Home Ricette Tofu: il formaggio di soia e le ricette per prepararlo a casa

Tofu: il formaggio di soia e le ricette per prepararlo a casa

CONDIVIDI

Il Tofu: meglio conosciuto come formaggio di soia. La ricetta per prepararlo a casa e 2 ricette estive con tofu

Tofu: il formaggio di soia (Istock Photos)

Il tofu, in giapponese conosciuto come to-fu, ovvero “carne senza ossa”, è un alimento tipico della cultura Orientale dove si può dire che abbia sostituito il nostro formaggio. Il tofu è un alimento non fermentato derivato dalla soia. Da noi è conosciuto come formaggio di soia e negli ultimi anni sta prendendo piede nella cucina mediterranea. Sono molti i piatti a base di tofu che vengono preparati da grandi Chef ma anche nelle cucine casalinghe degli italiani. Ricco di proteine è un ottimo alimento per far abbassare il colesterolo poiché ne è privo, così come è privo di grassi. A differenza del formaggio di latte vaccino, il formaggio vegetale sviluppa solo 70calorie per 100 grammi di prodotto, e si presta ad essere consumato così com’è oppure insaporito con erbe aromatiche, affumicato, seccato, fritto, trasformato in creme, salse, dolci e hamburger. Ma come avviene la sua preparazione? Scopriamolo insieme e vediamo come poterlo usare in cucina con delle sfiziose ricette leggere, saporite e gustose, ideali per passare una serata in compagnia d’estate.

Potrebbe interessarti anche: Polpettine di tofu con sugo di peperoni: il secondo estivo veg

La preparazione del Tofu: come avviene?

proprietà della soia tofu, come viene preparato Istock

Per arrivare sulle nostre tavole così come lo si conoscere, il tofu percorre una lunga strada. Infatti la sua preparazione è lunga e attraverso svariati passaggi. Anzitutto, per fare il tofu i fagioli di soia vengono lavati, messi in ammollo con acqua, poi macinati con l’aggiunta di piccoli quantitativi di acqua rinnovata e messi sul fuoco con una certa dose di acqua.

Dopo il filtraggio, il liquido ottenuto viene fatto cagliare con nigari, un caglio minerale estratto dal sale marino, ma ora anche con solfato di calcio o, magnesio, o aceto o, più semplicemente – sopratutto quando si volesse preparare il tofu in casa – con del succo di limone.

Ottenuta la cagliatura, si procede a pressatura per eliminare il siero. Purtroppo, pur essendo stato un alimento base della dieta delle popolazioni giapponesi e cinesi, attualmente il tofu viene prodotto in modi tutt’altro che tradizionali. Si calcola, per esempio, che in tutta Tokyo solo lo 0,3% del tofu in commercio sia prodotto “come si deve”. Il resto, compresi i circa 10 milioni di confezioni esportate, viene ottenuto attraverso scorciatoie truffaldine: fecce spremute e coagulanti artificiali usati anche per la confezione delle cosiddette “bistecche di soia”. Ecco perché è particolarmente importante scegliere tofu prodotto in Italia da piccoli laboratori che hanno da qualche anno iniziato la produzione, a meno che non lo si prepari in casa propria.

Potrebbe interessarti anche: Le 3 ricette vegane a base di cetrioli: per un antipasto di bontà

Il tofu trattiene una grande quantità d’acqua in una struttura spessa e gelatinosa; il tofu secco si ottiene tradizionalmente per rapprendimento del tofu, congelamento all’aperto, asciugatura al naturale alternarsi del gelo e del disgelo. In Giappone la sua produzione industriale su larga scala è maggiore di quella del tofu, dato che risulta facile da asportare e si conserva bene. Ricchissimo di proteine, contiene meno grassi del tofu fresco e si consuma lasciandolo semplicemente rinvenire in acqua qualche minuto prima di cucinarlo.

Potrebbe interessarti anche: La soia e i suoi derivati: cos’è e come trattarla in cucina

La scelta ideale per diversi disturbi fisici? Il formaggio di soia

4 cose sorprendenti che accadono quando mangi con le dita Tofu, la scelta perfetta per disturbi fisici (Istock)

Il tofu in sostituzione al formaggio animale, rappresenta la scelta ideale in caso di:

  • intolleranza al lattosio;
  • allergia alle proteine del latte;
  • difficoltà digestive;
  • necessità di limitare l’apporto di colesterolo e grassi saturi nella dieta;
  • stile alimentare vegano;
  • diete a basso apporto di sodio;
  • diete dimagranti;
  • disturbi della menopausa, nel contesto di una dieta globalmente ricca di soia e derivati, supervisionata da un medico.

Infatti, da qualche anno il tofu è diventato una presenza costante anche negli scaffali dei supermercati italiani, essendo un sostituto ideale del formaggio per chi non tollera il lattosio o segue un regime alimentare vegano.

Si presenta sotto forma di blocchi più o meno rigidi, confezionati sottovuoto e pronti per essere tagliati a piacere per il consumo diretto o come ingrediente di ricette più complesse.

Il tofu al naturale ha un gusto assolutamente neutro, ma ne esistono anche varianti aromatizzate, come il tofu alle olive, alla senape o alle erbe.

Pregi nutrizionali e carenze

Tofu, valori nutrizionali (Istock Photos)

la parziale sostituzione del formaggio con il tofu contribuisce non solo a prevenire l’ipercolesterolemia e le sue pericolose conseguenze, ma anche a riequilibrare le concentrazioni dei lipidi plasmatici. Tale effetto si deve anche alla generosa presenza di grassi polinsaturi e lecitine. Rispetto al formaggio, questo formaggio vegetale è anche ricco di potassio e povero di sodio e calorie; può quindi rappresentare un valido sostituto al formaggio nelle diete per individui ipertesi (pressione alta), in sovrappeso o affetti da sindrome metabolica. Il tofu è anche più facilmente digeribile rispetto al formaggio ed, essendo privo di lattosio, può essere inserito senza problemi anche negli individui intolleranti al latte.

Per ciò che riguarda i suoi valori nutrizionali, esse possono variare anche in maniera importante da un tofu commerciale ad un altro. Questo perché, a differenza dei formaggi, non esiste un rigoroso disciplinare produttivo che disciplini la produzione del tofu.

Oltre al grado di disidratazione (tofu cremoso o compatto), sui valori nutrizionali del tofu influisce moltissimo anche la scelta del caglio e l’eventuale aggiunta di ingredienti aromatizzanti.

Per ciò che riguarda in vece, le sue carenze nutrizionali, sebbene rappresenti una valida alternativa agli alimenti di origine animale, il tofu non è comunque in grado di sostituirli completamente. Infatti, il tofu è privo di vitamina B12 e vitamina D, anche se in commercio esistono prodotti fortificati per soddisfare le esigenze del pubblico vegano. Per ciò che concerne le proteine, il tofu fresco ne contiene quantità analoghe rispetto ai formaggi freschi e circa la metà rispetto ai formaggi stagionati.

La qualità proteica è invece ottima e risulta paragonabile a quella della carne. Il contenuto in calcio del tofu può essere più o meno consistente a seconda del “caglio” utilizzato per coagulare le proteine del latte di soia; tuttavia – pur essendo rilevante – è comunque inferiore rispetto al formaggio animale.

Se vuoi restare aggiornato sulla categoria cucina, ricette e come preparare squisiti pranzi o cene clicca qui!

Tofu: come preparalo a casa, la ricetta

preparare il tofu a casa, la, la ricetta (Istock Photos)

Se siete desiderosi di preparare con le vostre mani il tofu, non vi resta che seguire la ricetta di seguito. Iniziamo con gli ingredienti per poi procedere con la preparazione casalinga del formaggio vegetale tradizionale.

Ingredienti

  • 200 grammi di fagioli d soia
  • 2 limoni, il succo concentrato

Procedimento

  • Versate i fagioli di soia in una terrina, copriteli abbondantemente con dell’acqua e lasciateli in ammollo per tutta la notte in un luogo fresco.
  • Al mattino scolateli e sciacquateli accuratamente. Versate i fagioli scolati in un frullatore e frullateli a bassa velocità, così da creare una consistenza cremosa, aggiungendo 1 tazza di acqua fresca per ogni tazza di soia.
  • In una grande pentola versate 6 tazze di acqua, portatela dunque a ebollizione, aggiungetevi la crema di soia e riportate il tutto a ebollizione.
  • Quando il composto si alza e raggiunge il bordo della pentola, spruzzatevi sopra dell’acqua fredda, così da fermare la bollitura e abbassare il liquido. Ripetere questa operazione per 3 volte, mescolando con un cucchiaio di legno e non tralasciate di dedicarvi con cura a questa fase, perché in tal modo faciliterete delle tossine che si trovano nel rivestimento del fagiolo.
  • Ponete un colino in una ciotola pulita, rivestitelo con della mussola e filtratevi il composto: il residuo che rimane nella mussola è l’okara (crusca di soia); il liquido è il latte di soia.
  • Rimettete il latte di soia in una pentola pulita, portatelo a ebollizione, versatelo in una terrina, aggiungetevi il succo di limone, mescolate e fate cagliare. Se il liquido non caglia, rimettete il latte in una pentola pulita, portatelo ad ebollizione e versatelo nuovamente in una terrina, aggiungendo di nuovo il succo di limone.

Potrebbe interessarti anche: Insalata di soia verde e alghe nori: la ricetta vegetariana – VIDEO

  • Servendovi di un setaccio sottile, premete i grumi nella ciotola e raccogliete con un mestolo tutto il liquido che potete separare.
  • Rovesciate delicatamente i grumi in un colino rivestito di mussola, lasciate che il composto espella il liquido che ancora trattiene e considerate che a quel punto avrete ottenuto il tofu: se volete indurirlo, avvolgete i grumi nella mussola e premeteli con un peso.Più il peso sarà pesante e più tempo sarà lasciato riposare, più solido risulterà il tofu.

Tofu in insalata: la ricetta semplice e veloce

Insalata di tofu, la ricetta vegana (Istock photos)

Una volta che avrete preparato il vostro tofu tradizionale fatto in casa o, se ne avete acquistato uno commerciale al supermercato, è giunto il momento di provarlo in una ricetta e quale, tra le tante idee, se non una semplice e leggera insalata! Fresca, estiva e adatta a tutti!

Ingredienti

  • 2 pomodori
  • 1 peperone verde
  • 1 scalogno
  • 1 spicchio d’aglio
  • 250 grammi di tofu fresco
  • 80 grammi di olive snocciolate.
  • pepe nero in polvere (un pizzico)

Per la salsa citronette:

  • 4 parti di olio extravergine d’oliva
  • 1 parte di succo di limone
  • sale q.b.

Procedimento

Una volta che avrete a disposizione gli ingredienti necessari, iniziate con il primo passaggio, dunque:

  • Mettete in un’insalatiera le verdure dopo aver pulito e affettato i pomodori, sbucciato e tritato finemente l’aglio e lo scalogno, pulito e tagliato a lamelle il peperone.
  • Aggiungete quindi il tofu fresco tagliato a pezzetti, le olive snocciolate e la salsa di citronelle
  • Mescolate e servite in tavola con un pizzico di sale e una spolverata di pepe nero

Curry di Tofu: la ricetta per un secondo piatto unico

Tofu di Curry, la ricetta (Istock Photos)

Il curry di tofu si presenta come secondo piatto ma può tranquillamente essere usato come antipasto per un aperitivo “all’orientale”. Dal sapore frizzante e leggermente speziato, il tofu qui acquista un sapore decisamente forte, pur mantenendo il suo status di delicatezza tipica della soia.

Ingredienti

  • 400 grammi di tofu fresco
  • 3-4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 2 cipolle
  • 1 cucchiaio di farina integrale di frumento
  • 1 cucchiaio di polvere per curry
  • 8 cucchiai di sugo di pomodoro
  • sale q.b.

Procedimento

  • Tagliate anzitutto il tofu a cubetti di circa 2×2 centimetri per lato e fatelo dorare in una padella antiaderente con l’olio extravergine d’oliva, mescolando con un cucchiaio di legno
  • Poi toglietelo dal fuoco e mettetelo da parte.
  • Quindi, abbassate la fiamma, mettete nella padella le cipolle sbucciate e tritate e fatele appassire lentamente, senza friggerle.
  • Quindi aggiungete la farina integrale di frumento e il cucchiaio di polvere di curry e lasciate cuocere per alcuni minuti.
  • Aggiungete dopo del buon sugo di pomodoro, preferibilmente preparato in casa nella stagione giusta
  • Lasciate su fuoco ancora per alcuni minuti e infine aggiungete il tofu per ultimo tocco, aggiustando di sale.
  • Per quanto riguarda la polvere per curry, vedete un po’ voi come orientarvi: può darsi che sia necessaria una dose maggiore di quella proposta o che possiate accontentarvi di una quantità minore, poiché in commercio ci sono miscele per curry di tanti tipi.

Il vostro piatto speziato è così pronto per essere portato in tavola. Accompagnatelo con del buon vino bianco fresco, giovane e con dei crostini di pane tostati sul momento. I vostri ospiti gradiranno l’accostamento di sapori. E come sempre, non mi resta che augurarvi, Buon appetito!

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI