Home Maternità

Gravidanza, 21° settimana d’attesa: i sintomi e la crescita

CONDIVIDI
gravidanza, 21 settimana
Gravidanza, 21 settimana, come cambia il nostro corpo (iStock Photos)

Gravidanza, 21° settimana d’attesa: i sintomi più comuni e la crescita del bambino. Suggerimenti ed esami da fare

La gravidanza è giunta alla sue 21° – ventunesima settimana di gestazione, il quinti mese è quasi concluso e fra non molto entrerai nell’ultimo mese del secondo trimestre. Sono già trascorsi 147 giorni da quando hai scoperto che saresti diventata mamma e l’emozione, insieme ai primi sintomi iniziavano a farsi strada dentro te. Per fortuna quei fastidiosi disturbi legati proprio all’inizio della gravidanza, sono ormai passati. Sintomi come le nausee mattutine, il vomito e i capogiri, ora, sono solo un brutto ricordo.

Potrebbe interessrti anche: Gravidanza, ventesima settimana d’attesa: sintomi e crescita

Questa ventunesima settimana d’attesa si profila tranquilla sotto tanti aspetti. Per iniziare, i disturbi “nuovi” sono meno fastidiosi e tu ti senti in splendida forma. Infatti, proprio con l’inizio del quinto mese i livelli di energia sono cresciuti e ti investono dalla testa ai piedi, di tanta vitalità. Vediamo nello specifico quali possono essere i nuovi sintomi legati, appunto, a questa 21° settimana di gestazione e i rimedi per superarli e gestirli al meglio.

Potrebbe interessarti anche: Gravidanza anembrionica, sintomi e cause

I sintomi della 21° settimana di gravidanza

Gravidanza, 21 settimana
Gravidanza, 21 settimana, sintomi e sviluppo (iStock Photos)

Con l’entrata nella ventunesima settimana, stai probabilmente vivendo la tua gravidanza in maniera del tutto tranquilla, poiché ora, il tuo appetito dovrebbe essere rientrato alla normalità, così come la sparizione di nausee e fastidi legati al primo trimestre. Ma, se dovesse capitarti di accusare alcuni disturbi  iniziali, non fartene un  cruccio, ogni gravidanza è a se, ed ogni donna reagisce in modo diverso. Ma vediamo nello specifico questa 21°settimana cosa ti riserva

Potrebbe interessarti anche: Mamma in forma: i 5 consigli nel secondo trimestre di gravidanza

  • Indigestioni o bruciore di stomaco: con l’avanzare del pancione e, conseguentemente lo sviluppo del bambino, potresti già da un po’, risentire di indigestione o bruciore allo stomaco. Una sensazione di acidità e di difficoltà nel digerire ogni qual volta mangi. È normale, specie se soffrivi anche prima di rimanere incinta di disturbi gastrici, poiché l’avanzare della crescita del bimbo, sposta i tuoi organi interni per fargli spazio e, di conseguenza avrai maggiore difficoltà nella fase digestiva. Il rimedio è fare pasti leggeri e continui durante il giorno. Anziché i 3 pasti di routine, prova con 5 pasti, ovviamente con porzioni ridotte. Assumi molti liquidi ed evita alimenti con elevata acidità.
  • Mal di schiena: con l’avanzare del pancione, risentirai sempre più spesso di dolori alla base della schiena. Il peso che porti ogni giorno con te è tanto e il dolore si concentra proprio nella parte inferiore della schiena e degli arti. Prova, quando sei stesa, a mettere un cuscino sotto le gambe, in modo da alleggerire il carico della schiena. Quando sei in giro, usa scarpe comode e possibilmente basse.
  • contrazioni di Braxton-Hicks: sono degli spasmi addominali, simili alle doglie, che compaiono durante la fine del quinto trimestre ma anche più tardi. Nel corso di tale fenomeno, le fibre dei tessuti muscolari dell’utero si contraggono ripetutamente, ma non provocano forti dolori, sono quasi simili ai dolori mestruali, e a un indurimento del pancione. Le contrazioni di Braxton Hicks compaiono spontaneamente allo scopo di preparare l’utero al parto; con maggiore facilità, poi, queste si presentano come reazione a movimenti fetali, urti, stimolazione sessuale, eccessiva disidratazione o riposo insufficiente. Però non tutte le donne , durante la gravidanza, sperimentano queste false contrazioni. In entrambi i casi, è normale. Durante queste contrazioni, fai dei lunghi respiri e distenditi appena puoi, passeranno in un attimo.
  • Picacismo:  il picacismo è un disturbo del comportamento alimentare caratterizzato dall’ingestione, continuata nel tempo, di sostanze non nutritive. Questo disturbo è simile alle voglie e spesso si accompagna ad esse.
  • Linea nigra: essa è la tipica linea che ripercorre in verticale l’addome, dividendolo in due. Non a tutte le donne compare la linea nigra e, comunque, dopo il parto, tenderà a schiarirsi per poi scomparire del tutto.
  • Crampi alle gambe: questi iniziano a comparire con l’aumento del volume del pancione. In questa ventunesima settimana potresti risentire di crampi alle gambe. Il rimedio è praticare attività fisica costante (almeno ¾ volte la settimana per un’ora al giorno), e assumi alimenti ricchi di potassio come le banane, che tenderanno a diminuire l’insorgere di fastidiosi crampi.
  • Smagliature: in questo periodo, la pelle tenderà a stirarsi per “colpa” del pancione che cresce di volume. È possibile che, se non hai una pelle molto elastica, possono insorgere le smagliature sulla zona dell’addome ma anche, seno, fianchi, gambe e glutei. Per evitare questo fastidioso inestetismo estetico prendi l’abitudine, mattina e sera, di massaggiare le parti interessate con una crema apposita o con dell’olio di mandorle dolci, in modo da rendere la tua pelle estremamente elastica e preparata ai cambiamenti epidermici della gravidanza.

Potrebbe interessarti anche: La pancia dopo il parto, un fardello di cui ci possiamo sbarazzare del tutto (o quasi)!

Come si sviluppa il bambino nella 21° settimana di gravidanza

Il tuo bebè in questa ventunesima settimana ha le dimensioni di una carota. Pesa infatti 400 grammi ed è lungo all’incirca 28 centimetri. Il battito cardiaco del feto continua ad essere ogni giorno più forte e più rumoroso. Infatti, con un normale stetoscopio ora puoi ascoltarne facilmente il suo forte suono.

Leggi anche: Gravidanza: con la giusta alimentazione il feto avrà un cuore sano

Arrivati alla ventunesima settimana, ha le braccia e le gambe proporzionate. I muscoli, in rapido sviluppo, e le connessioni neuronali contribuiscono ad una maggiore coordinazione dei movimenti del feto, infatti tutto ciò rende i suoi calci ed i suoi pugni dei veri e propri movimenti fetali.

La vernice caseosa continua a proteggergli la pelle delicata, specie in questa settimana, dove le unghie di mani e piedi si stanno formando e, potrebbe di conseguenza, graffiarsi da solo.

Anche lo sviluppo dei suoi organi sensoriali stanno procedendo al completamento. Per esempio, le sue papille gustative sono del tutto formate e può, ora, sentire il gusto del liquido amniotico che cambia di giorno in giorno, in relazione ai cibi che assume la mamma. Quindi, in vista di ciò, adotta sempre uno stile alimentare e una dieta appropriata. Devi infatti sapere che recenti ricerche hanno dimostrato che i bambini tendono a preferire quei cibi che hanno lo stesso sapore di quelli che avevano provato mentre erano nell’utero. Ora il tuo piccolo bebè non assumerà più il liquido amniotico solo per fare funzionare il suo sistema digestivo ma, proprio in questa ventunesima settimana, inizia ad assorbire le sostanze nutritive che contiene, in tal modo aiuterà la sua crescita e il suo sviluppo.

Un altro grande cambiamento che avviene nel corpo del tuo bambino in questa 21° settimana è dato dal suo midollo osseo che, gradualmente, prende il posto del fegato e della milza per quanto riguarda la produzione delle cellule ematiche.

Come sta cambiando il corpo della donna nella 21° settimana di gravidanza

In questa 21esima settimana di gestazione il vostro pancione continua a crescere a vista d’occhio. Continuano in te i cambiamenti corporei della scorsa settimana : lo scurimento della pelle, detto cloasma. Anche i muscoli ed i legamenti si stirano a causa dell’utero in crescita, così come il cambiamento nel centro di gravità ed il rilassamento delle articolazioni. Con la pancia che aumenta di volume, è normale che il tuo ombelico possa fuoriuscire un po’. Non tutte le donne, però, presentano questo cambiamento nell’ombelico.

Potresti anche accorgerti che, in questa settimana, come anche nelle successive, fuoriesce dai tuoi capezzoli un fluido giallognolo, il cosiddetto colostro, in quanto il tuo corpo si sta preparando all’allattamento. Devi sapere che il colostro sarà il primo nutrimento, il più essenziale che il tuo bambino riceverà da te una volta nato. È ricco di tutti i principi nutrienti ed è molto importante che il nascituro lo bevi.

Può servire a te come al tuo bambino, che tu riposa spesso durante il giorno. Non affaticarti, e in particolar modo fai riposare i tuoi piedi in modo da prevenire fastidiosi gonfiori alle caviglie e alle gambe di notte.

Leggi anche: Gravidanza: insonnia e disturbi del sonno durante il periodo gestazionale

Un consiglio è poggiare sempre i piedi su un cuscino quando stai sdraiata. Assumi molto calcio durante tutta la gravidanza ed in particolare ora che il tuo bambino si sta formando definitivamente. Quindi, alimenti a base di ferro e calcio sono importantissimi.

Se hai problemi di stress o pesantezza nelle gambe, per ridurre entrambi fai  dei lunghi bagni tiepidi. E ricorda di fare attività fisica regolarmente tutti i giorni o, almeno 3 volte la settimana. Con l’inizio della primavera sarà un piacere goderti un po’ di sole all’ aria aperta. Una bella passeggiata di 30 minuti in un parco è ciò che serve per essere una mamma al top e prenderti cura del tuo bebè.

Se vuoi restare aggiornata su tutto ciò che riguarda la gravidanza, le settimane di gestazione, come cresce e si sviluppa il tuo bambino CLICCA QUI!

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI