Home Curiosita Escherichia coli, stafilococchi, e se fosse il tuo smartphone a farti ammalare?

Escherichia coli, stafilococchi, e se fosse il tuo smartphone a farti ammalare?

CONDIVIDI

Durante l’arco del giorno, il nostro smartphone ci segue ovunque e per questo, questo dispositivo, che è diventato quasi indispensabile per la nostra vita quotidiana, sarebbe un vero e proprio nido di microbi.

Un team di France Télévisions ha analizzato un cellulare e il verdetto è stato eclatante, gli esperti hanno rilevato la presenza di stafilococchi, enterococchi o batteri di Escherichia coli. I germi “tendono a rimanere bloccati negli spazi vuoti”, il dispositivo contiene anche “batteri del tratto digestivo”.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Il tuo smartphone è un nido di batteri

Il tuo smartphone non ti lasciamai: a tavola, in bagno, nella vasca da bagno o anche a letto. Questo oggetto è (quasi) diventato un’estensione del tuo braccio. Eppure, bisogna stare attenti a questi dispositivi elettronici: sono veri e propri nidi di batteri.

Alcuni batteri possono farci ammalare, provocarci intossicazioni alimentari, raffreddori o infezioni – dopo essere entrati in contatto diretto con il nostro corpo. Più spesso, si aggrappano alle tue mani e passano al tuo cibo e poi si fermano nella tua bocca. La trasmissione può avvenire anche attraverso le orecchie, le narici, i tagli e le abrasioni.

“Gli smartphone possono, diventare un vettore di trasmissione per gli organismi infettivi”, afferma Philip Tierno, professore clinico di patologia alla New York University School of Medicine.

“Anche se ti lavi le mani con il sapone prima di mangiare, tutto ciò che devi fare è toccare il tuo smartphone per contaminarle di nuovo. Maggiore è il numero di persone che toccano una superficie, maggiore è il rischio di contaminazione. Se si colpisce una barra stillicidio metropolitana e poi si controlla la posta elettronica sul telefono, sarà coperto dai microbi di persone che hanno toccato questo bar metropolitana “, afferma Philip Tierno.

Markham Heid, un giornalista freelance, ha detto che la maggior parte dei batteri con cui entriamo in contatto sono innocui e / o sono buoni: “Anche se il vostro smartphone è circondato da un alone invisibile di batteri, non si rischia molto”

Quanto spesso dovresti lavare il tuo smartphone? Le persone che non usano il proprio dispositivo mentre mangiano non hanno molto da temere. Per gli altri, è consigliabile pulire il telefono “ogni giorno con una salvietta disinfettante” per evitare qualsiasi contaminazione.

Una pulizia regolare è consigliata anche a coloro che proteggono il loro smartphone con un guscio in gomma: i batteri tendono ad aggrapparsi più facilmente a questo tipo di materiale piuttosto che al metallo, vetro e plastica rigida che copre il tuo telefono. I bordi, in particolare, sono particolarmente raschiati, perché tendono a trattenere i microbi.

Alcuni suggerimenti per la pulizia dello smartphone:

  • È meglio spegnere il dispositivo prima di pulirlo
  • Evitare di usare il liquido disinfettante
  • Non spruzzare disinfettante direttamente sul dispositivo
  • Utilizzare un panno disinfettante o un panno lavabile per la pulizia

Se questo sembra troppo restrittivo, c’è una soluzione: lavarsi le mani prima di mangiare e lasciare il telefono in tasca durante il pasto.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI