Home Fitness

Posizioni Yoga: tutti i nomi degli asana singoli e di coppia

CONDIVIDI
posizioni yoga
iStock Photo

Yoga, una disciplina per corpo e mente, qualche cosa di complesso e di diverso per ciascuno di noi. Impariamo a conoscerla posizione dopo posizione, scoprendone i nomi e come eseguirle.

Si chiamano asana o posizioni fisiche, sono le posizioni dello Yoga, forse l’aspetto più conosciuto in occidente di questa disciplina. Esse rappresentano in realtà la base per la pratica degli stadi più elevati dello Yoga, come le tecniche di respirazione, concentrazione, e meditazione.

La parola asana deriva dal sanscrito, dalla radice as che significa “rimanere”: la parola descrive dunque nel suo significato originale una posizione in cui il praticante rimane e medita sull’infinità della sua natura.

Molti interpretano lo svolgimento degli asana come una via per migliorare e dare beneficio al proprio corpo ma il loro scopo originale era quello di coltivare uno stato meditativo profondo nel quale corpo, mente e anima raggiungessero un meraviglioso stato di armonia tra di loro. Ciò non di meno la salute e la forza fisica assumono da sempre nello Yoga un ruolo fondamentale: solo un corpo sano può raggiungere la calma e l’armonia più elevata.

VIDEO NEWSLETTER

La pratica costante degli asana serve quindi essenzialmente a sviluppare una forza sia fisica che mentale, equilibrio e resistenza, così da consentire una maggior apertura e stabilità della mente. Lo stress viene meno, il relax avanza e corpo e mente saranno così in grado di affrontare qualsiasi evento possa verificarsi nella vita. (Ve lo avevamo del resto già spiegato suggerendovi Gli esercizi Yoga per iniziare la giornata con energia ed equilibrio)

Sebbene dunque la forma fisica sia importante occorre tenerea mente che ciò a cui gli asana mirano è creare uno stato di equilibrio stabile a livello fisico, emotivo, psicologico e mentale, così da poter raggiungere i più elevati picchi meditativi.

Prima di conoscere però queste posizioni dello yoga una per una sarà bene partire dalle basi. Quali regole governano l’esecuzione degli asana? Essenzialmente sono tre:

  • Eseguire la posizione al meglio, così da poterla mantenere a lungo senza aggiustamenti continui o sforzi eccessivi: solo così si avrà modo di rilassare veramente il corpo
  • Respirare con calma e cercare la giusta attitudine mentale
  • Riflettere sul concetto d’infinito ponendo anche noi stessi come parte di esso

E adesso scopriamo le posizioni che hanno reso lo Yoga famoso in occidente.

Posizioni Yoga nomi

Posizioni yoga
iStock Photo

Ma quanti sono gli asana? Si dice che il loro numero quasi non sia finito, un po’ come le infinite posizioni che un corpo può assumere. La maggior parte dei testi comunque individua 84 posizioni, quelle considerate classiche e, forse, anche più diffuse.

Molti portano nomi di animali, insetti, piante, forme geometriche, attrezzi agricoli, oggetti e così via, questo poiché in origine venivano trasmessi oralmente da maestro a discepolo e ciò rendeva più facile la memorizzazione.

Illustrarle tutte oggi sarebbe assai arduo: ve ne trascriviamo dunque i nomi e procederemo poi alla descrizone di 12 posizioni, quelle più celebri e forse anche più usate, che costituiscono i generale le basi dell yoga.

  1. Aghorāśāsana
  2. Anasuyāsana
  3. Angusthasana
  4. Añjanīāsana
  5. Bākāsana
  6. Bhadrāsana
  7. Bhagāsana
  8. Bhairavāsana
  9. Bhujaṅgāsana
  10. Cakrāsana
  11. Citrapiṭhāsana
  12. Daṇḍāsana
  13. Dattadigambarāsana
  14. Dhanurāsana
  15. Dṛḍhāsana
  16. Ekapādakāsana
  17. Garuḍāsana II
  18. Garuḍāsana III
  19. Garuḍāsana IV
  20. Godohikāsana
  21. Gohiāsana
  22. Gomukhāsana
  23. Gopīcandāsana
  24. Gorakṣāsana
  25. Guptāsana
  26. Haṃsāsana
  27. Jalandharīpāvāsana
  28. Kāmadahanāsana
  29. Kapilāsana
  30. Kapaliāsana
  31. Kāyotsargāsana
  32. Kocakāsana
  33. Kukkuṭāsana
  34. Kūrmāsana I
  35. Kūrmāsana – Uttāna Kūrmakāsana
  36. Macchendrāsana II
  37. Mahamudrasana
  38. Makarāsana
  39. Maṇḍūkāsana
  40. Maṇḍūkāsana – Uttāna Maṇḍūkāsana
  41. Markaṭāsana II
  42. Matsyāsana

    posizioni yoga
    iStock Photo
  43. Matsyendrāsana
  44. Mayūrāsana – Baddhakekee
  45. Mayūrāsana – Daṇḍa
  46. Mayūrāsana – Pārśva
  47. Mayūrāsana – Piṇḍa
  48. Mrtyabhanjikāsana
  49. Muktāsana
  50. Nirālambanāsana
  51. Pādapīḍanāsana
  52. Padmāsana – Baddha
  53. Padmāsana – Kara
  54. Padmāsana – Samputita
  55. Padmāsana – Śuddha
  56. Pāṇipātrāsana
  57. Paryaṅkāsana
  58. Paścimatānāsana
  59. Paścimatānāsana – Śayitapaścimatānāsana
  60. Phaṇindrāsana
  61. Rundāsana
  62. Śalabhāsana
  63. Saṅkaṭāsana
  64. Siddhāsana
  65. Siddha Samādhiāsana
  66. Siṁhāsana
  67. Sivaliṅgāsana
  68. Sivāsana
  69. Suryasana
  70. Svastikāsana
  71. Utkaṭāsana
  72. Utkatikāsana
  73. Vajrāsana
  74. Varāhāsana
  75. Vasiṣṭāsana
  76. Vidhūnanāsana
  77. Viparitikaranāsana
  78. Virāsana
  79. Vṛkṣāsana
  80. Vṛṣāsana
  81. Vṛścikāsana
  82. Vyasāsana
  83. Yoga Nidrāsana
  84. Yogāsana

 

Posizioni yoga coppia

posizioni yoga coppia
iStock foto

Lo yoga di coppia, noto anche come acroyoga o thay massage yoga, è una vera e propria moda dilagante degli ultimi anni. Ai benifici classici della disciplina si aggiunge qui un tocco sensuale, di conoscenza reciproca, di rafforzamento dell’intesa tra i partner che fa assumere alla cosa un profilo ancor più affascinante. E’ qui che l’aspetto più profondo e spirituale dello yoga cede leggermente il passo a quello più leggero e divertente, senza però dimenticare il fronte allenante e di rpofonda conoscenza di se stessi. Lo yoga di coppia appare allora come il miglior compromesso tra oriente e occidente e oggi noi proviamo a conoscerne alcune posizioni più o meno semplici e i loro benefici.

Yoga di coppia: respirazione sincronizzata

yoga coppia
iStock photo

Il miglior modo per iniziare questa esperienza a due è senza dubbio respirare. Sedetevi a gambe incrociate, schiena a schiena o uno di fianco all’altro, concentrandovi per percepire il respiro altrui e allinearvi. Godetevi il momento di armonia e poi, inspirando portatevi con le mani verso i piedi: se il partner avrà la shciena contro la vostra compenserà il movimento sovrastandovi e potrete poi invertire la posizione così da aumentare il contatto tra voi.

Yoga di coppia: Front bird

yoga coppia
iStock Photo

Qui è il livello di fiducia a venir messo alla prova, oltre ovviamente a un buon senso dell’equilibrio, della sincronia e della forza fisica.

Lui è sdraiato, con le gambe piegate e i piedi paralleli poggiati sulle ossa del vostro bacino. Non appena il punto di appoggio sarà ben saldo, fletterà le gambe portandole perpendicolari al pavimento e sollevandovi: voi dovrete mantenere l’equilibrio.

Da tale posizone, con l’esperienza, si possono creare varianti sempre più, per così dire, acrobatiche.

Posizioni yoga coppia: Navasana in due

yoga coppia
iStock Photo

E’ una posizione tonificante al tempo stesso  per addominali e quadricipiti, entrambi chiamati in causa perstabilizzareo il corpo in uno stato di facile equilibrio assistito dal partner.

Si parte sedendosi uno di fronte all’altro, con le punte dei piedi che si toccano e abbastanza vicini da poter afferrare con la mano il polso altrui. Il primo passo sarà allungare, una alla volta, le gambe verso l’alto, ponendo le piante die piedi a contatto e mantenedo le gambe ben tese. Ricordate di tenere la schiena dritta e il petto ben aperto.

Yoga di coppia: la torsione

yoga coppia
iStock Photo

E’ la posizione che permette di strizzare letteralmente gli organi, aiutando così l’eliminazione di scorie, tossine e la purificazione come nel mini percorso detox con lo yoga che vi avevamo suggerito tempo fa.

Si apre seduti a gambe incrociate, schiena contro schiena. Dopo aver sincronizzato il vostro respiro come nel primo esrcizio, espirando, ruotate entrambi il busto verso sinistra, appoggiando il dorso della vostra mano sinistra al vostro ginocchio destro. La mano destra aggancia invece il ginocchio del compagno.

Yoga di coppia: Straddle throne

iStock Photo

Qui parliamo di una vera e propria scuola per la fiducia reciproca e per l’equilibrio. Lavorare costantemnte su questa posizione si potrà sviluppare nella coppia una profonda centratura.

L’uomo si posiziona a terra, con le gambe allungate verso l’alto. La donna è in piedi dinnanzi a lui. L’uomo piega una gamba e la donna solleva e apre verso l’esterno quella corrispondente, posizionando la coscia sul piede del compagno. Il piede della donna si aggancia al polpaccio dell’uomo e, facendo forza sulle gambe oramai legate, compie il medesimo movimento per agganciare l’altra. L’uomo solleverà la donna che farà forza sugli addominali per trovare l’equilibrio. (ecco perché vi avevamo illustrato come ottenere una Pancia piatta con lo yoga)

yoga coppia
iStock Photo

Numerose altre posizioni vanno poi a comporre il ventaglio di opportunità di chi vuole approfondire il modno dell’acroyoga. Importante sarà però ricordare di non forzare mai il proprio corpo, spostando l’asticella certo smepre più alto ma con gradualità e, soprattutto, lavorando in sicurezza. Provate sempre le posizioni nuove in spiaggia o avvalendovi di un tatami e con l’aiuto di un spotter, un amico fidato e competente che vi possa aiutare a correggere le posizioni e a sorreggervi in caso di problemi, evitando cadute che potrebbero anche essere pericolose.