Dieta, mai più un obbligo: scopri come liberartene

dieta obbligo
Panino, Getty Images

A dirlo ora sono anche alcuni libri: la dieta a volte può diventare un vero e proprio obbligo che mette tensione. Ecco come liberarsene e vivere senza..

dieta obbligo
Panino, Getty Images 

Sono ormai in molti ad avere la linea come un vero e proprio pallino fisso: si stabiliscono parametri, obiettivi e si cancellano quei piaceri gustosi che, per un periodo più o meno prolungato, è meglio non concedersi più.

Mettersi a dieta prevede anche dei costi, spesso non indifferenti: si può decidere di investire in un abbonamento in palestra per fare esercizio libero o per seguire corsi specifici, per munirsi di programmi dietetici o avere una dispensa di cibi proteici.

Non sempre però, tutti questi sforzi ci permettono comunque di arrivare all’obiettivo, e si arriva a chiedersi se il percorso della dieta abbia davvero un senso. Secondo alcuni autori, la risposta è no.

A dirlo è ad esempio Caroline Dooner, scrittrice che ha dato vita al libro “The F*ck it Diet – Anche basta con la dieta. Mangiare è semplice”, che cerca di fare luce su un modo alternativo e più leggero di vedere l’obiettivo della linea.

Se vuoi seguire giorno per giorno tutte le notizie su dieta, alimentazione, salute e benessere, CLICCA QUI!

Dieta, non farne un obbligo: ecco come liberarti dalla tensione

dieta obbligo
Piatto Getty Images 

Il segreto quindi, pare non essere nella tensione che sentiamo per perseguire questo obiettivo. Ed è la stessa autrice del libro a dichiararlo: “da quando ho ripreso a mangiare fidandomi del mio istinto il peso si è stabilizzato”.

A esserne convinti ormai, sono sempre di più, e tutti si sentono rappresentati dal nuovo movimento chiamato “Fidati del tuo corpo“. E’ necessario tornare a masticare lentamente, gustare i sapori e riflettere, il giorno dopo, su cosa abbiamo mangiato e sulle conseguenze che sentiamo sul nostro corpo.

Anche un altro libro lo afferma: ne “La via della leggerezza”, Franco Berrino e Daniel Lumera vogliono focalizzare l’attenzione sulle emozioni che proviamo quando mangiamo. Secondo gli autori infatti, questo aspetto troppo spesso non viene considerato da dietologi e nutrizionisti con i propri pazienti.

E la Dooner conclude: “sono convinta che le diete e l’insoddisfazione nei confronti del proprio corpo siano la causa dell’aumento di peso, non la cura. E la scienza lo conferma. L’ormone della fame, la grelina, ti rende affamata e, per conservare energie, rallenta il metabolismo. Più fai diete più questo meccanismo si innesca: si diminuisce e poi si aumenta di peso, il famoso effetto yo-yo».

Da Donna Moderna

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

LEGGI ANCHE:

Stress e dieta: ecco perché l’agitazione non ci fa dimagrire

Il manuale dell’anti-dieta: come vivere felici e in salute

Alimentazione sana: le nuove regole dell’OMS