Allenarsi in discoteca: ecco come rimanere in forma

Si chiama “Daybreaker” ed è un modo tutto nuovo per restare in forma: nessuna fantascenza, ora allenarsi in discoteca è possibile. Ecco come..

allenarsi in discoteca
Persone che ballano in discoteca, IStock

Andare in discoteca, ballare con i propri amici, divertirsi, ma muovere anche tanto il corpo e poi essere pronti per andare al lavoro. Chi ha detto che non è possibile? Nessuna fantascienza: questo nuovo modo di tenere in allenamento il corpo è realtà.

Ideato a New York, oltre che un modo per allenarsi e rimanere in forma è già diventato una vera e propria moda: il “daybreaker” è un vero e proprio evento che si tiene all’interno delle discoteche e che trasforma le sale da ballo in veri e propri tempi del fitness.

Come? Alle 6 del mattino c’è l’apertura, e alle 9 la chiusura. All’interno delle discoteche i bar permettono comunque di mantenere un’alimentazione equilibrata: nessun drink, ma tante spremute e smoothies tra cui scegliere.

Il raduno avviene all’alba e raccoglie centinaia di persone, a volte fino alle 400: si inizia con un riscaldamento di yoga e poi, con la musica dei dj in sottofondo, ci si butta in pista per 3 ore, ballando in maniera sfrenata.

Se vuoi rimanere aggiornato giorno per giorno su tutte le notizie della categoria fitness, CLICCA QUI!

Allenarsi in discoteca ora è possibile: ecco perché il “daybreaker” funziona

allenarsi in discoteca
Persone che ballano in discoteca, IStock

Anche secondo gli esperti ballare ha effetti miracolosi sul nostro corpo: si perdono tante calorie, si scarica la tensione e si liberano le sostanze chimiche della felicità, come dopamina, ossitocina, serotonina ed endorfine. Questa serie di effetti ha persino preso un suo nome tra gli organizzatori dell’evento, chiamato la “Daybreaker Dose” (letteralmente la “dose del daybreaker”).

Qual è lo scopo? Si ribaltano le modalità classiche dell’evento in discoteca e del ballo stesso, e in questo modo si uniscono attività fisica, divertimento e vita sociale.

L’intento è quello di unire anche platee diverse: in un’unica sala si ritrovano gli appassionati del “dancefloor” e tutti quelli che non riescono a rinunciare al fitness. In questo modo si sviluppa moltissimo anche la socializzazione, poiché ogni volta il “daybreaker” si svolge in club totalmente diversi.

Da Vanity Fair

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

LEGGI ANCHE:

Fitness e musica: ecco gli abbinamenti giusti

Il fitness dei millennials: ecco come ci si allena oggi

Fitness e forma fisica: cosa fare quando la palestra non dà risultati?

Da leggere