Home Attualità

Eurovision 2018, Ermal Meta e Fabrizio Moro a Lisbona: cronaca sui social

CONDIVIDI

eurovision 2018 fabrizio moro-minEurovision 2018: Ermal Meta e Fabrizio Moro sbarcano oggi a Lisbona per la prima tappa che li condurrà alla finale del 12 maggio con il brano “Non mi avete fatto niente”.

Ermal Meta e Fabrizio Moro a Lisbona per l’Eurovision 2018. comincia ufficialmente oggi l’avventura dei vincitori del Festival di Sanremo 2018 all’Eurovision Song Contest 2018 dove sfideranno i vincitori di altri festival internazionali. Ermal Meta e Fabrizio Moro gireranno la cartolina ovvero i 40 secondi di stacco tra un’esibizione e l’altra a Lisbona e Porto. Ad annunciare la partenza per il Portogallo sono stati gli stessi artisti: Ermal Meta è partito da Milano ed è già in viaggio; Fabrizio Moro, invece, da Fiumicino anche se, come ha comunicato rispondendo ai commenti dei fans su Instagram, il suo volo ha 60 minuti di ritardo. I due cantautori s’incontreranno direttamente in Portogallo.

Eurovision 2018: Ermal Meta e Fabrizio Moro già a Lisbona, cronaca social del viaggio

eurovision 2018 ermal meta fabrizio moro-min

Ermal Meta e Fabrizio Moro si esibiranno direttamente durante la finale del 12 maggio. Per l’occasione, i due cantautori hanno rivisto il testo di “Non mi avete fatto niente” che, da regolamento, non può superare i tre minuti. Le strofe sono rimaste intatte mentre sono nei due ritornelli finali sono state eliminate le frasi “non mi avete fatto niente” e “le vostre inutili guerre“. In Italia, sale l’attesa per l’Eurovision 2018. I fans di Ermal Meta e Fabrizio Moro sono elettrizzati e non vedono l’ora di vedere i due beniamini alle prese con il grande evento. In particolare, per i prossimi giorni, i fans attendono foto e storie che documentino il primo assaggio del Portogallo da parte dei MetaMoro.

Ermal Meta, inoltre, in un’intervista rilasciata ai microfoni Ticinonews.ch ha svelato qualche anticipazioni sulla loro esibizione. “Ci saranno delle frasi tradotte, però soltanto in sovraimpressione, non canteremo in altre lingue, perché altrimenti diventa tutto un po’ troppo incasinato” – ha dichiarato Ermal meta che, sulla scenografia che accompagnerà l’esibizione ha aggiunto – “Io aspetto di vedere le prove, o meglio aspetto di fare le prove, perché un conto è vedere il palco da un’immagine, un conto è starci sopra, perché ti rendi conto in maniera diversa di come sono le luci. Sarà comunque una cosa molto semplice, non ci saranno fuochi d’artificio o ballerine”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>Fabrizio Moro: le date del Live Tour 2018 di Parole, rumori e anni

Ermal Meta e Fabrizio Moro canteranno comunque in italiano come ha ribadito il cantautore albanese: “Noi abbiamo cercato di scrivere un messaggio partendo da qualcosa che tutti conoscono. In Italia è andata bene perché il pubblico ci ha premiato, vedremo come andrà in Europa. C’è però da dire una cosa: quando traduci una canzone perdi un po’ di forza; io ho studiato Lingue, interpretariato, e la prima cosa che ci hanno insegnato è “tradurre vuol dire tradire”. Quando traduci, qualcosa la perdi comunque. […] Mi auguro che la forza del messaggio arrivi intatta”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>Amici 17, boom di Maria De Filippi per il serale: arriva Ermal Meta