Avanzi delle feste: gli errori da non fare assolutamente

Scopri quali sono gli errori da non fare mai quando si hanno in casa degli avanzi delle feste. Piccola guida di sopravvivenza adatta a tutti.

Con il congedo del Natale e dei pasti ricchi di cibi sofisticati e golosi, uno dei grandi classici con il quale ci si trova a fare i conti già prima di Capodanno è quello relativo ai tanti avanzi delle feste rimasti in casa. Cibi ancora buoni ma che non si sa bene come gestire e che per questo motivo si può trattare in modo errato.

avanzi feste errori
(Adobe Stock photo)

Anche se non tutti lo sanno ci sono infatti degli errori sugli avanzi delle feste che in pochi conoscono ma che sono in grado di fare la differenza. Errori che se perseguiti possono risultare nocivi portando sia a fare degli sprechi che a rischiare di star male.

Niente paura, però. Una volta scoperti e compreso come arginarli, destreggiarsi tra lasagne, polpettoni e dolci di Natale risulterà più semplice che mai e aiuterà a guadagnare tempo, godendo al contempo di sapori che non si è ancora del tutto pronti a lasciar andare.

Avanzi delle feste: gli errori da non fare mai

Decidere di riciclare gli avanzi delle feste di Natale è una scelta più saggia che mai. Farlo aiuta infatti ad evitare inutili sprechi, a risparmiare tempo e denaro e a mangiare piatti ancora buoni e ricchi di gusto.

avanzi natale errori
(Adobe Stock photo)

Ci vuole però un piano d’azione che sia ben organizzato e che contempli anche i limiti oltre i quali non ci si dovrebbe mai spingere. Solo così si potranno infatti evitare gli errori relativi agli avanzi delle feste.

LEGGI ANCHE -> Il tortano non è venuto bene? Ecco gli errori da non fare mai più

Errori che possono rovinare tutto e che per questo affronteremo passo passo in modo da trasformarli solo in un lontano ricordo.

Perdere di vista le scadenze. Uno dei più grandi errori che si fanno, in particolare con i dolci di Natale, è quello di riporli dimenticandosi che hanno una data di scadenza. Ciò porta quasi sempre a tirarli nuovamente fuori quando è ormai troppo tardi. Per evitare questo problema, il trucco è quello di riutilizzarli subito. Con una base di pandoro o di panettone si può ad esempio dar vita ad alcuni dolci perfetti per accogliere il nuovo anno. Mentre torroncini e altri dolci possono essere gustati a piccole dosi con lo yogurt o inseriti a loro volta in dolcetti da offrire a parenti ed amici in visita.

Non controllare la salubrità degli alimenti. Spesso si rischia di star male perché si fa troppo affidamento sul frigorifero e sulla voglia di non buttare via niente. Ci sono però alimenti che con il passare del giorno possono andare a male. Tra questi ci sono quelli a base di carne o latticini. Motivo per cui andrebbero sempre controllati per bene prima di rilavorarli. In caso di dubbi, meglio evitare di immolarsi perché il rischio è quello di andare incontro ad un’intossicazione.

Eliminare la frutta secca. A non scadere facilmente e a mantenersi salubre a lungo è invece la frutta secca. Questa può essere quindi riutilizzata sia per la preparazione di dolci e panificati che per essere sgranocchiata durante il giorno o inserita in insalate, primi e secondi piatti. Ad eccezione di quella salata o dei datteri, frutta secca come noci, pistacchi, mandorle e nocciole rappresenta infatti una grande fonte di Omega 3 rappresentando un alimento considerato sano (purché consumato con moderazione) per l’organismo. Un motivo in più per non eliminarla anzi tempo.

Eliminare vini e spumanti. Ok, dopo qualche giorni il rischio è quello che perdano freschezza. Non poterli bere, però, non significa non poterli più usare. Prima di buttarli è quindi importante tenere a mente che un buon vino (ma vale anche per lo spumante) può essere usato per sfumare risotti o secondi piatti conferendo agli stessi un sapore più pieno e corposo.

Non far uso del congelatore. Se è vero che alcuni alimenti possono essere consumati anche per giorni (meglio non superare mai le 72 ore), vale anche la regola che riposti in freezer durano di più. Ovviamente ciò deve accadere ad alimento fresco e non quando sono già passati tre giorni. Questo punto è quindi ormai inutile per gli avanzi di Natale ma si presta benissimo a quelli che si accumuleranno subito dopo Capodanno. Motivo per cui è più che importante conoscerlo.

LEGGI ANCHE -> Pandori e panettoni avanzati? Ecco alcune idee golose per riciclarli

Seguendo le regole appena esposte, gli avanzi delle feste non avranno più segreti e non comporteranno quegli errori all’apparenza banali ma in grado di rovinare tutto. Un modo perfetto per consumare cibi che si amano senza problemi e, cosa più importante, per evitare inutili sprechi.