Scrunchie mania: anche Jennifer Lopez con gli elastici anni ’80!

Gli elastici anni 80 sono tornati alla carica e sono l’accessorio più trendy del momento: hanno (ri)conquistato anche Jennifer Lopez!

In inglese si chiamano scrunchie ma in Italia non sono mai diventati particolarmente famosi con questo nome. Nonostante questo, però, tutte abbiamo indossato gli elastici di stoffa che sono andati terribilmente di moda negli anni ’80 e ’90. 

Si trattava infatti di un accessorio per tutte le età, che letteralmente avremmo messo quando eravamo bambine e ci saremmo tolte da adolescenti o addirittura da giovani donne.

Oggi le nostalgiche riconosceranno subito quell’oggetto così familiare, ma le nuove generazioni si stanno innamorando dello scrunchie per la prima volta, quindi quest’accessorio sta vivendo una nuova, entusiasmante giovinezza.

Ecco allora come si indossa e come si abbina lo scrunchie oggi, a oltre trent’anni dalla sua prima comparsa nella moda.

Come si portano nel 2021 gli elastici anni 80?

elastici anni 80
(Canva)

Le tendenze capelli, così come le tendenze nel make up e nella moda, si rinnovano continuamente, anche se spesso – come in questo caso – riescono a “ripescare” elementi vincenti che meritano di entrare di nuovo nei must have del momento.

Però, come si diceva, la moda cambia e oggi gli elastici anni ’80 non si portano più soltanto sulla coda di cavallo.

Bisogna dire, infatti, che un tempo non c’era moltissima fantasia su come indossare quest’accessorio per capelli e le varianti erano molto poche: sui capelli raccolti o semi raccolti, alla base di una treccia o di due trecce ai lati dei capelli.

Noioso? Un po’, ma per fortuna oggi ci sono molte altre variabili per indossare lo scrunchie.

Bun alto come Jennifer Lopez

L’acconciatura raccolta sulla sommità della testa è la più pratica in assoluto e può essere certamente annoverata tra le acconciature anti caldo di questo periodo.

La sua realizzazione è di una semplicità imbarazzante: si utilizza un elastico più piccolo e sottile per raccogliere i capelli il più in alto possibile, quindi si ripiegano le lunghezze “a cascata” intorno al primo elastico e si arrotolano i capelli fermandoli con delle forcine.

Solo a questo punto, cioè dopo aver realizzato un semplice messy bun, si utilizza lo scrunchie come semplice decorazione, infilandolo nel bun appena realizzato.

Il consiglio per questo look consiste nell’utilizzare uno scrunchie proporzionato alla lunghezza dei capelli: se fosse troppo ingombrante i capelli sembrerebbero molto pochi, mentre se fosse troppo piccolo potrebbe “scomparire” sotto la massa dei capelli ripiegati.

Space bun con scrunchie

Gli space bun sono stati riportati in auge da Chiara Ferragni, che li ha sfoggiati in più di un’occasione nel corso dell’estate. Si realizzano alla stessa maniera di un messy bun alto, semplicemente dividendo i capelli in due code da realizzare simmetricamente rispetto alla riga centrale dei capelli.

Anche in queso caso, dopo aver realizzato i bun, basta decorarli con uno o due giri di scrunchie abbinati.

Acconciatura molto graziosa, ma sicuramente adatta alle ragazze molto giovani, un po’ meno alle donne che hanno superato i Trenta.

Semi boxeur braid con scrunchie

Le trecce alla boxeur, cioè quelle che vengono intrecciate in maniera che siano aderenti alla testa, sono praticissime d’estate ma anche in autunno e in inverno hanno la loro utilità: tengono fermi i capelli soprattutto nelle giornate ventose e poi sono estremamente eleganti!

la versione con gli scrunchie si realizza semplicemente arrotolando le trecce dalla nuca in poi e poi fermandole con due elastici di piccole dimensioni.

Anche se in genere si utilizzano due elastici identici per le acconciature doppie, si può comunque prendere in considerazione l’idea di utilizzare due elastici diversi, purché siano abbinati tra loro.

Acconciatura semiraccolta anni Novanta

Come già accennato, tra gli anni Ottanta e Novanta non c’era moltissima fantasia nel portare i capelli raccolti con gli scrunchie, ma di certo questi elastici venivano indossati per decorare semplici acconciature semi raccolte rendendole più originali e accattivanti.

Tra le più iconiche in assoluto c’è questa romanticissima acconciatura “rovesciata” che si realizza semplicemente legando morbidamente le due fasce di capelli laterali e poi “capovolgendo” la coda facendola passare nello spazio che si crea al centro della testa.

Se si hanno i capelli particolarmente lunghi si può ripetere l’operazione anche due volte, in maniera da realizzare torciglioni più stretti sui lati.

Acconciatura semiraccolta con treccia e scrunchie

Un’alternativa molto carina, che si sposa benissimo con la tendenza recente delle “trecce imperfette” è quella che prevede la realizzazione di una semplice acconciatura semiraccolta legata con uno scrunchie.

Perché l’acconciatura venga bene è necessario raccogliere parecchi capelli, dal momento che poi la coda formata dallo scrunchie sarà suddivisa in tre parti e intrecciata.

Terminata la treccia la si dovrà “aprire” a regola d’arte per dare l’idea che sia un po’ spampanata e spettinata, quindi andrà chiusa con un micro elastico.

Scrunchie over size

Diversi decenni fa gli scrunchie erano semplici elastici di stoffa di dimensioni contenute e dai colori molto sgargianti. La tendenza più attuale però vede un capovolgimento della situazione: gli scrunchie più alla moda sono quelli giganteschi e in colori pastello, che vanno utilizzati rigorosamente su acconciature semplici come una coda di cavallo o un semplice chignon basso.

Realizzare acconciature più complesse o semiraccolte da abbinare a questo accessorio di dimensioni così importanti sarebbe inutile, perché gran parte del lavoro (nel caso di un’acconciatura intrecciata) sarebbe nascosto dalla stoffa.

Bubble braid con scrunchie

Le bubble braid sono un’acconciatura tanto semplice quanto geniale: si tratta infatti semplicemente di stringere intorno ai capelli una serie di elastici alla stessa distanza l’uno dall’altro e “gonfiare” un po’ i capelli in maniera che formino delle piccole bolle che daranno il nome a questo tipo di “falsa treccia”.

Leggi Anche => Trecce particolari: tutte le idee top per i capelli lunghi

L’idea alla base della variante con scrunchie è di coprire i micro elastici con scrunchie coordinati. Per questo tipo di treccia è fondamentale utilizzare scrunchie di piccole dimensioni e preferibilmente non tutti uguali tra loro.

L’idea più raffinata in assoluto consiste nel creare una sfumatura digradante dal principio alla fine dell’acconciatura, magari utilizzando un colore neutro o chiarissimo, perfetto sia sui capelli scuri che su quelli chiari.