Home Attualità Perde la vista per aver tenuto le lenti a contatto sotto la...

Perde la vista per aver tenuto le lenti a contatto sotto la doccia

CONDIVIDI

Perdere la vista per una doccia, come è possibile?

Perde la vista per aver tenuto le lenti a contatto sotto la docciaComprendiamo il valore di qualcosa solo quando lo perdiamo. Questa frase non poteva essere più vera per Nick HumphreysThe Sun riporta la storia agghiacciante di questo ragazzo vittima di un vero calvario. Nick era ben lontano dal sospettare che una semplice doccia potesse trasformare la sua vita per sempre. Questa storia servirà da lezione per la maggior parte di noi.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Nick Humphreys, una doccia e poi l’inizio di un calvario

Nick Humphreys, 29 anni, è un giornalista sportivo e un giocatore di football nel suo tempo libero. Originario di Shrewsbury nello Shropshire, a causa di problemi alla vista è stato costretto ad indossare occhiali dall’età di 4 anni.

All’età di 25 anni, Nick si rese conto che indossare gli occhiali da vista rappresentava un handicap durante il suo allenamento quotidiano in palestra. Decise quindi di mettere le lenti a contatto cinque giorni a settimana per migliorare le sue prestazioni sportive e contemporaneamente anche il suo look.

Come al solito, il giovane giornalista andava tutte le mattine in palestra e poi tornava a casa a fare una doccia, senza togliere le lenti, prima di andare al lavoro. Nessuno lo aveva informato dei pericoli che questa routine potrebbe comportare.

Nel gennaio 2018, Nick notò che il suo occhio destro si arrossava spesso e all’interno c’era un graffio. Comprò delle gocce in una farmacia, un farmaco da banco senza prescrizione medica, pensando che probabilmente si era graffiato gli occhi mentre metteva le lenti e che si trattasse di una sciocchezza. Più passavano i giorni e più le sue condizioni peggioravano.

Quando Nick vide per la prima volta un ottico, questo gli consigliò di recarsi dauno specialista poichè pensava che fosse un’ulcera corneale. Nick si recò al Royal Shrewsbury Hospital, dove  si sottopose ad una visita oftalmologica per accertare la fonte del problema.

La diagnosi era chiara: Nick aveva un’infezione alla cornea nota come cheratite da acanthamoeba o cheratite amebica. Questa malattia rara deriva da un organismo microscopico presente nell’acqua che può penetrare le lenti a contatto e influire direttamente sulla salute degli occhi. Questa patologia può causare un ascesso della cornea e causare cecità permanente.

Nick iniziò un trattamento sperando che la sua situazione migliorasse ma pochi mesi dopo, perse la vista dell’occhio destro. Si rivolse a un centro specializzato in disturbi visivi, il Midland Eye Center. I dottori lo sottoposero ad una nuova cura.

Incapace di andare al lavoro o dedicarsi allo sport, si ritrovò gettato in un baratro profondo dove le sue uniche uscite erano per consultazioni oftalmologiche.

Seguirono 18 mesi di depressione, poi Nick è finalmente riuscito a riacquistare la vista grazie a un trapianto di membrana amniotica. Oggi lavora per l’associazione benefica Fight for Sight per sensibilizzare sui pericoli delle lenti a contatto.

L’impatto psicologico della perdita della vista

Oltre al dolore fisico legato a certe patologie oftalmiche, il dolore psicologico è anche più invalidante. Secondo uno studio, le persone con perdita della vista parziale o totale subiscono un drammatico cambiamento nelle loro vite. Si sentono impotenti, deboli e dipendenti, e sentono un crescente disagio che gli altri non sembrano capire. Di conseguenza, le loro menti, le loro relazioni sociali e tutte le loro abitudini vengono influenzate.

Le azioni quotidiane diventano difficili da realizzare. In effetti, la sofferenza della cecità parziale o totale può influenzare l’individuo a livello professionale, in particolare complicando i suoi movimenti. Di conseguenza, aumenta il rischio di cadute e lesioni, portando a una sensazione di impotenza nella persona colpita. Le persone ipovedenti possono sentirsi estremamente sole e questo sentimento può portare a gravi problemi psicologici. I ricercatori menzionano l’ansia persistente e i rischi di sviluppare la depressione rimanendo nel diniego.

Inoltre, vi è una sorprendente correlazione tra perdita della vista e aumento del rischio di sviluppare altri disturbi cognitivi. In effetti, gli occhi e il cervello sono collegati. Di conseguenza, una patologia visiva colpisce i neuroni e può portare a problemi di udito, problemi di mobilità e molte condizioni di base.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI