Non riesci a perdere peso? E’ colpa di questa tua brutta abitudine. Smetti subito!

Se vi siete sempre chiesti perché non riuscite a perdere peso, ora la scienza vi risponde: la colpa è di questa sbagliatissima abitudine

Tra le abitudini poco virtuose che molti hanno c’è quella di cenare tardi. Un vezzo che può risultare determinante ai fini della dieta e della linea. In diversi paesi c’è questa usanza, pensiamo alla Spagna, dove si cena dopo le 21 e spesso anche alle 22.

cenare tardi ingrassare
Fonte: Canva

In Italia, dipende, ognuno è abituato a modo suo, anche se l’orario della cena generalmente nel Belpaese è fissato intorno alle 8 di sera. Scendendo un po’ più a sud i tempi si allungano un po’, ma in linea di massima l’orario medio è intorno alle 20.30-21. Molti però a causa di motivi lavorativi o altro, sgarrano mangiando anche più tardi.

Nei paesi anglosassoni e del Nord Europa c’è invece l’abitudine di cenare presto, tra le 18 e le 19. Ma quali sono i vantaggi di non mangiare tardi la sera? Scopriamo perché cenare tardi fa ingrassare e lo studio che esiste in merito. 

Ecco perché cenare tardi fa ingrassare

Se finora era solo un sentito dire, ora esiste anche uno studio in merito all’orario migliore per consumare la cena. Mangiare in tarda serata può risultare dannoso per la forma fisica. A dirlo anche uno studio dell’Università della Pennsylvania.

cenare tardi
Fonte: Canva

Secondo la scienza, insomma, mangiare a ridosso dell’orario in cui si va a letto può incidere sull’aumento della massa grassa, a discapito della magra. Ma anche sui livelli di insulina nel sangue influenzando in modo negativo i marcatori ormonali implicati nelle malattie cardiache e sul diabete.

Andiamo però a scoprire nello specifico in cosa è consistito tale esperimento, riportato dalla Gazzetta dello Sport. Per la ricerca sono stati presi a campione 9 soggetti adulti normopeso.

Essi sono stati sottoposti a due tipologie di regimi nutrizionali nel corso di 16 settimane, divise in due turni. Nelle prime 8 settimane la dieta prevedeva tre pasti e due spuntini compresi dalle 8 alle 19. Le  seconde otto settimane invece, prevedevano una dieta fatta sempre di tre pasti e due spuntini ma compresi tra le 12 e le 23.

In mezzo ai due tipi di regimi alimentari il gruppo si è sottoposto ad un periodo di washout, cioè è tornato alle proprie abitudini personali. L’orario del sonno però è stato mantenuto dalle 23 alle 9 costantemente.

Per capire come il gruppo avesse risposto all’esperimento, tutti i vari soggetti sono stati sottoposti a esami ematici prima della studio, al termine delle prime 8 settimane, all’inizio del secondo regime e al termine di esso.

Da qui è emerso che i soggetti che mangiavano più tardi rispetto al solito aumentavano di peso. Inoltre, il quoziente respiratorio evidenziava un aumento del consumo di glucidi e una riduzione dell’ossidazione dei lipidi, cioè dei grassi.

Tali risultati, dunque, hanno messo in evidenza come cenare tardi la sera possa comportare un aumento della massa grassa a discapito della magra, e un peggioramento del profilo lipidico. Con ripercussioni dunque, sia sullo stato di salute, ma anche sulle eventuali prestazioni sportive.

Ad avvalorare ancora di più la tesi, qui già vi avevamo spiegato anche altre motivazioni per cui cenare tardi può far ingrassare. 

Dunque, “cenare tardi fa ingrassare”, non è solo un modo di dire ma è, a questo punto, anche secondo la scienza, una cattiva abitudine che sarebbe molto meglio evitare, alla stregua di quelle di che ci possono far ingrassare di notte. Infatti, anche dormendo è possibile mettere su peso.