Home Psiche

Psiche: la bulimia nervosa e l’eccessiva preoccupazione per il peso

CONDIVIDI
(Web)

La bulimia nervosa è un disturbo psicologico che si annovera all’interno dei disturbi dell’alimentazione ed è caratterizzata dall’eccessivo controllo del proprio peso. Letteralmente bulimia significa “fame da bue”ed esprime al meglio la caratteristica saliente di questo disturbo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Anoressia nervosa cosa è e perchè nasce

La bulimia nervosa

La bulimia si contraddistingue per episodi abbuffate, solitamente notturne, e da successivi comportamenti compensatori quali vomito autoindotto. Attraverso le abbuffate il soggetto tende ad ingerire abbondanti quantità di cibo  ad alto contenuto calorico. Questi comportanti vengono messi in atto di nascosto, molto spesso passano anche parecchi anni prima che qualcuno si accorga della presenza di questo disturbo. A queste abbuffate è strettamente legata la paura di aumentare di peso e per questo vengono messi in atto i comportamenti compensatori (vomito auto indotto, uso di lassativi, digiuni e attività fisica eccessiva). Il digiuno porta con sè la abbuffate instaurando così un circolo vizioso dal quale diventa difficile uscire. I comportamenti compensatori hanno la funzione di “annullare” l’abbuffata e quindi attenuare il senso di colpa ad essa associata.

Caratteristiche della bulimia nervosa

La bulimia presenta un esordio tardivo, di solito intorno ai  20-30 anni, le abbuffate vengono messe in atto due almeno due volte a settimana, la loro durata è variabile dai 15 minuti alle 4 ore. I comportamenti compensatori fanno credere alla persona bulimica di poter tenere sotto controllo il proprio peso corporeo e poter allo stesso tempo soddisfare il proprio appetito.

Cosa c’è alla base di questa voglio di cibo? Senza dubbio un forte bisogno di controllo, di poter controllare la propria vita e alleviare la sensazione di malessere interno che pervade queste persone. Generalmente in queste persone sono frequenti pensieri del tipo o tutto o niente: la persona tende a materne un peso corporeo basso a questa restrizione porta ad un inevitabile trasgressione attraverso le abbuffate appunto, le quali a loro volta portano ai comportamenti compensativi per far poter avere di nuovo sotto controllo la situazione. Questo tipo di persone basano la valutazione di se stessi che è centrata sul proprio corpo, il suo successo dipende dal proprio aspetto e per questo il controllo sul peso e sul corpo diventa centrale per queste persone.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Idrofobia quando è l’acqua a fare paura