Home Gossip

Elena Santarelli: “non ho mai pianto davanti a mio figlio”

CONDIVIDI

elena santarelli sbotta su instagramElena Santarelli, in una lunga intervista rilasciata ai microfoni del Corriere della Sera, parla del tumore che ha colpito il figlio Giacomo.

Per la prima volta, Elena Santarelli parla del tumore che ha colpito il figlio Giacomo in una lunga intervista. Ai microfoni del Corriere della Sera, la showgirl ha raccontato i momenti difficili che ha vissuto insieme al marito Bernardo Corradi dopo aver ricevuto la diagnosi che nessun genitore vorrebbe ricevere.

Elena Santarelli: il tumore del figlio Giacomo, i momenti difficili e la speranza

elena santarelli sfogo su instagram
Elena Santarelli

Con la forza di una leonessa, Elena Santarelli sta affrontando la malattia del suo bambino rivelando di non aver mai pianto davanti a lui: “Mai, mai, mai. A volte, mi chiedo: com’è possibile? Ma in certi frangenti, la forza arriva. Io non ho mai trattato mio figlio da malato, gli ho sempre detto che, mentre si fanno le chemio, si studia e questo ha creato una normalità nella mia vita e nella sua”. Il 30 novembre del 2017, nella vita di Elena Santarelli e Bernardo Corradi arriva un ciclone.

“La cosa peggiore è che non ero presente alla risonanza. Ero stata operata all’anca e avevo stampelle e dolori, è andato solo Bernardo, ma non avevamo sospetti, era un esame fatto per precauzione. Quando mio marito è tornato a casa, gliel’ho letto in faccia. Sono andata in bagno e ho vomitato. Poi, mi sono messa a piangere in silenzio, per non farmi sentire da mio figlio. Giacomo mi ha chiesto di giocare alla Playstation e l’ho fatto. Ho passato la notte su Internet a cercare le parole del referto e a chiamare amici che conoscevano medici”, racconta la showgirl.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>Emma Marrone: il grande gesto per Elena Santarelli

Dopo la paura iniziale e la voglia di non reagire, Elena Santarelli capisce che l’unico modo per combattere la malattia è continuare a vivere come se non fosse cambiato nulla anche per non far perdere al figlio la serenità di cui ha bisogno.

“I primi giorni, stavo come una scappata di casa e non è da me. I bimbi sono astuti, ho capito che dovevo farmi la piega, mettere il solito rossetto, anche se mi sentivo giudicata, in ospedale, col rossetto. Ma ho fatto bene. Quando gli do un calcio nel sedere, bonariamente, non mi dice “mamma, ho il tumore”. La malattia non l’ha cambiato molto, ha solo perso i capelli. Ma sono stanca di chi mi dice “tanto è maschio”. Io ragiono con la sua testa e so che ne soffre. Mi strapperei i miei capelli per darli a lui”.

Insieme al marito Bernardo Corradi a cui ha dedicato anche un dolcissimo post sui social, Elena Santarelli, dopo un primo momento di smarrimento, ha ritrovato la speranza. I motivi che l’hanno spinta a parlare pubblicamente del tumore di suo figlio sono la voglia di dimostrare che “non è detto che un tumore annienti la vita. Ogni caso è diverso, ma mio figlio corre, mangia, ride, ha una vita normale al 60-80 per cento. Vorrei che le mamme avessero speranza” e la voglia di aiutare la ricerca. E pensando al futuro della sua famiglia, la showgirl dice: “Aspettiamo di sentirci dire che siamo a fine terapia. Non sarà presto. Il percorso è lungo, confidiamo di essere nell’80 per cento che si salva”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—->Elena Santarelli: “Lasciatemi in pace, per mio figlio non voglio pietà”