Elena Sofia Ricci, il terribile dramma che ha sconvolto tutto

Elena Sofia Ricci racconta il terribile dramma che le ha cambiato la vita per sempre: “Ora posso parlare con libertà”.

Elena Sofia Ricci è una delle attrici più importanti del cinema italiano. Con una carriera straordinaria alle spalle, è riuscita a conquistare ulteriormente il pubblico interpretando Suor Angela, sin dalla prima stagione, nella fiction di Raiuno “Che Dio ci aiuti”. Sempre sorridente, l’attrice ha alle spalle un grandissimo dolore di cui ha parlato solo dopo la morte della madre.

elena sofia ricci curiosità
foto da instagram

Quando era solo una bambina, Elena Sofia Ricci ha subito delle molestie da un amico di famiglia. Un dolore enorme che, per anni, l’attrice ha tenuto per sè. Solo dopo la scomparsa della mamma è riuscita a parlarne pubblicamente.

Il dolore di Elena Sofia Ricci: le molestie subite quando aveva 12 anni

Aveva solo 12 anni Elena Sofia Ricci quando subì le molestie di un amico di famiglia. Un dolore terribile che non ha mai abbandonato l’attrice.

«Ora che mia mamma è venuta a mancare posso parlare con libertà – ha detto – A 12 anni sono stata abusata. Non l’ho mai dichiarato prima perché purtroppo è stata mia madre a consegnarmi, inconsapevolmente, nelle mani del mio carnefice, mandandomi in vacanza con un amico di famiglia», ha raccontato in un’intervista a Libero.

LEGGI ANCHE—>Che Dio ci aiuti, fiori d’arancio per l’attrice più amata: sì all’ex Amici

dramma elena sofia ricci
Fonte https://www.instagram.com/elenasofiaricci_officialpage/

“Un abuso resta un abuso. Nessun uomo ha il diritto di usare il proprio potere per abusare di una donna. Quando una bambina che diventa ragazza è fragile, può arrivare a pensare di non meritarsi nulla e che deve vendersi. Non è sempre facile dire no”, ha aggiunto nella stessa intervista.

LEGGI ANCHE—>Chiara Ferragni come Victoria De Angelis: il dettaglio sotto la maglia non sfugge

Dichiarazioni importanti quelle della Ricci che ha esortato tutte le donne a denunciare e a tirare fuori il proprio dolore.