Home Personaggi Uomini Valerio Mastandrea chi è: età, altezza, carriera, vita privata e Instagram

Valerio Mastandrea chi è: età, altezza, carriera, vita privata e Instagram

CONDIVIDI

Chi è Valerio Mastandrea? Scopri tutti i dettagli su carriera e vita provata del famosissimo attore romano.

  • Data di nascita: 14 febbraio 1972
  • Età: 47 anni
  • Segno zodiacale: Acquario
  • Professione: Attore, Regista
  • Titolo di studio: Diploma di scuola superiore
  • Luogo di nascita: Roma
  • Altezza: 178 cm
  • Peso: 79 kg

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda i personaggi più celebri di oggi e di ieri CLICCA QUI!

Valerio Mastandrea film

Foto da Instagram @cinevino

A vent’anni sognava di diventare giornalista e il suo esordio nel mondo dello spettacolo è nientemeno che al Maurizio Costanzo Show.

Un inizio dunque tutto fuorché lineare per Valerio Mastandrea che però, ad onor del vero, aveva manifestato già da giovanissimo il suo interesse per la recitazione, tanto poi da darle infine la priorità decidendo di non terminare gli studi.

Il debutto nel mondo del cinema arriva poi nel 1994 quando recita in Ladri al cinema, film di Piero Natoli.

La fama arriverà poi con Palermo Milano – Solo andata e Tutti giù per terra, quest’ultimo valsogli anche una Grolla d’oro come miglior attore.

Dopo alcuni film notevoli come Un giorno perfetto di Ozpetek e Good morning Aman, Valerio Mastandrea viene finalmente riconosciuto come un attore di spicco anche da parte della critica. Nel 2010 vince infatti il David di Donatello con il film La prima cosa bella di Paolo Virzì. Bisserà poi il premio tre anni dopo con Gli equilibristi e per Viva la libertà.

Tra i grandi e più recenti successi di Valerio Mastandrea non si può non ricordare Perfetti Sconosciuti, film di Paolo Genovese pluripremiato e iniziatore di un filone in tutto il mondo: Nella pellicola Mastandrea recita al fianco dell’amico Marco Giallini, di Edoardo Leo, Anna Foglietta, Giuseppe Battiston, Kasia Smutniak e Alba Rohrwacher.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Marco Giallini: “Mia moglie? Mai metabolizzata la sua morte”

Nel 2016 recita anche in Fai bei sogni, film tratto dall’omonimo romanzo di Massimo Gramellini per la regia di Marco Bellocchio.

In totale sono d oggi oltre settanta le pellicole in cui compare l’attore. Le più importanti sono:

Ladri di cinema, regia di Piero Natoli (1994)
Palermo Milano – Solo andata, regia di Claudio Fragasso (1995)
Tutti giù per terra, regia di Davide Ferrario (1997)
Viola bacia tutti, regia di Giovanni Veronesi (1997)
L’odore della notte, regia di Claudio Caligari (1998)
Asini, regia di Antonello Grimaldi (1999)
Zora la vampira, regia dei Manetti Bros. (2000)
Velocità massima, regia di Daniele Vicari (2002)
Il caimano, regia di Nanni Moretti (2006)
N – Io e Napoleone, regia di Paolo Virzì (2006)
Last Minute Marocco, regia di Francesco Falaschi (2007)
Notturno bus, regia di Davide Marengo (2007)
Tutta la vita davanti, regia di Paolo Virzì (2008)
Un giorno perfetto, regia di Ferzan Özpetek (2008)
Nine, regia di Rob Marshall (2009)
La prima cosa bella, regia di Paolo Virzì (2010)
Nessuno mi può giudicare, regia di Massimiliano Bruno (2011)
Romanzo di una strage, regia di Marco Tullio Giordana (2012)
Il comandante e la cicogna, regia di Silvio Soldini (2012)
Fai bei sogni, regia di Marco Bellocchio (2016)
The Place, regia di Paolo Genovese (2017)
Moschettieri del re – La penultima missione, regia di Giovanni Veronesi (2018)

Valerio Mastandrea Ride

E’ il film che nel 2017 segna l’esordio alla regia di Valerio Mastandrea.

E’ la storia di un lutto, della morte accidentale di un operaio, illustrata dal punto di vista di un vecchio padre (Renato Carpentieri), un figlio adolescente (Arturo Marchetti) ma, soprattutto, attraverso gli occhi di una giovane vedova. Nel ridente scenario di Nettuno, polo industriale sul litorale del Lazio, Carolina (Chiara Martegiani) ha appena perso il compagno e l’amore della sua vita e si ritrova a dover orchestrare un’esagerata danza di condoglianze, visite, esplosioni di dolore, il tutto mentre cerca di elaborare il lutto.

Mi interessava mostrare quanto la società impedisca di vivere questi sentimenti in maniera sana. Esiste un modo corretto di vivere il dolore? No, probabilmente i parametri cambiano da persona a persona. Qui ho scelto di rappresentare una morte sul lavoro, ormai siamo abituati alle morti bianche, quasi non ci fanno più effetto”

Valerio Mastandrea Colpa di un altro

Foto da Instagram @
alessandro_sgarito

Ha fatto il giro del web il divertente e amaro monologo scritto da Mattia Torre e letto da Valerio Mastrandrea a Propaganda Live, programma condotto da Diego Bianchi.

Dal dentista al meccanico, dall’idraulico al muratore, “è tipico di questo Paese, è sempre colpa di un altro, è sempre colpa di quello che veniva prima, di quello che ha fatto il lavoro prima”.

Il breve monologo accende la luce proprio su quello che pare esser da secoli il marchio distintivo degli italiani, lo “scaricabarile”, come si direbbe in gergo, arte che la politica applica oramai da tempo immemore.

Su quest’ultima si concentra il cuore del monologo. Rivediamolo insieme.

Valerio Mastandrea moglie e figli

Foto da GettyImages

Sebbene il primo vero amore di Valerio Mastandrea pare esser la Roma, la sua prima storica fidanzata una volta entrato nel mondo delle celebrità è lei, Paola Cortellesi. I due pare siano rimasti amici anche dopo la rottura tanto da dirigere insieme dal 2008 il Quarticciolo, teatro di Roma.

A portarlo all’altare sarà però Valentina Avenia, autrice televisiva con cui avrà un figlio, Giordano, nato il 3 marzo 2010.

A Repubblica.it ha raccontato:

“Ho fatto provare a mio figlio tutti gli sport, vuole fare quello. Io preferirei facesse il medico. Faccio parte dei padri che vogliono i figli dottori per essere curati quando sarà il momento. E comunque non è detto che faccia il calciatore, si annoierà come me con la pallacanestro”

Senza alcun indizio o presagio, nel 2018 arriva la notizia della separazione della coppia, fino a quando, per la prima del film Ride Mastandrea si è presentato con un’altra donna, Chiara Martegiani, sua collega anche nella pellicola.

Del resto Valerio Mastandrea è a sua volta figlio di genitori separati:

“Noi dei 70 siamo stato pionieri delle famiglie separate. All’epoca ero piccolo, non ho avuto il tempo di chiedere. A un certo punto cercavo riferimenti che non avevo. Però sono stato amato moltissimo nella mia famiglia imperfetta. Ci sono famiglie perfette molto più dannose (…)“

Con Chiara, classe 1987 ex concorrente di Amici eliminata però dopo un solo mese, Valerio ha iniziato una storia gettandosi a capofitto e testandola poi con “la prova del set”:

“Mettere il rapporto, un rapporto lungo un anno e mezzo, alla prova del set e confrontarmici è stato un gesto, credo, di grande maturità. Era come provare a dire uniamoci davvero, entra nella mia vita, mettiamoci insieme come facevamo a 16 anni“

Valerio Mastandrea Twitter e Instagram

Foto da GettyImages

Niente social per l’attore romano che, a quanto pare, non ama mettere in piazza i dettagli della propria vita, provata o lavorativa che sia.

La cosa appare quasi come un paradosso dato che molte interpretazioni di Valerio Mastandrea spopolano proprio sui social: evidentemente questo è però uno spazio adatto solo ai suoi personaggi, decisamente meno per l’attore stesso.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI