Dichiarato morto per venti minuti, torna miracolosamente in vita

Michael Pruitt, un giovane americano, è tornato in vita dopo essere stato dichiarato morto per 20 minuti. Una storia davvero incredibile.

I fatti sono accaduti lo scorso Aprile ma sono stati segnalati ai media solo recentemente. Michael Pruitt, 20 anni, stava aiutando suo suocero a ristrutturare una casa a Livionio, Michigan, USA quando è stato fulminato, poi il miracolo. Una bellissima storia a lieto fine, ecco cosa è accaduto.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Curiosità & Benessere  CLICCA QUI

Tornare in vita dopo 20 minuti di arresto cardiaco, come è  possibile?

“Ricordo che stavo  muovendo la scala, mi ci sono appoggiato, la corrente che usciva dalla linea elettrica ha toccato la scala e mi ha letteralmente fulminato, poi il nulla ” ha dichiarato Pruitt in un comunicato stampa dal Beaumont Hospital di Farmington Hills, la struttura medica in cui è stato trasportato dopo l’arrivo dei paramedici.

Il suo cuore smise immediatamente di battere, suo suocero e le persone del posto chiamarono il 911 e nel frattempo cercarono di rianimarlo.

I paramedici hanno continuato a defibrillare il ragazzo anche mentre erano in viaggio verso il Centro di emergenza e traumi di Beaumont, ma quando è arrivato Pruitt non mostrava segni di vita, il suo cuore aveva smesso di battere da 25 minuti.

Secondo il dott. Angel Chudler medico dell’ospedale: “Hanno portato questo giovane che non aveva segni vitali” […]”Ho detto alla mia squadra, ‘Lo dobbiamo riportare indietro’. È meglio che torni!'”

Il Dr. Chudler ha dato ordine al personale dell’ospedale di usare ancora una volta un defibrillatore su Pruitt, ma non accadeva nulla, così ha ordinato un secondo shock con maggiore intensità.

Dopo due minuti di impulso, il battito cardiaco di Pruitt tornò, il cuore di Michael tornò miracolosamente a battere.

“Quando tornò a essere cosciente, era come Hulk, afferrò le inferriate del letto e iniziò a scuoterle con enorme forza. Ci è voluto l’intero team di assistenza per tenere Michael “, ha ricordato l’infermiera clinica di Beaumont, Yasmeen Bachir. “Immagino che ogni supereroe debba morire almeno una volta.” 

Barbara Smith, direttore del reparto Trauma Services al centro, ha spiegato che le cellule cerebrali possono iniziare a morire in meno di cinque minuti quando qualcuno non ha ossigeno. Poiché Pruitt è stato rianimato e non ha avuto apparente perdita di funzioni cerebrali, l’evento è stato a dir poco “miracoloso”, ha detto.

“La rianimazione di Michael è miracolosa. Non ha perso alcuna funzione cerebrale “, ha spiegato Smith. “È una testimonianza dell’importanza della RCP immediata e continua per spostare il sangue ossigenato nel cervello”.

“Mi sono svegliato in ospedale pochi giorni dopo e ho pensato: ‘Che succede, dove sono?'” [….]”Era davvero strano perché la mia ragazza e mia madre erano sedute sul mio letto d’ospedale, erano molto felici di vedermi sveglio e piangevano, ero totalmente perso. “

Completamente disorientato al risveglio, Michael non ha memoria dell’incidente dopo lo shock.

Pruitt è ora tornato a casa e si sta riprendendo, ha ancora delle bende sugli alluci bruciati dove l’elettricità è uscita dal suo corpo, secondo l’ospedale. Ed ha anche un tatuaggio sul suo cuore, per commemorare il suo calvario. Mostra l’occhio della Provvidenza all’interno di un acchiappasogni.

Ti potrebbe interessare anche >>>

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

 

Da leggere