Home Attualità

Il vero amore non ha mai fine: una foto straziante ce lo ricorda

CONDIVIDI

Una coperta con collage di ritratti, la foto ricordo e il suo piccolo addormentato al suo fianco. Così è stata ritratta la donna divenuta poi simbolo per il web della forza dell’amore, di un sentimento eterno, capace di superare persino la morte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Foto shock di famiglia con il padre morto di overdose

La foto che prova dolorosamente l’eternità del vero amore

La foto è stata pubblicata su Instagram da Artgaleri, un’associazione no profit impegnata nella promozione dell’arte e dei giovani talenti, aiutandoli ad affermarsi nel mercato dell’arte contemporanea e che sui social ha oltre un milione di follower. Ad accompagnare lo scatto la frase.

Il vero amore non ha mai fine. Siete d’accordo o no?

Della donna in questione e del suo bambino si sa ben poco: l’uomo venuto a mancare era un soldato, probabilmente impegnato in qualche missione all’estero e mai più tornato a casa. Uno scenario che rende questa famiglia simile a tante altre famiglie americane e, così, amplifica ancor di più il potere emotivo dello scatto.

Sono tante le mogli d’America che piangono un compagno scomparso in una terra lontana ma ancor più numerose sono le persone che, nel mondo, hanno perso una persona cara e si aggrappano alla convinzione che il sentimento chili univa fosse più potente della morte stessa.

Lo scatto in questione parla a entrambi questi gruppi e, forse, proprio a tale capacità è legato il segreto del suo successo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –>  Vive e dorme per sei giorni accanto al corpo della moglie morta: l’incredibile storia di Russell Davison

La donna sdraiata sulla tomba del marito, con il figlio addormentato nell’ovetto al suo fianco e divenuta così famosa come simbolo dell’amore, del dolore dell’addio, di un distacco difficile e di una vicinanza che rimarrà probabilmente eterna.

Nel XXI secolo non è facile credere all’incrollabilità di un sentimento, al vero amore, ma, ammettiamolo, foto come queste ci restituiscono la speranza, mista certo a un grande dolore ma, pur sempre, speranza.