Trucchi da conoscere per realizzare una frittura perfetta

Ecco come realizzare una frittura perfetta: scopriamo tutti i trucchi da conoscere per ottenere un risultato ottimale. 

Tra le tecniche più golose ma anche più caloriche utilizzate in cucina troviamo senza dubbio la frittura. Un modo di cucinare gli alimenti con un’abbondante dose di grasso che riesce a far diventare calorico anche un piatto di verdure.

trucchi frittura
Fonte: Canva

Cosa c’è però di più buono di una cotoletta fritta, di un piatto di patatine o del pesce fritto? Solo per citarne alcuni. Tra i detti più popolari c’è quello che dice: “Fritta è buona anche una scarpa”.

Dunque, se da un lato, la frittura è qualcosa che fa gola a tanti, dall’altro lato molti ne stanno alla larga per la pesantezza che può talvolta lasciare e per la quantità di calorie che apporta. Esistono però alcuni trucchi che permettono di realizzare un frittura perfetta, scopriamo quali sono gli accorgimenti giusti.

Ecco i trucchi per realizzare una frittura perfetta

Tra i metodi di cottura la frittura è sicuramente tra i più antichi e più gustosi. Peccato che sia anche uno di quelli che apporti più calorie. In genere per frittura si intende l’immersione di un alimento in olio bollente.

trucchi frittura
Fonte: Canva

Ma per essere sicuri che la frittura sia fatta a dovere dobbiamo conoscere alcuni trucchi. Scopriamo subito quali sono.

1) Scelta dell’olio giusto. Il migliore è quello d’oliva, ma no l’extra vergine perché non è raffinato e non è adatto alla frittura. Quello d’oliva invece è più resistente perché contiene una quota maggiore di acidi grassi monoinsaturi. Non solo, anche l’olio di arachide ha una resistenza alta che lo rende adatto ad una buona frittura come ad esempio dei dolci. Ora che arriva Carnevale può essere indicata particolarmente questa tipologia per friggere chiacchiere, castagnole, strufoli e così via. Ricordiamo anche che gli oli di semi quali girasole, mais e soia non sono poi così adatti perché tendono a deteriorarsi facilmente se esposti alle alte temperature.

2) Temperatura giusta. Mai friggere ad una temperatura che vada sotto ai 160°C o sopra ai 180° gradi. In questo intervallo, infatti, non si liberano sostanze tossiche. Sia l’olio d’oliva che quello d’arachidi hanno un punto di fumo in questo intervallo.

3) La giusta quantità d’olio. Mettendo poco olio e non immergendo bene i cibi da friggere si rischierà di far scendere troppo la temperatura dell’olio e in questo modo i cibi tenderanno ad assorbire l’olio inzuppandosi senza cuocersi.

4) Non mettere troppi pezzi insieme. Sempre per il motivo sopra non dobbiamo mettere troppe cose da friggere insieme. Questo infatti farebbe abbassare inevitabilmente la temperatura dell’olio causando i problemi spiegati al punto 3.

5) Non riutilizzare l’olio. Una volta che si è fritto l’olio va smaltito ed è meglio non riusarlo né aggiungerne altro nuovo sul vecchio.

LEGGI ANCHE -> Pesce al sale: ecco i trucchi per cucinarlo alla perfezione

6) Salare alla fine. Il sale va aggiunto solo una volta che il fritto è pronto e mai prima.

7) Non coprire il fritto man mano che si cucina. Altrimenti i cibi diventeranno mollicci.

LEGGI ANCHE -> Besciamella senza burro e senza latte: ecco i trucchi per farla buonissima

Grazie a questi semplici trucchi otterrete una frittura perfetta.