Trucchi per riattivare un metabolismo lento: ecco le dritte utili

Se non riesci a dimagrire ecco i trucchi per riattivare un metabolismo lento: scopriamo le dritte utili per perdere peso. 

Nonostante i sacrifici e gli sforzi e le diete prolungate capita spesso di non riuscire a dimagrire. Uno stile di vita sano e un’alimentazione corrette a volte possono non bastare per perdere peso.

riattivare metabolismo lento
Fonte: Canva

Molto spesso la causa di questo disagio è dovuta ad un metabolismo lento. L’effetto è quello di trovarsi di fronte ad un corpo che può sembrare bloccato. Anche se siamo attenti alla dieta e abbiamo diminuito le calorie sembra che l’organismo non voglia rispondere.

Si è di fronte ad un tipico caso di blocco. E ciò avviene perché il metabolismo diventa troppo lento. E come ben si sa esso è spesso la cause di uno scarso dimagrimento. E visto che i miracoli non esistono ecco una serie di trucchi per aiutare il metabolismo lento a riattivarsi.

Ecco come riattivare un metabolismo lento

Quando decidiamo di metterci a dieta spesso sentiamo parlare oltre che di regimi alimentari anche di metabolismo. Si tratta infatti di un elemento imprescindibile per un corretto dimagrimento.

 

Ma cos’è il metabolismo? Si tratta delle reazioni chimiche che trasformano il cibo in energia per far funzionare le cellule del corpo. Una funzione vitale che spesso incide anche con il peso corporeo.

Inoltre, è bene anche definire cos’è il metabolismo basale. Si tratta della quantità minima di energia che l’organismo richiede per mantenere vive le funzioni vitali in stato di riposo. Esso è determinato da vari fattori fra cui: età, sesso, peso e altezza e dalla massa magra.

Esistono anche alcuni fattori che possono modificarlo come: stress, sbalzi ormonali, aumento della temperatura corporea, aumento della temperatura ambientale, nutrizione, medicinali, condizioni fisiologiche come la gravidanza o l’allattamento e così via.

Ma quali sono le dritte per far riattivare un metabolismo che all’apparenza sembra essere lento e bloccato? Scopriamo i trucchi da adottare.

1) No ai digiuni. Essi tendono infatti a ridurre l’attività metabolica. Quando poi torneremo  mangiare normalmente accumuleremo molto di più.

2) Mangiare poco e spesso. Ciò significa fare anche gli spuntini che sono fondamentali per non arrivare affamati ai pasti principali. Un paio al giorno a metà mattina e a metà pomeriggio. Meglio però consumare verdure crude, frutta o yogurt. Concessa anche della frutta secca.

3) Masticare bene. Dato che la prima digestione è in bocca evitiamo di ingoiare il cibo intero o quasi. Tutto ciò infatti non fa altro che rallentare il metabolismo provocando anche gonfiore addominale.

4) Bere acqua. Essa riattiva i meccanismi metabolici però per far sì che ciò accada è bene berne almeno un paio di litri al giorno. Possiamo anche acquisire i liquidi sotto forma di tisane. L’acqua aiuta l’organismo a stimolare la termogenesi. Inoltre, è bene assumere anche cibi ricchi di acqua come frutta e verdura. Essi contengono anche altre preziose sostanze ovvero gli antiossidanti che aiutano a smaltire le tossine dall’organismo.

5) Consumare proteine. Il giusto quantitativo di carne, pesce o formaggi devono essere presenti nella dieta ma in modo bilanciato con tutte le altre sostanze.

6) Aumentare la massa magra. Se pratichiamo attività fisica svilupperemo i muscoli che andranno a bruciare più calorie anche a riposo.

LEGGI ANCHE -> Ecco i trucchi per accelerare il metabolismo al mattino appena svegli 

7) Consumare carboidrati complessi e fibre. Ad esempio possiamo consumare la farina integrale sotto forma di pasta e pane ma anche i cereali come farro, orzo, e via dicendo. Non dobbiamo invece assumere grandi quantitativi di zuccheri o carboidrati ad alto indice glicemico specie la sera perché riducono l’attività metabolica.

8) Alimenti con lo iodio. Sempre che non si soffra di ipertiroidismo allora in tal caso è bene evitare, dovremmo consumare alimenti ricchi di iodio che aiutano il metabolismo.

LEGGI ANCHE -> Con questo frutto autunnale dai uno sprint al tuo metabolismo 

Infine non dimentichiamo che questi sono solo consigli e per ottenere una dieta sana ed equilibrata è sempre bene rivolgersi ad un nutrizionista.