Home Dieta e Alimentazione

Ecco i 6 alimenti che si possono mangiare anche dopo la data di scadenza

CONDIVIDI

cibi che non scadono

Con le feste e l’organizzazione di pranzi e cenoni, succede spesso di fare una spesa più corposa del dovuto trovandosi poi con la dispensa carica di prodotti non utilizzati e vicini alla scadenza. La buona notizia è che non tutti i cibi vanno necessariamente gettati, a patto però di seguire determinate istruzioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Struffoli napoletani

Ecco alcuni cibi che potrete mangiare anche dopo la scadenza

Prima di tutto occorre prestare attenzione ai prodotti che si sceglie di consumare anche dopo la scadenza e che devono avere dei requisiti fondamentali.
Il primo consiste nella dicitura che non deve essere ‘da consumarsi entro’ ma ‘da consumarsi preferibilmente entro‘, nel primo caso infatti è meglio evitare inutili rischi.
Superato il primo ostacolo bisogna accertarsi che il prodotto sia ancora perfettamente confezionato e che non presenti gonfiori o cambiamenti nella colorazione.
Ovviamente anche l’odore deve essere perfetto e, in ultimo, il sapore.
Ogni minimo cambiamento va preso come un segnale che è meglio buttare il tutto, anche se è costato parecchio ed è ancora intatto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Inverno: cinque cibi per affrontarlo al meglio

Per quanto riguarda i cibi, ognuno ha una durata diversa, anche dopo la scadenza.
Sembrerà strano ma gli yogurt possono essere consumati fino a due mesi dopo la data di scadenza. Ovviamente se la confezione non appare gonfia e se soddisfa tutte le caratteristiche riportate sopra.
Anche la farina può essere consumata dopo la scadenza e, più precisamente, fino a sei mesi dopo.
Il miele è un cibo che in realtà non ha scadenza e la cui etichetta esiste solo per motivi di legge. Forse dopo quella data perderà alcune delle sue proprietà ma di certo non risulterà nocivo per la salute.
Formaggi stagionati. A differenza di quelli freschi, per gli stagionati la scadenza è relativa in quanto inserita per motivi di legge.
Anche i cereali possono essere consumati molto più a lungo. Si va dai sei agli otto mesi, molto dipende dalla qualità e dagli ingredienti presenti.
Infine, restando in tema di feste, pandori e panettoni possono essere consumati anche due settimane dopo la data di scadenza. Forse saranno un po’ più asciutti ma sicuramente non vi faranno male.
Fate sempre attenzione però e se qualcosa non vi convince, meglio buttare tutto.