Home Dieta e Alimentazione

Donne in gravidanza: Come affrontare il pranzo e la cena di Natale

CONDIVIDI

gravidanza a nataleNatale è ormai giunto ma a causa della gravidanza siete un po’ in confusione riguardo ai cibi che potete mangiare liberamente? Che siate al ristorante o in casa di parenti e amici, ci sono delle indicazioni di massima che potrete seguire per godervi questo giorno di festa senza inutili pensieri. Dopotutto questo sarà un Natale veramente unico e speciale, quindi perché non goderselo a pieno?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Ecco i sei alimenti che si possono mangiare anche dopo la data di scadenza

Ecco come affrontare il pranzo di Natale se si è in dolce attesa

Per prima cosa è giusto archiviare la regola del “si mangia per due”, in gravidanza è giusto alimentarsi in modo corretto ma senza mai eccedere. Una gravidanza serena passa infatti da un organismo non appesantito se non per via dei chili indispensabili alla nuova vita che cresce in grembo.
Detto questo, ecco una serie di alimenti che è meglio evitare.
Si inizia con il pesce crudo, questo va evitato sotto ogni forma. Al bando quindi molluschi e crostacei, pesci sottosale, marinati o affumicati. Le amanti del sushi potranno azzardare se certe che il pesce è stato prima abbattuto per almeno 48 ore ad una temperatura di -20°.
La carne e le uova devono essere sempre ben cotte. Ovviamente la bresaola è bandita.
I formaggi possono essere consumati senza problemi fatta eccezione per quelli blu o contenenti muffe.
Anche i salumi andrebbero evitati, in particolar modo il prosciutto cotto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Datteri: scopriamone le tante proprietà

Per quanto riguarda la frutta basta far attenzione che sia ben lavata, sopratutto se si tratta di fragole o di frutti di bosco.
Quindi, escluso l’alcool che ogni donna sa ormai di dover abbandonare per tutto il periodo della gravidanza, il pranzo di Natale potrà essere consumato serenamente, purché si seguano queste semplici regole. Via libera, infine, a pandori e panettoni che potranno essere consumati serenamente purché senza arrivare ad appesantirsi.