Buondì fatti in casa, la merenda che ha unito generazioni di italiani non è più segreta

Ci sono merende che non passano mai di moda, come i Buondì. Ecco la ricetta e la lavorazione per prepararli con le nostre mani

I Buondì hanno tenuto compagnia a diverse generazioni di italiani, compresa la nostra. Quelli originali sono della Motta, ma noi possiamo replicarli tranquillamente in casa con un risultato molto simile e buonissimo

Buondì
canva

Buondì fatti in casa, prepariamoli e conserviamoli così

I Buondì fatti in casa si conservano sotto una campana di vetro oppure in una scatola di latta per 3-4 giorni al massimo. Ecco tutto il procedimento.

Ingredienti:
Per l’impasto
200 g di farina Manitoba
200 g farina 00
130 g di zucchero semolato
1 cucchiaino di miele
2 tuorli + 1 uovo intero
50 ml di latte
50 ml di acqua
100 g di burro
Per il lievitino
120 gr di farina 0
50 gr di latte a temperatura ambiente
10 gr di lievito di birra fresco
50 gr di acqua
Per la glassa
60 g di farina di mandorle
10 g di fecola di patate
2 albumi
100 g di zucchero semolato
granella di zucchero q.b.

Preparazione

Andiamo con ordine, aspetto fondamentale nella cucina in generale e nella pasticceria in particolare, e cominciamo con il lievitino. Scaldiamo il latte fino a quando diventa tiepidi, aggiungiamo anche l’acqua e poi sciogliamo il lievito.
A quel punto uniamo la farina, un pugnetto alla volta, mescolando per inglobarla. Quando abbiamo finito, formiamo una palla e facciamola lievitare per 30 minuti in un angolo asciutto della cucina, coperta con un canovaccio.

buondì
canva

Mentre aspettiamo, cominciamo con la vera base dei Buondì. In una ciotola setacciamo bene le due farine e mescoliamole con lo zucchero semolato aggiungendo subito il miele. Poi la parte liquida, il latte e l’acqua continuando a mescolare.
Aggiungiamo anche l’uovo intero e il tuorli leggermente sbattuti (gli albumi tanto ci serviranno per la glassa), continuando ad amalgamare bene l’impasto fino a quando è tutto assorbito. Infine il sale e il lievitino, anche questi da incorporare bene. Ultimo passaggio, il burro a temperatura ambiente: dividiamolo in due pezzi, dentro uno alla volta e solo quando è inglobato mettiamo l’altro.

L’impasto dei Buondì è pronto. Ora dobbiamo solo coprirlo con un canovaccio leggermente inumidito e lasciarlo lievitare per 1 ora. Al termine, altre 5-6 ore in frigorifero, ma se resta di più non fa male (per questo possiamo prepararlo anche la sera prima).
Riprendiamo l’impasto, tiriamolo fuori dal frigo e e lasciamolo lievitare ancora per 2 ore e mezza nel solito angolo caldo. Quando però mancano circa 45 minuti alla fine, possiamo preparare la nostra glassa. Mescoliamo lo zucchero, la fecola e la farina di mandorle, poi aggiungiamo gli albumi, anche questi leggermente sbattuti, mescoliamo e lasciamo riposare in frigo.

Prima di formare i Buondì, creiamo delle strisce rettangolari con la carta forno larghe 7-8 cm e alte 6 cm in modo che i nostro capolavori in forno stiano distanziati.
Riempiamo una teglia rettangolare con i contenitori creati con la carta forno e poi suddividiamo l’impasto in palline da circa 60 grammi. Stiriamole leggermente con le mani per dare la classica forma di questa merendine e infiliamole nei contenitori creati ad hoc.
Lasciamo lievitare ancora una 30 minuti, poi prima di infilare la teglia in forno cospargiamo la superficie di ogni striscia con la glassa e un pugnetto di granella di zucchero. Cuociamo in forno preriscaldato statico a 180° per circa 25 minuti o fino a che diventano leggermente dorati in superficie. Sforniamo, aspettiamo che siano tiepidi ed ecco i nostro Buondì fatti in casa, buoni da mangiare.