William e Harry, emerge la cruda e agghiacciante verità

La verità di Lady Diana su William e Harry potrebbe risultare scomoda per il futuro della monarchia inglese, ma Diana avea un’idea molto precisa dei suoi figli e soprattutto dei loro talenti.

Essendo il primogenito, William a tempo debito avrebbe ereditato la Corona d’Inghilterra da suo padre, il Principe Carlo. Essendo il figlio secondogenito Harry non avrebbe mai dovuto sopportare quest’enorme responsabilità e avrebbe potuto evitare moltissimo dello stress che spetta ai sovrani.

diana verità william harry
(Pinterest)

Crescendo i suoi bambini, però, Diana è stata in grado di capire come nessun altro il carattere dei due Principini del Galles e aveva un’idea molto precisa su quale dei due avrebbe saputo portare la corona con più forza e più dignità.

Nel corso degli anni William e Harry sono stati dipinti un po’ come il diavolo e l’acqua santa dalla stampa internazionale. Harry in particolare è stato attaccato dai tabloid internazionali per aver avuto un comportamento molto irresponsabile a addirittura vergognoso per un principe di famiglia reale.

In passato in fatti Harry ha avuto problemi di dipendenza da alcool e droga che lui stesso ormai ammette senza vergognarsene.

Al contrario William si è sempre comportato come il bravo ragazzo, in grado di incarnare perfettamente tutti i valori della famiglia reale, senza pronunciare mai una parola fuori posto e senza commettere mai delle imprudenze scandalose.

Del resto, è stato cresciuto in una famiglia in cui il senso del dovere e la venerazione nei confronti della corona sono posti al di sopra di tutto per un futuro Re.

Eppure, secondo Diana le cose avrebbero dovuto andare diversamente.

La verità di Lady Diana su William e Harry? GKH

Alla corte d’Inghilterra circolano moltissimi soprannomi, che vengono utilizzato dallo staff per riferirsi in maniera scherzosa, crudele o affettuosa ai vari membri della famiglia reale.

statua principessa diana
(Instagram)

Anche i reali però utilizzano tra loro dei soprannomi più o meno simpatici, che vengono considerati “nomignoli di famiglia”. Per esempio, tutti sanno che il Principe Filippo chiamava la regina “cabbage” o “sausage” che vuol dire (va bene, il Principe Filippo non era un uomo romantico …) “cavolino” o “salsiccetta”.

A causa dei suoi capelli rossi il Principe Harry da bambino era soprannominato Ginger (cioè “il Rosso”) dalla maggior parte degli abitanti della Corte, ma la sua mamma aveva per lui un soprannome speciale.

Per Lady Diana il Principe Harry era “GKH” che in inglese si pronuncia “Gikeyeich”. Queste tre lettere erano le iniziali delle parole Good King Harry ovvero “il Buon Re Harry”.

Il motivo per cui Lady Diana aveva inventato questo soprannome per suo figlio minore stava nel fatto che la Principessa del Galles riteneva Harry molto più adatto a governare rispetto a William.

Oltre ad avere un carattere aperto e generoso, Harry sembrava in grado di far fronte alle responsabilità molto meglio di quanto riuscisse William.

Un episodio di cui si parlò per molto tempo sui giornali di diversi decenni fa è illuminante: in un momento in cui William era molto spaventato dalla prospettiva di diventare Re un giorno, Harry lo consolò. Il bambino affermò che se il fratello non voleva sedere sul trono allora lo avrebbe fatto lui, per togliergli questo peso.

Da quel momento il piccolo Harry si guadagnò il titolo di “Good King Harry” che, però, non è stato di buon auspicio. Come ci ha insegnato la storia recente, infatti, Harry è fuggito dalle responsabilità reali per trasferirsi a vivere negli Stati Uniti in qualità di privato cittadino e vivere una vita il più possibile normale accanto a sua moglie e ai suoi due figli.

Ovviamente il percorso della famiglia Sussex è più accidentato di quanto Harry e Meghan credevano a principio e i Duchi sono stati esposti a diverse critiche per il loro comportamento.

Ti sei persa le ultime notizie sulla Famiglia Reale? Qui trovi tutti gli articoli sui Royals di Chedonna.it!

Secondo molti, infatti, i Sussex “predicano bene e razzolano male”, facendo discorsi molto responsabili sulla salvaguardia del clima ma comportandosi in maniera completamente contrastante con quello che dicono. Per questo motivo sono stati bollati come “ipocriti e incoerenti” da molta stampa americana.