere un tocco di originalità e cura alla tua festa.

Se il matrimonio è fonte di grande stress, a partire dall’intero percorso di preparazione, voi avete bisogno di subirne il meno possibile proprio per la posizione che avete da futura madre con un bambino in grembo.
La logica vuole imporre di invitare al ricevimento di nozze solamente i parenti graditi e le persone a voi più vicine. Meno invitati significa sicuramente meno pensieri, meno stress e minori spese da sostenere, che, in vista del nuovo nascituro, non sarebbe nemmeno una cosa negativa.
Alla luce di ciò il banchetto deve comunque distinguersi rispetto ad un normalissimo pranzo, ma non per questo non è possibile pensare ad un menù classico ed elegante in un ambiente stiloso.

La location delle nozze: quale scegliere

matrimonio: la location migliore se sei in dolce attesa(Istock Photos)

La location di nozze va scelta in modo che sia per voi comoda: possibilmente non troppo distante da casa e senza troppe scale, un modo per esser più pratiche nel momento in cui doveste incappare in qualche momento no durante la giornata. Quando si ha in corso una gravidanza può capitare improvvisamente di non sentirvi troppo bene e dovervi assentare per un attimo. La salute vostra e del bambino viene prima di tutti. Scegliere un menù consono, una location pratica e senza troppa confusione sarebbe la situazione ideale. Un suggerimento può essere quello di scegliere un agriturismo.

Viaggio di nozze: aspettare la nascita o partire subito?

Matrimonio: il viaggio di nozze quando si è in gravidanza (Istock)

Se avevate dei dubbi sull’organizzazione del matrimonio, con il viaggio di nozze i dubbi triplicheranno. Non sapete se partire subito dopo il matrimonio o aspettare la nascita del bimbo? La risposta è sempre la stessa: l’importanza della salute della sposa/mamma. Se non avete problemi a prendere l’aereo, cioè potete ancora viaggiare, e vi sentite in forma, il consiglio è quello di non rimandare. Dopo l’arrivo del bebè sarà più complicato partire per il viaggio di nozze, almeno per il prossimo anno!

Potrebbe interessarti anche: Come organizzare il viaggio di nozze: meglio da soli o in agenzia?

Diversamente, se il bollettino medico non è dei migliori e avete la pancia come un pallone, meglio attendere e cogliere l’opportunità di partire appena il figlio sarà più gestibile. Dovete comunque considerare sempre la praticità e i possibili pericoli.

Meglio evitare viaggi infiniti, mete transoceaniche o di lungo raggio. Scegliendo luoghi geograficamente più vicini all’Italia o addirittura la stessa nostra penisola, sarete certamente più a vostro agio, sia in termini di alimentazione, che di lingua e di sanità. Espatriando in Paesi lontani e semi sconosciuti incorrerete nel pericolo di contrarre virus e malattie che possono influenzare non solo il proseguimento della gravidanza, ma la salute stessa di vostro figlio.Da non sottovalutare, inoltre, la necessità di vaccinazioni e la possibilità di contrarre malattie se si visitano certi paesi stranieri.

I lati positivi di un matrimonio in dolce attesa

matrimonio e gravidanza: gli aspetti positivi, i regali (Istock Photos)

In primo luogo i regali. Quante volte si regalano oggetti per la casa completamente inutili. Ebbene voi che aspettate un bambino, avete bisogno di molte cose, passeggino, biancheria, vestitini, tutine ecc. Tutte cose che potete tranquillamente inserire nella lista di nozze. Pensateci, con il matrimonio col pancione potreste ricavare dai regali tutto il necessario per il futuro erede. E magari rifarvi di quanti sparlano di voi!
È un’idea carina quindi aggiungere alla lista nozze tutto quello che vi serve per i primi tempi, così da non incorrere in spese eccessive (già sposarsi costa sempre di più!).
Il lato sicuramente negativo è che se avete il pancione in bella mostra non sarà l’immagine che avrete sempre sognato del matrimonio, non potrete permettervi un vestito più attillato o che si adatta meglio ad una linea snella, ma soprattutto dovrete reggere lo stress da matrimonio unito a tutti i fastidi che solitamente dà la gravidanza.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI