Stitichezza pre ciclo: cause e rimedi sorprendenti

Soffri di stitichezza pre ciclo? Scopri perché e quali rimedi possono aiutarti a risolvere il problema.

A chi non è mai capitato di trovarsi a combattere con degli episodi di stitichezza poco prima del ciclo? Questo problema che ha un nome che è appunto “stitichezza pre ciclo” rientra tra i tanti sintomi della sindrome premestruale.

stitichezza pre ciclo
(Adobe Stock photo)

Un problema tutto femminile e troppo spesso sottovalutato nel quale rientrano diversi problemi che, tutti insieme, creano non pochi disagi sia poco prima del ciclo che quando questo arriva.

La stitichezza è appunto uno di questi. E se si soffre di intestino irritabile o non si ha una buona regolarità normalmente, ecco che il problema può diventare più insidioso portando a gonfiori, dolori e giorni interi trascorsi senza evacuare.

Una problematica piuttosto importante che chi ne soffre conosce bene. Per fortuna ci sono degli aiuti che possiamo darci quando si va incontro alla stitichezza pre ciclo. Scopriamo quindi quali sono i più semplici da mettere in pratica.

Stitichezza pre ciclo: perché si presenta

Prima di tutto è importante capire cosa avviene quando si presenta la stitichezza pre ciclo. Questa è infatti legata al calo di estrogeni che si ha poco prima dell’arrivo del flusso mestruale. Una situazione che infiamma l’intestino portandolo ad incastrarsi.

stitichezza pre ciclo
(Adobe Stock Photo)

Ovviamente si tratta di un problema di entità variabile, che cambia da donna in donna e che per questo andrebbe sempre discusso con il proprio medico curante. Solo così, infatti, si può sperare di trovare una soluzione ad hoc che funzioni davvero e che aiuti ad alleviare sia il gonfiore che tutti gli effetti negativi che si legano ogni mese ai problemi dati da non andare di corpo. Come non pensare, infatti, al senso di pesantezza, alle emicranie e al nervosismo che si prova quando non ci si libera correttamente?

LEGGI ANCHE -> Nervosismo prima del ciclo? Ecco da cosa dipende e come rimediare

Rendersi conto che non si tratta di un problema psicosomatico ma di qualcosa di fisiologico è il primo passo per impuntarsi nel cercare una soluzione. Perché vivere il periodo del ciclo con serenità è il diritto di ogni donna.

Come aiutare l’intestino e dimenticarsi della stitichezza pre ciclo

Quando si soffre di stitichezza pre ciclo, la prima cosa da fare è quella di alleviare ogni possibile influenza esterna in grado di disturbare il corretto funzionamento dell’intestino. Fatto ciò si potranno mettere in atto alcune strategie d’urto per aiutarsi nell’andare di corpo.

stitichezza pre ciclo
(Adobe Stock photo)

Vediamo quindi quali sono i passi da compiere per trovare un rimedio che funzioni e che non sia deleterio per la salute.

Mangiare bene. Una corretta alimentazione è il primo step da affrontare. Abbiamo già parlato del calo di estrogeni e della conseguente infiammazione dell’intestino, no? Ebbene, ora è il momento di disinfiammarlo. E per farlo si può partire proprio da ciò che si mangia. Meglio evitare zuccheri, fritti e cibi potenzialmente infiammanti e puntare su frutta e verdure. In particolare andrebbe seguita un’alimentazione comprensiva delle giuste fibre, indispensabili per il corretto funzionamento dell’intestino.

Bere tanta acqua. Idratarsi aiuta l’intestino a ricevere la giusta quantità di liquidi, indispensabili per aumentare il volume delle feci e spingere ad andare di corpo. Durante il ciclo è bene quindi bere di più. Spesso si tende a fare il contrario nella speranza di sconfiggere la tanto temuta ritenzione idrica. Questo però è un pensiero sbagliato che porta ad un circolo vizioso dal quale si rischia di non uscire più. Bere nel modo giusto aiuterà, per assurdo, ad eliminare anche i liquidi di troppo.

Nervosismo prima del ciclo? Ecco da cosa dipende e come rimediare

Soffri di ritenzione idrica? Ecco perché e come risolvere il problema

Muoversi. Un blando esercizio fisico è di grande aiuto per l’intestino. Che si tratti di una camminata, del nuoto o di una sana attività aerobica, l’imperativo è muoversi. In questo modo si agevolerà infatti l’intestino a fare lo stesso. E ciò, in molti casi, può rivelarsi risolutivo. Sopratutto se affiancato ad una sana alimentazione.

Aumentare l’apporto di fibre. Come già detto, le fibre sono indispensabili per andare in bagno correttamente. Qualora inserirle nell’alimentazione non dovesse bastare si può ricorrere a quelle extra da assumere con cereali integrali come crusca d’avena o di frumento (meglio se senza zucchero) o fibre di psyllium da inserire solo dopo aver chiesto un parere al proprio medico curante.

Optare per degli aiuti extra. Se anche così non si dovesse trovare una soluzione, la prima mossa da fare è quella di rivolgersi ad un medico esperto di intestino. Prendersene cura e curarlo nel modo giusto aiuterà infatti a vivere meglio anche il periodo del ciclo. Di solito ci sono aiuti extra (che vanno presi dietro parere medico in quanto da personalizzare) come fermenti lattici o fibre di tipo diverso. In casi estremi è possibile far uso di integratori che aiutino l’acqua a raggiungere l’intestino.

Come già detto, però, i motivi per cui si fa fatica ad andare di corpo possono essere diversi e non si dovrebbe mai andare alla cieca. Farsi aiutare nel comprenderne la causa che si somma a quella della sindrome premestruale e trovare la soluzione giusta è sempre la scelta migliore nonché quella che aiuterà a vivere meglio.